Mondiali Russia 2018: le big steccano l'esordio, occhio alle sorprese

Germania ko, Argentina e Brasile fermate a sorpresa. Solo la Francia ha vinto, ma a fatica. Inghilterra, Croazia e Portogallo si candidano come outsider

Mondiali Russia 2018: le big steccano l'esordio, occhio alle sorprese

Tremarella? Ansia da prestazione? O semplicemente una preparazione non proprio azzeccata? La prima giornata dei gruppi del Mondiale in Russia 2018 ha portato in dote pochi gol, ma soprattutto il flop delle grandi favorite. La Germania campione in carica in primis, sulle gambe e battuta dal Messico, ma anche Argentina e Brasile che a pochi giorni di distanza sono stati fermati da Islanda e Svizzera. Solo la Francia ha vinto, ma con molta fatica.

Ovviamente è presto per trarre conclusioni, ma una buona dose di sorprese il Mondiale le ha riservate già dalle prime partite. I protagonisti più attesi non hanno illuminato il campo sin dal primo momento come ci si poteva aspettare in un torneo così concentrato, anzi, sono state le piccole - e organizzate - nazionali a prendersi luci della ribalta, applausi e - spesso - punti. Lo ha fatto l'Islanda, capace di imbrigliare l'Argentina di sua Maestà Messi sull'1-1 esaltando il proprio popolo, ma anche la Svizzera che ha spento sul nascere i sorrisini del Brasile strappando un 1-1 contro Neymar e compagni. Ma soprattutto il Messico che con Lozano ha battuto - anche con merito - la Germania campione del mondo.

E le altre? Qualcuna ha vinto come la Francia, ma con tantissima fatica per avere la meglio dell'Australia con un 2-1 frutto di un rigore e di un gol rocambolesco dopo novanta minuti passati a faticare più del previsto, anche per condizione atletica. Come l'Uruguay del resto, non una favorita ma sicuramente una nazionale da top-8, capace di battere l'Egitto solo a tempo scaduto. Poi la Spagna che, pur con una partita convincente, forse la migliore prestazione di tutte le altre, non è andata oltre il 3-3 contro Cristiano Ronaldo, pardon, il Portogallo mostrando una fragilità difensiva preoccupante.

Mondiali Russia 2018: le big steccano l'esordio, occhio alle sorprese

Attenzione dunque a possibili sorprese. La Russia in primis, trascinata da Golovin e Cheryshev, chiamata a confermarsi dopo il 5-0 - da prendere con le molle - dell'esordio contro l'Arabia Saudita. Poi proprio il Portogallo trascinato da un fenomeno con tutta la voglia del mondo di conquistare l'ultimo trofeo che manca, il più impensabile probabilmente. Ma anche la Croazia, solida e quadrata nonostante le bizze di Kalinic e l'Inghilterra, che sorpresa non è per il nome che porta, ma che per età media ed esperienza internazionale ai minimi storici diventerebbe una vera e propria impresa, pur avendo impressionato per mole di gioco e modernità contro la Tunisia.

Chissà che Russia 2018 possa diventare il Mondiale di una outsider, come mai prima d'ora. Le premesse ci sono, anche se è difficile pensare che tutti i più grandi giocatori del mondo possano steccare contemporaneamente un intero torneo. Certo è che si devono svegliare perché così non andranno da nessuna parte.

TAGS:
Russia 2018
Flop
Big
Esordio
Argentina
Brasile
Francia

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X