Calcio

Notizie dal mondo del calcio

Tutte le news in tempo reale

Tempo reale

Le news di giornata

OZIL, ERDOGAN COME TESTIMONE DI NOZZE: CRITICHE IN GERMANIA

In Germania continua a suscitare polemiche l'amicizia tra Mesut Ozil e Recep Tayyip Erdogan. Il giocatore dell'Arsenal ha scelto infatti il presidente della Turchia come suo testimone di nozze per il matrimonio che verrà celebrato in estate e la decisione ha subito sollevato un gran polverone, incassando anche le critiche di Angela Merkel. "È una decisione privata - ha dichiarato il Cancelliere -. Ma è una delusione per tutti noi se uno che ha indossato così a lungo la maglia della nazionale e ha visto quale reazione abbia provocato nell'opinione pubblica il suo primo incontro con Erdogan, fa una scelta simile". "I calciatori sono figure simbolo della nostra società, con i quali la gente si identifica molto di più che con i politici", ha aggiunto.

ALBANIA, STRAKOSHA PERDE L'AEREO: ESCLUSO DAI CONVOCATI

Giornata da dimenticare per Thomas Strakosha. Il portiere della Lazio ha perso l'aereo e il ct dell'Albania Christian Panucci ha deciso di escluderlo dalla lista dei convocati per le gare di qualificazione a Euro 2020 contro Turchia e Andorra. Dura la presa di posizione del presidente della Federcalcio albanese: "Mi dispiace per Strakosha, la disciplina è la cosa più importante. Da quello che mi ha riferito l’allenatore, Thomas non aveva delle ragioni oggettive per essere assente". Al suo posto è stato convocato il portiere dell'Under 21 Selmani.

SERIE A: TRE TURNI DI STOP PER AINA

Il giocatore del Torino Ola Aina, espulso sabato sera durante la gara contro il Bologna, è stato squalificato per tre giornata dal giudice sportivo. La pesante sanzione viene motivata "per avere assunto un atteggiamento intimidatorio nei confronti del direttore di gara". Oltre al giocatore del Torino, il giudice ha squalificato altri 7 giocatori. Si tratta di Lyanco (Bologna), Pezzella (Fiorentina), Goldaniga (Frosinone), Nkoulou (Torino), Pavoletti (cagliari), Silvestre (Empoli) e Zielinski (Napoli).

NAZIONALE, ALLARME CHIESA: SI FERMA IN ALLENAMENTO

Allarme per Mancini: Federico Chiesa è stato costretto a interrompere l'allenamento della Nazionale a Coverciano per un problema agli adduttori. Le condizioni dell'esterno della Fiorentina verranno valutate nelle prossime ore.

UNDER 21, MERET: "SOGNO UNA FINALE EUROPEA NELLA MIA UDINE"

"Mi sento onorato di trovarmi di nuovo qui in Under 21 dopo l'infortunio, sono felicissimo di vestire la maglia azzurra". Alex Meret torna a far parte del gruppo azzurro "dopo un periodo non facile, ma ora sto bene - assicura il portiere del Napoli, fresco di convocazione con gli azzurrini di Gigi Di Biagio - Sto trovando la giusta continuità nel club e questo mi ha aiutato a tornare. Adesso voglio dare il mio contributo anche a questa squadra. Ho un bellissimo rapporto sia con Audero che con Scuffet, li conosco dalle nazionali giovanili e non c'è mai stata rivalità tra noi, anzi c'è stima e amicizia. Giochera' ovviamente solo uno di noi, ma questo lo deciderà l'allenatore. L'obiettivo e' quello di arrivare il più lontano possibile in questo europeo, ci stiamo preparando bene per arrivare pronti a giugno. Oltretutto la finale sarà ad Udine e per me sarebbe un sogno poterla giocare, visto che lì sono nato e cresciuto calcisticamente".

NAPOLI, OSPINA VICINO AL RIENTRO IN GRUPPO

"David Ospina ha avuto un trauma cranico non commotivo, adesso sta bene a casa e nel giro di qualche giorno può tornare ad allenarsi". Lo ha detto Alfredo Bucciero, primario del reparto di Neurochirurgia presso il Pineta Grande Hospital, dove è stato ricoverato il portiere del Napoli, nel corso di una breve intervista a Mattina 9, il morning show in onda su Canale 9 - 7 Gold.

SERIE B: 12 FERMATI, NON OMOLOGATO BENEVENTO-SPEZIA

Sono 12 i calciatori fermati dal giudice sportivo di Serie B a margine della 10a giornata di ritorno. Tutti squalificati per un turno ad eccezione di Pasciuti (Carpi), che salterà 2 gare. Gli altri 11 squalificati sono: Kresic (Carpi), Lee (Verona), Volta (Benevento), Mendes (Livorno), Addae (Ascoli), Falasco (Perugia), Jallow (Salernitana), Marrone (Verona), Ninkovic (Ascoli), Okereke (Spezia), Tonucci (Foggia). Non omologato il risultato di Benevento-Spezia (terminata 2-3), dopo il reclamo del club sannita in ordine alla regolarità della gara. Al centro del ricorso c'è la posizione di David Okereke, il cui tesseramento potrebbe essere considerato irregolare alla luce dell'inchiesta della procura della Spezia sull'immigrazione clandestina di 13 baby calciatori nigeriani arrivati in Italia, tra cui proprio Okereke.

NAZIONALE, BERNARDESCHI: "SOGNO DI DIVENTARE UN SIMBOLO"

"Spero di diventare uno dei simboli di questa Nazionale come sono stati in passato i Rossi e i Baggio. È il mio sogno ma so che lo è un po' di tutti". Così Federico Bernardeschi dal ritiro di Coverciano dove sta preparando le prime gare valide per le qualificazioni europee, contro Finlandia e Liechtenstein. "In questa Italia ci sono tanti leader, penso a Chiellini, Bonucci, Sirigu, io credo di essere fra questi - ha aggiunto lo juventino - Rispetto al passato ho lavorato tanto sulla testa e sono più consapevole dal punto di vista personale prima ancora che sportivo".

JUVE, CANCELO: "CON CR7 IN SQUADRA TUTTO PIU' FACILE"

"Avere un giocatore come Cristiano in squadra rende tutto più facile. Non deve dimostrare niente a nessuno. Sia in nazionale che in ogni club dove gioca, fa la storia". Così il difensore della Juve Joao Cancelo nella conferenza stampa dal ritiro del Portogallo. Il terzino lusitano oltre che del ritorno di CR7 in nazionale ha parlato anche della sua prima stagione in bianconero. "Sto facendo bene. Ogni anno che passa imparo e in questo momento mi sto allenando con due dei migliori difensori del mondo, Chiellini e Bonucci. Il livello è molto alto e sento che imparo molto. Oggi sono un giocatore migliore di un anno o due fa".

FRANCIA, DESCHAMPS: "AVANTI FINO AI PROSSIMI MONDIALI"

"Mi piacerebbe continuare fino alla prossima Coppa del Mondo (2022 in Qatar, ndr), ma prima pensiamo agli Europei". Così il ct della Francia campione del Mondo, Didier Deschamps, in un'intervista con l'AFP in vista dell'inizio delle qualificazioni a Euro 2020. "Ho un ottimo rapporto con il mio presidente (Noël Le Graët, Ed). Ho un contratto fino agli Europei (2020, ndr) e questa è l'unica certezza oggi", aggiunge il tecnico francese. "Potrei continuare fino alla prossima Coppa del Mondo, ovviamente, mi piacerebbe (sorride) ma vedremo. Ci conosciamo abbastanza bene, abbiamo rispetto e affinità", dichiara ancora Deschamps. "È comunque tutto legato ai risultati, per cui prima di pensare al 2022 ci sono le qualificazioni a Euro 2020", conclude il ct della Francia.

PREMIER, IL CHELSEA CAMBIA PADRONE?

Il Chelsea cambia padrone? Può darsi. Intanto, le voci di un interessamento di Jim Ratcliffe alle quote del club sono sempre più insistenti e, secondo quanto pubblica oggi il Daily Mirror - ma la notizia nei giorni scorsi era anche apparsa sul Times - ci sarebbe già un'offerta pronta. L'uomo più ricco del Regno Unito si dice pronto a prendere in mano il club di Stamford Bridge. Sir Jim ha fatto fortuna con la compagnia petrolchimica Ineos, ma ha sempre voluto acquisire una squadra di Premier League. Il 66enne magnate britannico ha un patrimonio stimato di oltre 21 miliardi di sterline e di recente ha acquistato il Team Sky. Tuttavia, resta da stabilire se l'uomo d'affari di Manchester riuscirà a convincere il russo Roman Abramovich a volergli cedere il Chelsea. I giornali scrivono che l'attuale patron chiederebbe almeno 2,5 miliardi di sterline per consegnare il club 'Blues' che, oltre 15 anni fa, acquistò per 'soli' 140 milioni di sterline. Ratcliffe possiede già la squadra svizzera di calcio del Losanna, ma ha sempre avuto in mente la Premier. Ratcliffe tornerebbe ai grossi investimenti sul Chelsea dopo qualche stagione di spese col contagocce da parte di Abramovich che in questi giorni deve gestire inoltre la grana legata alla posizione di Maurizio Sarri, che molti danno vicino all'esonero dopo il ko di Liverpool, contro l'Everton.

BRASILE, TELLES: "MI ASPETTAVO LA CHIAMATA DELL'ITALIA"

Diventato un punto fermo del Porto, l'ex Inter Alex Telles ha trovato in Portogallo il giusto ambiente per esplodere definitivamente e ora da molti è considerato uno dei migliori esterni sinistri in circolazione, tanto che si è anche meritato la prima convocazione nella nazionale brasiliana. Nella sua prima conferenza stampa da giocatore verdeoro, Telles non ha nascosto che si sarebbe aspettato una chiamata da parte dell'Italia: “Mentirei se dicessi che non mi aspettavo una convocazione da parte dell’Italia. Fino ad ora c’era stata anche questa possibilità, ma comunque il Brasile ha sempre rappresentato il mio sogno. Ho lavorato tantissimo e combattuto tantissimo per raggiungere questo mio obiettivo”.

MANCHESTER, IBRA CONTRO GLI EX UNITED

Zlatan Ibrahimovic è tornato a parlare della propria esperienza nel Manchester United e lo ha fatto, come sempre, senza peli sulla lingua, attraverso le colonne del Mirror. Lo svedese è stato molto duro nei confronti di alcuni nomi storici dei 'Red devils', come Gary Neville, Paul Scholes o Paul Ince. Secondo lo svedese, i tre approfittano della propria posizione per accusare alcuni giocatori della squadra allenata da Solskjaer, in particolare Paul Pogba. Ibra rimprovera loro di avere criticato il club da quando non ne fanno più parte e non lo hanno fatto invece quando c'erano dentro. "Non sono più nel club. Non possono lamentarsi e criticare tutto il tempo. Se vogliono lavorare nel club ci provino", ha sottolineato Ibrahimovic. Secondo Ibra, questi ex giocatori si prendono la licenza di criticare Pogba troppo spesso. "Il cerchio di ex giocatori di Ferguson non mi piace, perché hanno cominciato a parlare dopo che il loro allenatore li ha lasciati, non prima. Adesso parlano in tv, ma non so se hanno ricevuto l'autorizzazione da Ferguson".

UDINESE, DE MAIO: "TESTA AL GENOA, BISOGNA VINCERE"

Sebastien De Maio carica i compagni su Instagram in vista della prossima partita con il Genoa: "L’unico vero fallimento sta, in realtà, nel permettere alla sconfitta di avere la meglio su di noi - scrive il difensore -. Testa alla prossima partita, ci sarà da combattere tutti insieme per ottenere la vittoria in casa nostra".

MIGLIOR GIOCATORE CECO: SCHICK E' 7°

E' Tomas Vaclick del Siviglia il miglior giocatore ceco dell'ultima stagione. In classifica, al settimo posto, c'è anche Patrik Schick della Roma.

MILAN, MULTA IN ARRIVO PER BIGLIA E KESSIE

Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport oggi in edicola, la lite in panchina fra Kessie e Biglia durante il derby sarà punita duramente dal Milan al rientro dell'ivoriano dalla nazionale. In arrivo una doppia multa.

SPAGNA, FABIAN RUIZ LASCIA IL RITIRO

Fabian Ruiz abbandona il ritiro della nazionale spagnola alla Ciudad del Fútbol di Madrid. Il centrocampista del Napoli soffre di un attacco febbrile, che l'ha costretto a saltare anche la sfida di campionato contro l'Udinese. Al suo posto Luis Enrique ha chiamato Saúl, centrocampista dell'Atletico Madrid.

Le news di giornata

MAROTTA: "ICARDI POTRÀ DARE MOLTO ALL'INTER"

Beppe Marotta, ad dell'Inter, è intervenuto telefonicamente al Premio Mestrelli e ha colto l'occasione per parlare del derby appena vinto e di Icardi: "Ho vissuto il mio primo derby della Madonnina, è stata una grande emozione e una grande felicità al fischio finale anche perché venivamo da un momento negativo. Consolidare questo risultato con una bella prestazione ci dà fiducia per il futuro. Icardi? Spero tanto si possa ricomporre questa situazione quanto prima. Una società delle volte agisce come una famiglia e il capo famiglia prende decisioni per il bene dei figli. Non ci sono motivi punitivi, l’obiettivo è di far crescere i propri ragazzi. Icardi è un bravo ragazzo, ha dato molto e potrà dare molto. Purtroppo è alle prese con questo problema al ginocchio e mi auguro che quando finirà la terapia riabilitativa possa tornare in gruppo. Questo è il mio auspicio".

TRONCHETTI PROVERA: "UN'INTER EMOZIONANTE. ICARDI? SPERO SI RISOLVA TUTTO"

"L'Inter deve sempre crearci emozioni particolari. E' stata una bella partita di calcio, questo e' quello che vogliono vedere gli spettatori, con un'Inter imprevedibile che ha regalato emozioni ed ha giocato un bel calcio. Bravi tutti, onore al calcio". Cosi' Marco Tronchetti Provera, ad di Pirelli, all'indomani del successo dei nerazzurri nella stracittadina. "E' una vittoria dal sapore dolcissimo e deve avere anche il sapore dello stimolo perche' la capacita' dei calciatori c'e'", ha spiegato ai microfoni de 'La Politica nel Pallone' su Gr Parlamento. "Se si impegnano come hanno fatto ieri, possono dare grandi risultati e spero sia l'inizio di una nuova serie di belle partite. Lautaro Martinez forte come Icardi? E' diverso, e' un trequartista che sa liberare bene i suoi compagni, ha visione di gioco, e' forte, se continua cosi' puo' diventare un campione", ha aggiunto. Ma per la panchina dell'Inter e' gia' scattato il toto allenatore: "L'importante e' che fino all'ultimo giorno l'allenatore sia l'allenatore della squadra", ha sottolineato Tronchetti. "Lo spogliatoio deve essere unito, l'autorita' dell'allenatore non deve essere messa in discussione fino all'ultimo giorno. Bisogna essere sempre con l'allenatore". Quindi un commento sul caso Icardi: "E' un grande calciatore, con lui davanti la capacita' offensiva della squadra diventa fortissima. Mi auguro che tutto si risolva nel modo migliore. Il possibile scambio Icardi-Dybala? Non voglio entrare in questo, Icardi e' dell'Inter fino all'ultimo giorno. L'importante e' che tutti lavorino insieme, il successo e' di tutti. Mi auguro che sia anche di Icardi, che finiscano le polemiche e che si abbia una grande Inter con uno spogliatoio fortissimo. Gli sportivi - ha aggiunto - vogliono che la squadra ci metta passione, la stessa che mettono tutti quelli che vanno allo stadio e soffrono a casa". - "Marotta? Puo' dare moltissimo, ha un'esperienza unica, viene da successi importantissimi, ha tutte la qualita' per aiutare a costruire quella grande squadra che deve diventare l'Inter". Ma a dominare il campionato anche quest'anno e' la Juventus, che "e' di una categoria diversa a tutti", ha continuato Tronchetti. "Ci sono buone squadre ed una grande squadra. Da sportivo e amante del calcio mi auguro che anche diventino grandi squadre anche Milan, Inter e Napoli. L'ottavo scudetto dei bianconeri? Sono cose a cui non ci si abitua... rimane una sensazione negativa ma lo stimolo e' forte. Se la Juve puo' vincere la Champions? Posso solo farle gli auguri. Giocano in modo encomiabile, quando il calcio e' cosi' non ha piu' colori". Infine, sull'argomento stadio: "La Juve dimostra che con lo stadio nuovo si fanno cose meravigliose. San Siro e' nel cuore, abbandonarlo sarebbe una sofferenza, ma questo e' soggettivo. Uno stadio di dimensioni piu' piccole e' senza dubbio un contributo ai successi della squadra".

FIORENTINA, COGNINI: "PAROLE PIOLI POCO LOGICHE"

Le parole del tecnico Stefano Pioli dopo il pareggio casalingo contro la Lazio sono sembrate al presidente della Fiorentina Mario Cognigni, poco logiche. "Siamo d'accordo con il mister che a fine stagione, dopo questo primo ciclo, si dovranno analizzare tutte le cose positive che hanno funzionato e quelle che hanno funzionato un poco meno - ha sottolineato Cognigni -. Solo dopo questa analisi si potranno tracciare eventuali linee guida per il futuro. Parlarne adesso, in modo estemporaneo, con il risalto mediatico che gli e' stato dato, mi e' sembrato poco logico, poco significativo, in confronto agli obiettivi che la squadra deve rincorrere". Il presidente venerdi' scorso, contro il Cagliari, dice di aver visto una squadra "spaesata, senza una sua identita', incapace di proporsi con autorita' e quindi molto diversa da quella della prima parte del campionato che ci faceva ben sperare. Questo dovra' essere motivo di riflessione per tutti. Cognigni, per la sua Fiorentina, che adesso dovra' le ultime dieci giornate di campionato e la semifinale di ritorno di Coppa Italia contro l'Atalanta, non vuol sentire parlare di cali di concentrazione: "Un calo di tensione o peggio deconcentrazione, in questa ultima parte della stagione, non vogliamo nemmeno prenderli in considerazione", ha concluso.

ITALIA, SUBITO PROVE DI ANTI-FINLANDIA

Subito prove anti-Finlandia per la Nazionale radunata da oggi a Coverciano per le prime due gare di qualificazione agli Europei 2020, il 23 e il 26 marzo. Il ct Roberto Mancini non ha perso tempo e fin dal primo allenamento di questo pomeriggio ha svolto esercitazioni tecnico-tattiche con i giocatori della probabile formazione titolare: modulo 4-3-3, davanti a Donnarumma una linea difensiva composta da Florenzi, Bonucci, Chiellini e Biraghi; a centrocampo Barella, Jorginho e Verratti; in attacco Chiesa, Immobile e Bernardeschi. Ad alcuni di loro si sono alternati Piccini, Grifo e Quagliarella. Mentre altri, fra i quali Zanioli, Pavoletti e Lasagna, hanno iniziato svolgendo lavoro a parte.

MLS, PROPOSTA PER AVERE PROMOZIONI E RETROCESSIONI

Rivoluzionare la Major League Soccer introducendo promozioni e retrocessioni. E' questa la proposta di oltre 100 club attualmente fuori dalla Mls espressa in una lettera consegnata tra gli altri al presidente della Fifa Gianni Infantino e al numero uno della federcalcio statunitense Carlos Cordeiro. L'intento è quello di creare un sistema aperto, in linea con i requisiti Fifa, e confuta l'idea che la prospettiva di una retrocessione rappresenti un disincentivo per gli investitori. . La lettera fa anche riferimento al ricorso presentato da Miami Fc e Kingston Stockade FC presso il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna. "Comprendiamo i loro sforzi nel portare la questione dell'articolo 9 e delle promozioni e retrocessioni all'attenzione della Fifa e della federcalcio Usa - è la posizione dei club fuori dalla Mls espressa da Kessell - . Vogliamo far sapere che non sono le uniche società che vogliono che ciò accada. Un sistema aperto è quello che i club, i giocatori e i tifosi di tutti gli Stati Uniti vogliono vedere nel calcio americano".

UNDER 21, DI BIAGIO: "AUSTRIA E CROAZIA TEST IMPORTANTI PER I 23 DELL'EUROPEO"

L'Under 21 è da oggi a Roma in vista delle gare contro Austria (giovedì a Trieste) e Croazia (lunedì a Frosinone). "Si tratta di due test ravvicinati nei quali possiamo trovare delle soluzioni in vista della scelta finale dei 23 - ha spiegato il ct Gigi Di Biagio -. Questi raduni mi servono per testare altri ragazzi, mentre a coloro che in questo momento potrebbero essere in dubbio per la lista dei 23 servono per mettersi in mostra".

NAPOLI, OSPINA DIMESSO

David Ospina è stato dimesso dalla clinica Pineta Grande di Castel Volturno (Caserta) in buone condizioni di salute. Tutti gli esami a cui si è sottoposto, si apprende, hanno dato lo stesso esito tranquillizzante di quelli svolti all'ospedale San Paolo ieri sera. Il portiere è tornato nella sua abitazione insieme alla moglie e rimarrà a riposo oggi e domani dopo l'infortunio alla testa subito in Napoli-Udinese. Ospina resterà a Napoli e non risponderà alla convocazione della nazionale colombiana per le amichevoli contro il Giappone e la Corea del Sud.

UNDER 21: PINAMONTI KO, ARRIVA VIDO

Andrea Pinamonti ha lasciato il ritiro della Nazionale Under 21, a causa di un infortunio riportato con il Frosinone, suo club di appartenenza. Al suo posto il commissario tecnico azzurro Luigi Di Biagio ha convocato l'attaccante del Perugia, Luca Vido.

CORI RAZZISTI A KIEV, IL CHELSEA SPORGE DENUNCIA

Il Chelsea ha presentato una denuncia formale alla Uefa su presunti abusi razzisti contro uno dei suoi giocatori nel corso del match di Europa League in casa della Dinamo Kiev, vinto dai Blues 5-0. Lo ha annunciato il club londinese: "La questione - spiega - è stata segnalata all'arbitro al fischio finale e il presidente e il segretario del club hanno parlato con il delegato Uefa subito dopo la partita. Ci aspettiamo che la Uefa conduca un'indagine approfondita. Noi forniremo piena collaborazione". Secondo la stampa britannica il giocatore colpito dagli insulti razzisti Callum Hudson-Odoi, autore del quinto gol per la formazione di Sarri.

GENOA, PERINETTI: "BATTERE LA JUVE E' STATO SODDISFACENTE"

"Battere la Juventus è stato soddisfacente; sia all'andata sia al ritorno abbiamo fatto due ottime prestazioni. L'esultanza di Pandev riguarda un giocatore che ha ancora voglia di divertirsi a pallone ed è un esempio per i più giovani". Lo ha detto il dg del Genoa Giorgio Perinetti ai microfoni di Radio Crc all'indomani del successo casalingo contro i bianconeri. "Lo terremo fino a quando vorrà. Sturaro è un giocatore molto bravo e ha esperienze alle spalle per poter fare bene. Ha l'entusiasmo e lo spirito genoano e nel tempo, risponderà ai commenti da bar fatti nell'ultimo periodo - ha proseguito il dirigente del 'Grifone' - Criscito è un giocatore che ha rifiutato offerte dallo Zenit e da squadre italiane in lotta per la Champions perché ama Genoa. Romero ha fatto una grande partita e non si è fatto condizionare dall'ammonizione".

UNDER 21, PINAMONTI LASCIA IL RITIRO

Andrea Pinamonti, attaccante del Frosinone, lascia ritiro dell'Italia Under 21 a Roma a causa di un infortunio. Al suo posto il ct Di Biagio ha convocato l’attaccante del Perugia Luca Vido.

NAZIONALE, MANCINI: "BALO E BELOTTI NON SONO PRONTI"

"Belotti penso che possa fare molto meglio e possa ritornare in Nazionale come altri. Adesso sta migliorando e sicuramente potrà ritornare. Balotelli credo che non sia ancora nelle condizioni ottimali, è migliorato a livello fisico e ha una buona media realizzativa. Da lui ci aspettiamo tanto, è nel massimo della maturazione e per tornare in Nazionale deve fare il massimo". Lo ha detto il commissario tecnico, Roberto Mancini, oggi al centro tecnico federale di Coverciano, dove la Nazionale ha iniziato il ritiro in vista delle partite del 23 marzo, a Udine contro la Finlandia, e del 26 marzo, a Parma contro il Liechtenstein, prime due gare del girone di qualificazione per l'Europeo 2020.

ICARDI: "MILANO E' SOLO NERAZZURRA"

La foto del Duomo di Milano vestito di nerazzurro e la scritta "Milano è solo nerazzurra" e il post "Buongiorno Milano" con tanto di emoticon che applaude. Mauro Icardi, con un messaggio sul suo profilo Instagram ha salutato così il successo della sua squadra ieri nel derby in casa del Milan. Icardi è fuori squadra da quasi un mese.

INTER, POLITANO: "ICARDI? NORMALE CHE CI MANCA"

"E' normale che ci manca. E' un giocatore che è stato importante per noi". L'attaccante dell'Inter Matteo Politano all'indomani del successo nel derby ha speso delle belle parole nei confronti del suo ex capitano Mauro Icardi: "Davanti abbiamo solo Lautaro, anche per dargli un cambio è importante", ha aggiunto prima di raggiungere Coverciano dove oggi si raduna la nazionale.

CORI CONTRO TIFOSO MORTO: DIGOS ISPEZIONA FILMATI

Non sono ancora conclusi gli accertamenti della Digos della Questura di Cagliari sui cori di un gruppetto di tifosi viola, nel finale di Cagliari-Fiorentina, mentre i soccorritori cercavano di rianimare Daniele Atzori, il tifoso di 45 anni deceduto in Curva Sud dopo aver accusato un malore durante la partita di venerdì sera alla Sardegna Arena. Gli specialisti della Polizia stanno recuperando tutti i filmati per ascoltare i cori. Quello incriminato, "devi morire", infatti è stato sentito solo da chi si trovava in curva sud, settore che confina proprio con quello riservato alla tifoseria ospite. Parole per le quali la stessa tifoseria viola si è scusata. Se dai filmati emergessero solo quei cori, non è detto che dal punto di vista tecnico scattino provvedimenti come i Daspo: non si tratta di cori a sfondo razziale e nemmeno incitano alla violenza. Potrebbero, però, arrivare provvedimenti dalla giustizia sportiva.

BARCELLONA: SUAREZ KO 10-15 GIORNI

Il Barcellona torna da Siviglia con tre quarti di Liga in tasca, ma perde Luis Suarez. L'attaccante uruguaiano, uscito nel finale della sfida con il Betis, ha riportato una distorsione alla caviglia destra che lo costringerà a uno stop di 10-15 giorni. Come comunicato dal club catalano, il giocatore non andrà in Nazionale e rimarrà in Catalogna per curarsi.

DONADONI: "FELICE PER QUAGLIARELLA, MERITA L'AZZURRO"

"Sono strafelice per Quagliarella, ma quando uno si sa mantenere fisicamente e ha qualità tecniche e morali come le sue è giusto così. E' un bene prezioso per il calcio. Non c'è anagrafe che tenga, non potremo fare affidamento su di lui in eterno, ma Quagliarella contribuirà alla crescita dei colleghi più giovani". Parola di Roberto Donadoni, che da ct lanciò in nazionale l'attaccante della Sampdoria. Donadoni ha poi confermato: "Sì, ero stato contattato da Tavecchio prima di Gian Piero Ventura, ma avevo un impegno con il Bologna e di fronte ai dirigenti del club, chiamai in diretta l'allora presidente della Figc per rifiutare la sua proposta".

NICCHI: "VAR A COVERCIANO PROGETTO IMPORTANTE"

"Stiamo lavorando a questo progetto molto importante. Prima di tutto si risparmiano risorse, poi perché vogliamo che gli arbitri che vanno a fare il Var si sentano a loro agio". Lo ha detto il presidente dell'Aia, Marcello Nicchi, sull'intenzione di allestire una sala Var unica a Coverciano. "Vogliamo che operatori e arbitri abbiano meno pressioni e possano fare il loro lavoro con tranquillità - ha proseguito il numero uno dell'Associazione Italiana Arbitri ai microfoni di 'Radio Anch'Io Sport' su Radio 1 Rai - È un progetto importante anche per chi ci fornisce lo strumento tecnologico".

DERBY, SALVINI: "SONO INCAZZATO"

"Il tifoso è incazzato non perché il Milan ha perso ma perché non ha mai provato a vincere". Lo ha detto a Rho il ministro dell'interno, Matteo Salvini, a proposito del derby milanese vinto ieri dall'Inter.