TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

SportMediaset

Russia 2018, da Koscielny a Neymar: chi non ci sarà e chi rischia

Il Mondiale sta perdendo pezzi per infortunio. Tra i big c'è anche chi, come Neuer, spera nel recupero in extremis

Le lacrime di Koscielny, la disperazione del difensore dell'Arsenal per un infortunio grave come la rottura del tendine d'Achille - rimediato nella semifinale di Europa League contro l'Atletico Madrid - che gli costerà anche il Mondiale con la Francia. E' solo l'ultimo di tanti guai fisici che stanno mettendo a rischio la partecipazione di diversi protagonisti a Russia 2018: da Neymar a Biglia, la lista è importante e - purtroppo - in aggiornamento.

DA NEYMAR A NEUER: BIG IN DUBBIO, MA OTTIMISTI

Uno dei casi più chiacchierati riguarda sicuramente Neymar. Mister 222 milioni, tra una polemica e l'altra con la stampa francese e una voce di mercato che lo vuole lontano dal Psg già dopo il Mondiale, è ai box ormai da febbraio dopo il grave infortunio rimediato contro il Marsiglia. Frattura del quinto metatarso del piede destro, qualche apparizione qua e là tra tv e social con con il tutore alla gamba, ma anche un cauto ottimismo nella Seleçao. Il suo recupero procede spedito e dovrebbe farcela a rientrare in campo per il Mondiale. L'ultimo esame per il via libera comunque è fissato per il 17 maggio.

Stessa fiducia per il capitano della nazionale tedesca, Manuel Neuer. Il portiere del Bayern in questa stagione ha giocato solo 4 partite e non scende in campo da metà settembre. La frattura al metatarso del piede sinistro, la terza volta in un anno, ha fatto fatica a guarire e la situazione nel corso dei mesi è precipitata. Non gioca, ma si allena da tempo e non ha perso la speranza: "Penso che sarò al Mondiale". Da titolare o meno, non si sa.

Restando nella Mannschaft tedesca ci sono altri due giocatori ai box e in forte dubbio per rientrare tra i convocati: Emre Can e Jerome Boateng. Il centrocampista del Liverpool ha subito una ricaduta su un precedente problema alla schiena che lo ha escluso dalla cavalcata Champions dei Reds nella seconda parte di stagione. Il lungo stop mette a rischio il mediano di origini turche, così come l'infortunio muscolare subito dal difensore del Bayern Monaco contro il Real Madrid in semifinale di Champions. Lo stop è di 4-6 settimane secondo i media tedeschi.

L'Argentina, invece, è in apprensione per Biglia e Aguero. Il metronomo del Milan è uscito contro il Benevento dopo uno scontro di gioco riportando la "frattura dei processi trasversi delle prime due vertebre lombari". Una prognosi di 30 giorni che, oltre alla pericolosità e particolarità dell'infortunio, potrebbe anche escluderlo dalla lista di Sampaoli che prima di privarsene in ogni caso ci penserà due volte. Dovrebbe esserci. Il medico della Nazionale albiceleste è meno ottimista sul Kun che si è sottoposto a un invervento di pulizia del ginocchio sinistro: "Il giocatore ha fatto un'artroscopia 60 giorni prima della Coppa del Mondo, il che è preoccupante - ha detto infatti il dottore a Radio 10 - perché il recupero richiederà almeno cinque settimane. Quando si hanno infortuni vecchi, il processo non è così veloce come si vorrebbe e di certo non saranno mai meno di tre o quattro settimane o anche di più".

Il Belgio sta monitorando la situazione di Michy Batshuayi. L'attaccante del Borussia Dortmund si è infortunato alla caviglia contro lo Schalke 04 focalizzando gli sforzi per il recupero lampo. Esattamente come Filipe Luis che sta lavorando duramente per recuperare dalla frattura al perone per vestire nuovamente la maglia del Brasile.

CHI DI SICURO NON CI SARA'

CHI DI SICURO NON CI SARA'

Se in molti sono in dubbio e stanno lavorando a pieno ritmo per esserci e, chissà, fare come Totti a Germania 2006, c'è anche chi come Koscielny appunto sa già che il Mondiale dovrà guardarselo da casa. L'infortunio al tendine d'Achille è troppo grave per sperare di recuperare in un mese e il ct Deschamps ha perso un titolare della difesa della Francia.

Assenza importante anche per i padroni di casa. La Russia dovrà fare a meno di una delle sue stelle, Alexandr Kokorin, che negli ottavi di finale di Europa League contro il Lipsia ha finito la sua stagione con qualche mese di anticipo. Distorsione dei legamenti del ginocchio destro, operazione a Roma per l'attaccante dello Zenit e addio Mondiale in casa.

Stesso discorso per Oxlade-Chamberlain del Liverpool che durante il match di andata contro la Roma in semifinale di Champions League ha riportato la rottura del legamento crociato del ginocchio destro. Nove mesi di stop, niente finale di Champions con i Reds e soprattutto niente Russia 2018 con l'Inghilterra dopo un'ottima stagione.

TAGS:
Mondiali
Russia 2018
Infortunati
Rischio
Neymar
Biglia
Koscielny

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X