Mondiali 2018, Uruguay-Francia 0-2: Bleus in semifinale

Decidono i gol di Varane e Griezmann (con la complicità di Muslera)

di GIULIA BASSI

Nel primo quarto di finale dei Mondiali di Russia 2018, la Francia batte 2-0 l'Uruguay ed è la prima semifinalista. Gara intensa ed equilibrata sbloccata al 40' dal colpo di testa di Varane su punizione battuta da Griezmann. Lo stesso Griezmann trova il raddoppio al 61' con la complicità di Muslera che si lascia sfuggire un sinistro centrale per il raddoppio transalpino che chiude i conti. Deschamps aspetta il Belgio.

LA PARTITA

In un Mondiale fatto di grande equilibrio e ancor più grandi sorprese, la Francia si conferma certezza: gara di forza e sostanza pur senza lo squalificato Matuidi e pur senza sfruttare all'ennesima potenza la corsa e la qualità viste in precedenza: perché l'Uruguay, orfano dell'infortunato Cavani, ha provato a chiudere ogni spazio ma ha pagato l'incapacità di reagire e costruire qualcosa di pericoloso. Per i Bleus arriva così il giorno della gloria, come Marsigliese vuole: Deschamps guida i suoi ragazzi alla sesta semifinale Mondiale della loro storia, ottenuta con pieno merito, mostrandosi superiori all'avversario. La spinta dei terzini Pavard ed Hernandez, la sostanza a tutto campo di Kanté e Pogba, l'utilità di Tolisso, la corsa e il piedino magico di Griezmann e il sacrificio di Giroud spingono la Francia anche in un giorno in cui il fenomeno Mbappè tira il freno e si riposa. E' squadra quadrata quella transalpina, compatta e lucida. Finisce invece la favola di Tabarez, maestro di vita prima ancora che di calcio che la sua vittoria, comunque, l'aveva già portata a casa diventando il più ammirato e stimato del Mondiale per forza e carattere oltre ogni malattia: i suoi ragazzi in campo, però, faticano a sopportare l'assenza di Cavani e non costruiscono quasi nulla di rilevante pagando a carissimo prezzo un paio di disattenzioni difensive (una, colossale, è un autentico orrore di Muslera). 

Deschamps lo aveva detto alla vigilia: l'Uruguay non è l'Argentina. E in campo si vede nel senso che di spazi per sprintare, ripartire, verticalizzare non se ne vedono molti: la Celeste di Tabarez tiene due linee da 4 molto compatte e serrate con cui evita ai Galletti di accendere la miccia con la velocità e la qualità che contraddistingue i suoi uomini d'attacco. Gara a lungo bloccata con i Bleus che cercano il fraseggio e il tocco rapido per stanare i sudamericani ma vengono spesso intercettati nei loro tentativi di dialogo, non sempre eseguiti con la giusta intensità. L'Uruguay da parte sua, che è squadra di lotta e sacrificio, è attento tatticamente in fase di non possesso ma spesso impreciso nell'impostazione rendendo poco fluida una manovra che così resta spesso affare dei transalpini: sono loro che cercano di fare la partita pur nella difficoltà di trovare le zone di campo libere. Zone che vengono cercate soprattutto sulle corsie esterne con le avanzate di Pavard ed Hernandez. Griezmann è il solito folletto impazzito che svaria su tutto il fronte e Mbappé, di frequente raddoppiato o triplicato, sprinta un paio di volte confemandosi imprendibile, in un'occasione persino per i suoi compagni (con Giroud che non riesce a seguire l'azione e arriva tardi su un pallone invitante messo in mezzo dal 19enne). E sempre Mbappé ha un'occasione d'oro su sponda aerea del numero 9 ma stacca male e colpisce peggio di testa mandando la palla alta nonostante fosse tutto solo davanti alla porta. Un match intenso ed equilibrato non può che sbloccarsi su calcio da fermo: al 40' la punizione calciata da Griezmann pesca la testa di Varane che brucia Stuani e trova un vantaggio meritato. E sempre da punizione l'Uruguay rischia il pari subito dopo ma la zuccata di Caceres viene stoppata da un miracolo di Lloris. 

Nella ripresa ti aspetteresti un Uruguay più spregiudicato e sbilanciato con Mbappé pronto a sfruttare nuovi spazi: la Celeste in effetti alza il baricentro e prova a farsi vedere con un tiro svirgolato da Bentancur dopo una palla persa da Umtiti anche se la costruzione resta incerta e inoffensiva e la Francia ha nella coppia Pogba-Kanté un autentico muro in mezzo al campo capace di recuperare palloni e mettere ordine, oltre che chiudere e aiutare. E sul più bello, con l'Uruguay che applica bene le marcature preventive e non si espone mai al contropiede transalpino, Muslera tradisce i suoi: l'intervento goffo con cui si lascia sfuggire il sinistro centrale di Griezmann non scoraggia gli indomiti sudamericani ma spinge verso una direzione precisa e impossibile da invertire il quarto di finale. La Francia non commette l'errore visto con l'Argentina di abbassarsi troppo e sfiora il tris con un tiro a giro di Tolisso alto di poco. Gli uomini di Deschamps non buttano via la palla, gestiscono bene e non rischiano nulla entrando così, di diritto, tra le migliori quattro al mondo, come successe l'ultima volta in un Mondiale del 2006 scolpito nell'eterna memoria e gloria italiana. Gloria che ora, e in attesa delle avversarie, è tutta francese: "Le jour de gloire est arrivé!". E questa Francia è una certezza. 

LE PAGELLE

Griezmann 7,5 - Corre ovunque alla ricerca di spazi, fraseggi e giocate. Dal suo piedino fatato arriva l'assist per Varane. Il tiro del 2-0 non è irresistibile ma ha un effetto ingannevole e tanto basta per lasciare, ancora, la firma

Lloris 7 - Nel primo tempo è decisivo con un anticipo dopo un colpo di testa di Godin e soprattutto in allungo a mano aperta sul colpo di testa di Caceres. Poco più che spettatore nela ripresa

Pogba 7 - Lui e Kantè in mezzo al campo sono preziosi come l'acqua nel deserto e sono sempre al posto giusto nel momento giusto: Paul si prende buon aparte dei meriti del 2-0 perché è lui a sradicare un pallone e ad avanzare con impeto prima che il pallone arrivi a Gruiezmann e Muslera faccia il resto

Mbappé 6 - Stavolta non si prende la scena: un paio di sprint nel primo tempo ma è sempre ben controllato e tenuto a freno. nel finale provoca il nervosismo degli avversari con un colpo di tacco e viene sostituito per evitare guai

Stuani 5 - Far dimenticare Cavani sarebbe compito quasi impossibile per qualunque attaccante: ci prova con un tiro largo nel primo tempo. Si fa anticipare da Varane sull'1-0. Sostituito a inizio ripresa

Muslera 4 - Bene in alcune uscite ma l'intervento "alla Karius" che manda in gol Griezmann arriva nel momento in cui l'Uruguay stava cercando di alzare la testa. E chiude gara e Mondiale

Godin 6 - Capitano coraggioso che non molla e prova a dare la carica: la sua parte la fa con la solita puntualità provando a farsi vedere anche davanti.

IL TABELLINO

URUGUAY-FRANCIA 0-2
Uruguay (4-4-2): Muslera 4; Caceres 6, Godin 6, Gimenez 6, Laxalt 5,5; Nandez 5,5 (28' st Urretaviskaya 5,5), Torreira 5, Vecino 5,5, Bentancur 5 (14' st Rodriguez 5,5); Stuani 5 (14' st Gomez 5,5), Suarez 5,5. A disp.: Campana, M. Silva, G. Silva, Pereira, Coates, Sanchez, De Arrascaeta, Varela. All.: Tabarez 5,5
Francia (4-2-3-1): Lloris 7; Pavard 6,5, Varene 7, Umtiti 6,5, Hernandez 6,5; Pogba 7, Kanté 7; Mbappé 6 (43' st Dembélé sv), Griezmann 7,5 (48' st Fekir sv), Tolisso 6,5 (35' st Nzonzi sv); Giroud 6. A disp.: Mandanda, Areola, Sidibé, Kimpembe, Rami, Mendy, Thauvin, Lemar. All.: Deschamps 7
Arbitro: Pitana (Arg)
Marcatori: 40' Varane (F), 16' st Griezmann (F)
Ammoniti: Hernandez (F), Bentancur (U), Rodriguez (U), Mbappé (F)

TAGS:
Calcio
Mondiali
Russia 2018
Francia
Uruguay

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X