Da Icardi a Morata, il Mondiale degli esclusi eccellenti

L'ultimo è stato Sané: Russia 2018, tutti i big non convocati per scelta

Da Icardi a Morata, il Mondiale degli esclusi eccellenti

È stata l'esclusione dell'ultimo momento ed è stata quella che ha fatto più rumore. Perché quando Joachim Löw ha annunciato la lista dei 23 convocati per il Mondiale e in Germania si sono resi conto che Leroy Sané era stato tagliato all'ultimo momento, per fare posto a Julian Brandt, si è scatenato un piccolo, grande, moto di dissenso nei confronti dell'uomo che guida la Nazionale dal 2006. Sané era reduce da una stagione che definire brillante è poco: classe '96, ha disputato 49 partite con il Manchester City, segnando 14 gol, fornendo 15 assist e vincendo il premio di giovane dell'anno in Premier League.

Löw ha giustificato così la sua decisione: "È stata una decisione sul filo del rasoio tra lui e Brandt e ho scelto quest'ultimo. Draxler, Reus e Müller erano già scelti, mentre Leroy... ha un grande talento e da settembre sarà di nuovo con noi, ma non è ancora 'arrivato' nei match internazionali. È stata una corsa sui centometri tra lui e Brandt e si è decisa al fotofinish". Una spiegazione che non ha convinto molti, soprattutto alla luce della chiamata di Reus, reduce da una stagione minata dagli infortuni, o dalla convocazione "vintage" di Mario Gomez.

Da Icardi a Morata, il Mondiale degli esclusi eccellenti

Quello di Sané è solo l'ultima esclusione eccellente dal Mondiale 2018. Non stiamo parlando di tutti quelli che non voleranno in Russia perché la loro Nazionale non si è qualificata (e quindi, oltre agli azzurri, i vari Alexis Sanchez, Bale, Alaba, Hamsik, Aubameyang, Skriniar), ma di coloro che in Russia non ci andranno per scelta del selezionatore.

Löw all'ultimo momento ha inserito anche Neuer, escludendo Leno... a favore di Trapp. Altra scelta che non ha convinto, ma si sta parlando del terzo portiere e quindi non influirà. Altro portiere che non ci sarà è Hart, escluso dall'Inghilterra. Va detto che mettendo insieme i vari esclusi e partendo da Leno, passando da Sané, si costruisce un undici davvero formidabile, e con diverse riserve, di esclusi di lusso. Pensiamo all'attacco: la Svezia ha detto no al ritorno in nazionale di Ibrahimovic, Sampaoli ha negato la chiamata a Mauro Icardi, la Spagna ha chiamato Rodrigo e Iago Aspas lasciando a casa Morata. Per non parlare della Francia (qui tutti gli esclusi di Deschamps) che vola in Russia con una squadra piena di talento ma senza Benzema, Lacazette, Martial, Ribery e molti altri.

Non ci saranno nemmeno Emre Can, più per una questione fisica, né Nainggolan, tagliato da Martinez per questioni tattiche. Niente Russia per Fabregas e Sergi Roberto, ma restano a casa anche protagonisti della stagione come Cancelo, Laporte, Marcos Alonso e Alex Sandro. Ecco, il Brasile farà a meno non solo del terzino della Juve ma anche di Fabinho, fresco di passaggio al Liverpool. Si godranno il Mondiale davanti alla tv e i club ringraziano: li avranno freschi e riposati, magari soltanto un po' più tristi.

TAGS:
Mondiali
Russia 2018

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X