Calcio

Notizie dal mondo del calcio

Tutte le news in tempo reale

Tempo reale

Le news di giornata

LAZIO, PAROLO: "AVANTI CON INZAGHI"

Marco Parolo ha commentato il pareggio contro il Bologna e soprattutto le voci sul futuro di Inzaghi. "Lo faccio io l'allenatore... Per noi è lui il nostro allenatore e il nostro ciclo continua con lui. Lui ci tiene, ha voglia, noi lo abbiamo seguito come sempre. Se lo immagino ancora alla Lazio l'anno prossimo? Si sta bene con lui, poi mi fa giocare...", ha detto a Sky il laziale.

BARZAGLI: "FUTURO? NESSUNO MI HA CHIAMATO"

"Non mi ha chiamato nessun allenatore, in questo momento non penso però di accettare questo ruolo. Non so nemmeno io cosa farò, inizierò a studiare e poi vedro' cosa saro' in grado di fare. Qualcosa ci inventeremo". Lo ha detto il difensore della Juventus Andrea Barzagli, che si ritirerà a fine stagione. "Con l'Atalanta è stata una serata particolare, una emozione enorme da cui mi riprendero' nei prossimi giorni - ha proseguito ricevendo il Premio Gentleman alla Scuola Militare Teulié a Milano -. Mi spiace soprattutto dover lasciare lo spogliatoio, ma adesso posso finalmente concedermi alla mia famiglia. Allegri? Non ci siamo detti niente, abbiamo vissuto entrambi delle emozioni perche' sapevamo di lasciare. Almeno per me è stato un pianto liberatorio per tutte le emozioni che ci sono state nella partita", ha concluso Barzagli.

IL PREMIO GENTLEMAN A BARZAGLI

Da Andrea Barzagli ad Alessio Romagnoli, da Krzysztof Piatek a Fabio Paratici. Ma senza rappresentanti dell'Inter. Serata di grande sport e spettacolo a Milano, dove si è conclusa un'altra edizione del Premio Gentleman, vinto dal difensore centrale della Juventus e della Nazionale che ieri ha giocato la sua ultima partita della carriera. Una serata trascorsa alla Scuola militare Teulié di Milano dove sono stati riconosciuti i valori di lealtà e sportività, di quel fair play, di cui purtroppo spesso si sente parlare ma che poco si pratica. Questi i riconoscimenti assegnati nel corso della serata: Premio Gentleman Fair Play Serie A, assegnato con i voti espressi dai tifosi di tutta Italia ad Andrea Barzagli. Premio Gentleman Serie B 'Pier Mario Morosini', assegnato da giuria della stampa sportiva su nomination della Lega Serie B al capitano del Brescia Daniele Gastaldello. Premio speciale miglior gol della stagione Ac Milan, votato dagli abbonati di Milan Tv, Krzysztof Piatek. Premi speciale miglior gol della stagione Fc Inter, votato dagli abbonati di Inter Channel, Lautaro Martinez. Premio speciale Gentleman rivelazione Ac Milan, assegnato da comitato organizzatore a Davide Calabria. Premio speciale Gentleman rivelazione Fc Inter, assegnato da comitato organizzatore a Lautaro Martinez. Premio Gentleman Fc Internazionale, assegnato con i voti espressi dai tifosi a Stefan De Vrij. Premio Gentleman Ac Milan, assegnato con i voti espressi dai tifosi a Alessio Romagnoli. Premio speciale Gentleman per lo spettacolo, Roby Facchinetti. Premio speciale Gentleman Uomo di Sport assegnato da Comitato Organizzatore a Demetrio Albertini. Premio speciale Gentleman Uomo di Sport assegnato da Comitato Organizzatore al Chief Football Officer della Juventus Fabio Paratici. Premio speciale Fedeltà, assegnato da Comitato Organizzatore ad Andrea Ranocchia. Targa menzione Talento Gentleman a Marco Pompetti, Primavera Inter.

LAZIO: LA NORD SALUTA DE ROSSI, LO STADIO FISCHIA

"La Nord saluta De Rossi fiero ed irriducibile nemico sul campo". Con questo striscione apparso al 10' del primo tempo di Lazio-Bologna dalla Curva Nord dell'Olimpico, una parte di tifosi biancocelesti (la firma è Curva Nord 12) salutano Daniele De Rossi dopo il suo addio alla Roma. Non appena esposto lo striscione, molti sono stati però i fischi del resto dello stadio, con tanto di cori contro il giallorosso e contro la Roma.

PESCARA, PILLON: "A VERONA SENZA CALCOLI"

Anticipata a questo pomeriggio la conferenza stampa del tecnico del Pescara, Giuseppe Pillon, che ha presentato la sfida di andata della semifinale playoff in casa del Verona, in programma mercoledì al "Bentegodi". L'allenatore di Preganziol (Treviso) cercherà proprio nel Veneto un risultato positivo, per poi giocarsi nella gara di ritorno il 26 maggio, il passaggio alla finale: "Non dobbiamo fare calcoli. Ce la giocheremo con intelligenza ma con coraggio. Non siamo portati a mantenere un risultato. Dobbiamo cercare di far gol. Conterà l'esperienza, la qualita', ma anche e soprattutto la testa. Sappiamo che e' una sfida che si gioca sui 180'. Abbiamo fatto tanti sacrifici e proveremo ad arrivare fino alla fine". Sull'avversario, Pillon ha aggiunto: "Il Verona è una squadra forte e con Aglietti fa un po' meno possesso palla ma piu' profondità e verticalizzazioni. Dovremo essere bravi a non farli giocare soprattutto a centrocampo. Ma quella veneta è una squadra esperta e composta da giocatori di valore in tutti i reparti. Non so che partita uscirà fuori. Credo però che sarà un match che potrebbe giocarsi a sprazzi". I biancazzurri che partiranno domani mattina per il Veneto, e poi effettueranno la rifinitura nel Veronese, saranno praticamente al gran completo. Recuperati Brugman, Campagnaro e Del Grosso. Diversi però i dubbi di formazione che Pillon scioglierà solo alla vigilia.

INTER, ZANETTI: "TRASMETTIAMO I VALORI DI FACCHETTI"

"Giacinto Facchetti per me è una persona importantissima, un punto di riferimento importante che solo con la sua presenza era fondamentale. Cerchiamo di trasmettere i suoi valori alle nuove generazioni. Ci vuole tempo ma speriamo di farcela". Lo ha detto Javier Zanetti, vicepresidente dell'Inter, da oggi entrato a far parte della 'Hall of fame' del calcio italiano nella categoria calciatore straniero. "Il sacrificio - ha aggiunto Zanetti - è un valore che mi accompagna fin da bambino perche' ho visto quanti sacrifici hanno fatto i miei genitori. E' un valore che mi accompagnera' per sempre e cerco di trasmettere questo valore anche ai miei figli perche' senza sacrifici non si riesce a fare strada". Parlando della rivalità meneghina, il vicepresidente nerazzurro ha osservato: "Milan e Inter sono due grandi club, con una grandissima rivalità, ma anche un grandissimo rispetto. E' stato un orgoglio ed un onore affrontare i grandi campioni che hanno vestito la maglia del Milan".

MANCINI: "ALLEGRI? 5 ANNI STRAORDINARI"

"La separazione tra Allegri e la Juventus? È la vita degli allenatori, a volte le cose vanno bene e continui, altre volte vanno bene e non continui. Noi siamo vaccinati anche a questo. Massimiliano esce benissimo da questi 5 anni, con 11 trofei: per lui sono stati cinque anni straordinari". Lo ha detto il ct della Nazionale italiana, Roberto Mancini, a margine della cerimonia della Hall of Fame della Figc a Firenze.

NAZIONALE, MANCINI: "È TROPPO CHE NON VINCIAMO L'EUROPEO"

"Da troppo tempo la Nazionale non vince un Europeo. Forse il 2020 potrebbe essere l'anno giusto". Lo ha detto il ct dell'Italia, Roberto Mancini, salito sul palco della cerimonia della 'Hall of fame del calcio italiano' per premiare Francesco Totti.

SAMP, FERRERO INCONTRA LA CORDATA VIALLI

Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, assente ieri a Verona per la gara contro il Chievo, è volato negli Stati Uniti per affari personali, oltre che per incontrare uno dei soci della cosiddetta cordata-Vialli, interessata da alcuni mesi a rilevare la società blucerchiata. Una mossa decisa per verificare la concretezza dell’offerta, che risulterebbe ad oggi comunque inferiore alla valutazione globale del club – intorno ai 130 milioni – stabilita dall’attuale proprietà.

TOTTI: "BISOGNA PUNTARE SUI GIOVANI"

"Mi fa piacere essere premiato da Giovanni, dalla sua famiglia. Sono onorato e orgoglioso di ritirarlo e sono contento di far parte di questa famiglia". Lo ha detto Francesco Totti, bandiera della Roma, che ha ricevuto oggi a Firenze il premio alla carriera assegnatogli l'anno scorso dal memorial "Niccolò Galli". Totti ha ricordato Niccolo' Galli, figlio dell'ex portiere Giovanni, morto nel 2001 in un incidente stradale, in particolare "il giorno del suo esordio in serie A, a Roma, nel 2000". Sul grande impegno di Totti nel sociale l'ex capitano dei Giallorossi ha precisato di "fare opere di beneficenza non perche' mi piace stare in prima fila, anzi". "Sui settori giovanili bisogna puntarci", ha aggiunto l'ex capitano della Roma che ha citato anche il talento di casa giallorossa Zaniolo: "Ha buone prospettive". "Quando si è giovani bisogna pensare a divertirsi e basta - ha concluso Totti . L'importante è crescere con educazione, rispetto, con i valori trasmessi dalla propria famiglia".

FIORENTINA, ANTOGNONI PREDICA CALMA

"Dobbiamo stare tranquilli fino a domenica. Credo che alla fine arriverà un risultato positivo. Dispiace per la situazione che si è creata". Lo ha detto il dirigente della Fiorentina Giancarlo Antognoni, nel corso della cerimonia della Hall of fame del calcio italiano parlando della lotta per non retrocedere che coinvolge la squadra viola impegnata domenica in un vero e proprio spareggio contro il Genoa. Antognoni è entrato nella Hall of fame nella categoria dei calciatori veterani.

EMPOLI, CORSI: "50% DI CHANCE PER LA SALVEZZA"

"Le nostre chance salvezza? Dico un 50%. Ieri prima della partita contro il Torino avevamo un 20-30%, dopo la vittoria le cose si sono equiparate. E' veramente un finale thrilling, bellissimo". Così Fabrizio Corsi, presidente dell'Empoli, ha commentato a "La Politica nel Pallone" su Gr Parlamento la sfida di domenica in casa dell'Inter, dove i toscani si presentano per cercare i punti della matematica salvezza. "Sarà una settimana di fibrillazione, di lavoro, però anche di entusiasmo, la prepareremo con questa mentalità - ha aggiunto -. E' un'occasione che ci siamo creati strada facendo anche quando sembrava impossibile". "Ci siamo, accompagnati anche da una bella condizione fisica e psicologica, abbiamo recuperato dei calciatori dopo aver giocato delle partite decisive falcidiati dagli infortuni - ha proseguito -. Scendiamo in campo con la mentalità di giocarcela con chiunque".

ALLEGRI: "JUVE CONTINUERÀ A VINCERE, E' NEL SUO DNA"

"La Juve continuerà a vincere è nel suo Dna. Lascio una squadra vincente e sono felice di questi anni che ho passato e anche oggi ho la possibilità di ringraziare tutti". Massimiliano Allegri saluta così la Juventus nel corso della cerimonia a Firenze della Hall of fame della Figc, in cui l'allenatore toscano è stato premiato. "Un consiglio a chi verrà dopo di me? Consigli no, non riesco a darli, ma chi verrà al mio posto avrà una società forte alle spalle", ha aggiunto.

MLS, ROONEY: "VOGLIO ESSRE COME I BEATLES"

Come i Beatles. Questo l’obiettivo di Wayne Rooney, sbarcato negli Stati Uniti il 28 giugno 2018 per indossare la maglia del DC United. L’attaccante inglese, come riporta il Sun, ha infatti affermato di voler imprimere oltreoceano un segno analogo a quello lasciato dalla nota band di Liverpool: “Ricordo che i Beatles arrivarono negli Usa negli anni ’60: io spero di poter avere lo stesso impatto che ebbero loro”.

EMPOLI, TRAORE': "CREDIAMO NELLA SALVEZZA, LA MERITIAMO"

"Ci crediamo fortemente alla salvezza e ce la meritiamo. Sappiamo che l'Inter è una squadra fortissima però noi siamo l'Empoli e andremo" a Milano "per metterli in difficoltà". Lo ha detto il centrocampista dell'Empoli Traorè a margine della presentazione del 18° memorial Niccolò Galli, in vista di Inter-Empoli, gara valida per l'ultima giornata di serie A e decisiva sia per la lotta Champions che per quella relativa alla salvezza. "Sarà dura ma un miracolo ci può anche stare. Ieri abbiamo fatto una grande partita". Alla domanda sulla possibilità che quella di domenica sia l'ultima gara con la maglia dell'Empoli, Traorè ha risposto di "pensare all'Inter. Con l'Empoli ho un contratto fino al 2022, il futuro si vedrà dopo".

JUVE, DOMANI SI OPERA CANCELO

Dopo la partita di ieri e la successiva festa per la consegna della Coppa dello Scudetto, la Juventus usufruisce di quattro giorni di riposo, concessi dal tecnico Allegri. In vista dell'ultima di campionato, contro la Sampdoria a Marassi, la squadra riprenderà ad allenarsi venerdì mattina. Domani, informa il club bianconero, Joao Cancelo si sottoporrà a un intervento chirurgico, per la riduzione della frattura delle ossa nasali, occorsa in seguito al trauma contusivo subito ieri in partita.

TORINO, RINCON: "FIGURACCIA A EMPOLI MA CI RIALZEREMO"

Il Torino si lecca le ferite di Empoli dove, con una clamorosa sconfitta per 1-4, ha perso il treno per l'Europa. E Rincon promette una chiusura degna nell'ultima giornata, ormai platonica, contro la Lazio al Grande Torino. "Dispiaciuto per il risultato e soprattutto per voi (tifosi) - scrive El General su Instagram - che siete venuti a sostenerci e a sognare insieme. Ci rialzeremo, non si può chiudere questo bel campionato con una figuraccia".

JUVE, SZCESZNY: "ALLEGRI HA PIANTO, STRANO VEDERLO ANDARE VIA"

"Allegri ha pianto, era molto emozionato ed eènormale: sono stati tre giorni belli ma anche strani". Wojciech Szczesny racconta così il weekend dell'addio al tecnico degli ultimi cinque scudetti della Juventus. "Sarà molto strano vederlo andare via - spiega il portiere polacco, alla prima stagione da titolare in bianconero - Gli vogliamo bene e gli facciamo un grande in bocca al lupo, ovunque andrà". Quella pareggiata contro l'Atalanta è stata l'ultima partita della stagione per Szczesny che tra una settimana, nella trasferta di Marassi contro la Sampdoria, lascerà spazio a Pinsoglio. "Un bravo ragazzo oltre che il portiere più forte di tutti noi, vi giuro. Sono contento di farlo giocare quest'ultima partita", sostiene Szczesny, che ha parole di elogio per Aaron Ramsey, suo compagno all'Arsenal e pronto ad indossare nella prossima stagione la maglia della Juventus. "L'ho portato anche a cena l'altro giorno - rivela - È un giocatore molto forte, che sicuramente ci darà una grande mano per vincere altri trofei. De Rossi? É sempre stato un grande giocatore, ho fatto due anni con lui a Roma, è un grande uomo e un grande capitano. Sono sorpreso che sia finita così".

JUVE, LAPO: "ANCHE QUEST'ANNO I PIÙ FORTI"

"Anche quest'anno la mia squadra del cuore si è confermata la più forte, vincendo l'ottavo scudetto consecutivo grazie a uomini - oltre che giocatori - dal valore straordinario". Parole di Lapo Elkann, fondatore e direttore creativo del brand Italia Independent che scende in campo con Juve per festeggiare l'ennesimo record: 8 scudetti consecutivi in 8 anni. "Un grazie speciale a mio cugino Andrea Agnelli, artefice di questo percorso che anno dopo anno porta la Vecchia Signora a battere record su record", aggiunge Elkann. "Nei festeggiamenti non dobbiamo dimenticare l'apporto dei tifosi, persone che come me vivono di Juve e per Juve, che hanno sostenuto la squadra durante la stagione dimostrando un amore incondizionato. La Juve è W8NDERFUL ed io, insieme alla mia azienda, sono orgoglioso di celebrarla ancora una volta - fino alla fine - con un'edizione speciale di occhiali da sole", conclude.

PARMA, D'AVERSA: "SODDISFAZIONE PER LA SALVEZZA, NULLA E' SCONTATO"

"C'è soddisfazione per aver raggiunto un obiettivo. Non siamo mai stati in lotta per la retrocessione. Purtroppo alla fine del campionato, vuoi per qualche infortunio vuoi per qualche prestazione, ci siamo trovati a lottare, la cosa importante è avere raggiunto l'obiettivo, nel calcio di scontato non c'è nulla". Così il tecnico del Parma Roberto D'Aversa all'indomani del successo sulla Fiorentina che ha regalato ai ducali la salvezza matematica. "Se mi aspettavo una salvezza con meno affanni? Ci sono state delle partite che hanno alzato la media, come le sconfitte di Napoli a Empoli e della Juventus con la Spal che hanno influenzato la quota salvezza. Ad oggi con 40-41 punti qualcuno non è ancora certo di salvarsi", ha spiegato ai microfoni di Radio anch'io su Radiouno. "Mi auguro che in un futuro il verdetto del campo si decida non si decida tramite il calendario ma per meritocrazia".

TRAGEDIA IN BOLIVIA, ARBITRO MORTO IN CAMPO

Una vera e propria tragedia si è verificata su un campo di prima divisione in Bolivia. Durante la partita tra Always Ready e Oriente Petrolero, l'arbitro Víctor Hugo Hurtado, di appena 32 anni, è morto per un doppio arresto cardiorespiratorio. Il direttore di gara si è accasciato al suolo e non c'è stato niente da fare per i medici nonostante i tentativi di rianimazione. L'Estadio Municipal Villa Ingenio è il più alto del mondo e si trova a 4.150 metri sul livello del mare. La partita, forse perché in un primo momento non si pensava che Víctor Hugo Hurtado fosse morto, è comunque proseguita e terminata sul punteggio di 5-0 per il club Always Ready.