Tifoso di giornata - Stuani, ti prego

Sentimenti quasi ultras per l'Uruguay e il Maestro: serve un miracolo, e per questo mi appello a un ex-bidone in cui nessuno sembra credere

di di ANDREA SARONNI (@andysaro)
Tifoso di giornata - Stuani, ti prego

Sentimenti quasi ultras per l'Uruguay e il Maestro: serve un miracolo, e per questo mi appello a un ex-bidone in cui nessuno sembra credere. Due giorni di pausa dall'occasionalità forzata mi hanno forse otturato la valvola dell'occasionalità stessa. Intendo dire che, come gran parte del gregge calciofilo italiano, se c'è di mezzo l'Uruguay, tengo all'Uruguay. Il Maestro, la sua figura, la sua storia, la sua forza morale, certo: è un link troppo potente. Ma anche il suo discepolo più devoto e prolifico, Edinson Cavani, quei gol stupendi e - porcaccia miseria - quella smorfia di dolore che aveva fatto capire tutto in tempo reale, altro che dubbio, altro che esami.

La smorfia che ora rende la partita di oggi con la Francia una scalata del sesto grado sulla parete del sogno. Ed è per questo che al mio tifo, in questo caso, allego una preghiera, una supplica a un uomo onestamente mai filato di pezza se non per qualche considerazione negativa vecchia quasi 10 anni. Cristhian Stuani. Il sostituto di Cavani. Fa pure rima, e viene voglia di prenderlo come un principio di buon auspicio. Ha 31 anni, e fu una delle tante disperazioni fantacalcistiche venute da lontano, nel sul caso dal Danubio, fabbrica di “campioni" uruguagi targata Paco Casal, il predecessore di Jorge Mendes e Mino Raiola.

Un gol in un anno e mezzo di Serie A alla Reggina, e poi tanta Spagna di seconda fila, e tanti gol, onestamente. Proprio quest'anno, l'ultimo, il suo record personale, 21 perette in Liga col neopromosso Girona, non su una Formula Uno, insomma. Eppure, qualcosa non è cambiato, lo si capisce con una semplice ricerca su Twitter, “Stuani", e leggere quelli dei tifosi della Celeste in queste ore. Stuani, tappami la bocca. Io mi chiudo gli occhi. Corro più io di lui. Ma non facevamo prima a giocare in 10? Fiducia a quota zero, come se Nostro fosse rimasto el “nada" dei tempi della Reggina.

Paradossalmente, ha più fiducia l’occasionale, forse perché non l'ha mai visto giocare davvero in questi ultimi anni: e allora, per una volta, ci sostituiamo ai tifosi titolari e rivolgiamo a Cristhian un messaggio di incoraggiamento, un appello. Credici. È l'occasione della vita, si può svoltare per sempre. Chiedilo a noi italiani, ti raccontiamo di Schillaci, di Materazzi. Ti raccontiamo di Italia-Brasile 1982, che nelle premesse assomiglia tanto a questo Uruguay-Francia: missione impossibile, ma figurati, zero chances. C'era un centravanti fortissimo, ma come sta capitando a te, nessuno aveva fiducia in lui e lo insultavano, ci fosse stato Twitter, apriti cielo: di Paolo Rossi ti hanno parlato, no? Fallo per il tuo Paese, fallo per il tuo Maestro che ti ha chiamato in Nazionale 6 anni fa “perché gli ho visto fare l'ala destra" (non un premio alla carriera, per un centravanti), fallo per Cavani, tanto vedrai che non dovrai restituirgli il posto. Fallo per te stesso, soprattutto.

Davanti avrai Varane, del megagalattico Real Madrid: col Girona, quest'anno, tra andata e ritorno, gli hai fatto in faccia tre gol. E insieme a lui ci sarà la Francia, che magari a te non frega più di tanto, ma a noi sì. Ma davvero, stavolta non è tifo contro. Vorremmo solo concludere un Mondiale bellissimo portandoci dietro la più bella favola del calcio moderno, più del Leicester, più della Danimarca ’92, più dell'Argentina ’86. L'Uruguay del Maestro campione del Mondo con i gol di Stuani, il bidone diventato uomo dei sogni. Dai Cristhian, facci un gol.

TAGS:
Tifoso di giornata saronni uruguay

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X