TGCOM24
LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI
logo

SportMediaset

Inghilterra-Italia 1-1: Insigne risponde a Vardy

Nell'amichevole di Wembley un rigore del napoletano (concesso col VAR) evita la sconfitta agli Azzurri

di GIULIA BASSI

Nell'amichevole giocata a Londra, a Wembley, l'Italia pareggia 1-1 con l'Inghilterra. Sblocca la gara Vardy al 26' del primo tempo sfruttando una punizione battuta rapidamente da Lingard che sorprende la difesa azzurra. Il pareggio arriva nel finale grazie a un rigore concesso dal Var per un fallo di Tarkowski su Chiesa: dal dischetto Insigne all'87' non sbaglia ed evita a Di Biagio la seconda sconfitta in altrettante gare.

LA PARTITA

Si potrebbe partire dalle cose, poche, positive: l'Italia si sblocca dopo tre gare consecutive in cui non era riuscita a segnare. L'Italia salva la pelle e la faccia nel tempio del calcio ed evita, in extremis, il ko. Di Biagio trova un pareggio che, probabilmente, gli consentirà di non terminare l'avventura da ct avendo collezionato solo sconfitte. Che a segnare sia stato Insigne potrebbe rientrare tra le liete novelle ma la prestazione di Lorenzo è stata tutt'altro che magnifica, anzi: ampiamente insufficiente non fosse stato per quel rigore che a una manciata di minuti dal 90' ha cambiato tutto. O meglio, ha cambiato il risultato perché per il resto l'Italia dovrà ancora lavorare molto e la strada sembra in salita.

L'Italia prova a costruire, a farsi vedere, a mostrarsi coraggiosa. Il 4-3-3 scelto da Di Biagio vorrebbe provare a sfruttare le corsie esterne con Insigne e Candreva larghi (e le avanzate dei terzini Zappacosta e De Sciglio) o gli inserimenti delle mezz'ali Parolo e Pellegrini: gli Azzurri tentano di manovrare ma pagano l'assenza di qualità, l'assenza di qualcuno che sappia trattare il pallone con maestria. Jorginho in mezzo al campo fatica ad assumere il ruolo di regista che dirige e smista e Immobile è una punta centrale che però non riesce a trovare la zampata giusta: due volte il laziale è murato in area da Stone prima di trovare il guizzo giusto, poi di testa spedisce la palla alta su una delle rare cose giuste (un cross milliemetrico) fatte da Candreva. Ma, si diceva, manca la qualità anche perché quella di Verratti è rimasta in panchina e quella di Insigne proprio non si accende; il napoletano fatica a trovare e a farsi trovare dai compagni. In più gli Azzurri, che non riescono col passare dei minuti a portare quel pressing alto che vorrebbe Di Biagio per recuperare palla agli avversari, si mostrano ingenui in qualche persa di troppo in uscita. E piano piano il 3-5-2 di Southgate mostra le sua caratteristiche con le sgroppate di Trippier e Young sulle fasce che troppo spesso vengono lasciate sguarnite dall'Italia e con le giocate negli spazi di Lingard, che agisce da interno di centrocampo, e Sterling, abile rifinitore. Il vantaggio inglese è una colossale ingenuità azzurra su una punizione battuta rapidamente da Lingard per Vardy tutto solo in area e libero di battere Donnarumma: ma mostra anche la fragilità di un'Italia che prima ci prova, senza per altro una convinzione totale, poi crolla e inizia a perdere terreno. Resta raccolta sì, la squadra di Di Biagio ma non riesce ad aggredire e a manovrare con lucidità.

La qualità, gli inglesi, la mostrano nella ripresa anche se non sembrano mai decisi ad affondare e a piazzare il colpo del ko (e sarà questo alla fine a risultare decisivo): il pallino del gioco lo tengono loro, trovano triangolazioni efficaci che mettono in ansia la difesa azzurra e dominano fisicamente (significativa una chiusura di Walker su Insigne lanciato nello spazio). Gli ingressi di Chiesa e Belotti provano a dare più vivacità ma resta timida l'Italia e quando si accende un minimo di luce è per l'effetto-Napoli della combinazione Jorginho-Insigne che porta quest'ultimo a sfiorare il pari con un bel sinistro. Quando ormai i ritmi si abbassano e i cambi si susseguono, è l'Inghilterra ad arretrare come accontentandosi. E così Chiesa trova, grazie all'aiuto del VAR, un rigore prezioso che forse rappresenta l'unico modo per poter spaventare Butland. Insigne se ne assume la responsabilità e riscatta in parte la prestazione negativa. L'Italia alla fine si salva ma la sensazione è che chi arriverà a guidare questa squadra dovrà lavorare molto. Ma almeno potrà ripartire da uno spirito combattivo e volenteroso. Meglio di niente. Per il resto: auguri.

IL TABELLINO

INGHILTERRA-ITALIA 1-1
Inghilterra (3-5-2): Butland 6; Walker 6, Stones 6 (27' st Henderson 6), Tarkowski 6; Trippier 6 (16' st Lallana 6), Oxlade-Chamberlain 6 (15' st Rose 6), Dier 6,5, Lingard 7 (21' st Cook 6), Young 6,5; Sterling 7, Vardy 6,5 (25' st Rashford 6). A disp.: Pickford, Hart, Maguire, Mawson, Alli, Livermore, Pope, Welbeck. All.: Southgate 6,5
Italia (4-3-3): G. Donnarumma 6; Zappacosta 5,5, Rugani 5, Bonucci 6, De Sciglio 6,5; Pellegrini 5 (32' st Gagliardini 5,5), Jorginho 5, Parolo 5; Candreva 5,5 (10' st Chiesa 6), Immobile 4,5 (20' st Belotti 5), Insigne 5. A disp.: Buffon, Perin, Florenzi, Darmian, Ferrari, Ogbonna, Verratti, Cristante, Bonaventura, Belotti, Cutrone, Verdi. All.: Di Biagio 5,5
Arbitro: Aytekin (Ger)
Marcatori: 26' Vardy (IN), 43' st RIG Insigne (IT)
Ammoniti: Oxlade-Chamberlain (IN), Walker (IN)

TAGS:
Calcio
Amichevole
Nazionale
Inghilterra
Italia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X