Superbike: Tom Sykes vince anche gara2 e vola nel mondiale

Doppietta per Tom e doppietta per la Kawasaki, grazie ai due secondi posti di Baz. Guintoli chiude 3° davanti alle Ducati di Giugliano e Davies. Abbattuto Melandri

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Tom Sykes firma una doppietta a Donington (come nel 2013), vincendo anche gara2. Giornata trionfale per Kawasaki grazie al bis del 2° di Baz, che precede Guintoli (Aprilia) sul podio. Seguono le Ducati di Giugliano, 4°, davanti a Davies (5°), che gestisce gli attacchi delle Honda di Rea (6°) e Haslam (7°). Caduto Melandri (Aprilia, 17°), abbattuto da Lowes (Suzuki, 9°). Salom (Kawasaki EVO) chiude la top ten e beffa ancora Canepa (Ducati EVO, 11°).

IngrandisciDisattiva slideshow
Foto 1

Foto 2

Foto 3

Foto 4

IPP

Foto 5

Foto 6

Foto 7

Foto 8

Foto 9

Foto 10

Foto 11

Foto 12

Foto 13

Foto 14

Foto 15

Foto 16

Foto 17

Foto 18

Foto 19

Foto 20

Foto 21

Foto 22

Foto 23

Foto 24

Foto 25

Foto 26

Foto 27

Foto 28

Foto 29

Foto 30

Foto 31

Foto 32

Foto 33

Ufficio Stampa

Foto 34

Foto 35

Foto 36

Foto 37

Foto 38

Foto 39

Foto 40

Foto 41

Foto 42

Foto 43

Foto 44

Foto 45

Ufficio Stampa

    Ancora le Aprilia, subito incisive al via di gara2. E' Guintoli che prende il comando, con Melandri in scia e un Lowes molto carico che si porta in terza piazza. Un avvio ad alta tensione, quando Baz entra a "gamba tesa" proprio su Lowes, creando scompiglio e contatti a ripetizioni nel gruppetto degli inseguitori. Gente che deve mettercela tutta per restare in piedi, dove chi ne fa le spese è Giugliano, che rischia la caduta, gira largo, ma riprende la via della corsa. Sykes intanto si porta in quinta piazza, con dietro proprio il ducatista italiano che inizia così una furibonda rimonta, passando Laverty e andando alla caccia del sesto posto di Rea.

    Al comando prende margine Guintoli, che gestisce l'assalto di Melandri, Baz e Lowes. Ma il pasticcio è dietro l'angolo: Lowes infatti arriva lungo e tocca Melandri nell'inserimento del rampino. Entrambi finiscono a terra, imitati pochi istanti dopo da un Laverty troppo sopra le righe, che si sdraia in solitaria nella via di fuga. Sylvain resta dunque a fare la lepre, con Kawasaki di Baz e Sykes incollate negli scarichi a fare da seguigi da caccia. Mentre spinge forte Giugliano, che prova a ricucire il distacco e prendere i primi tre.

    E' quindi Baz che, poco prima della metà gara, rompe gli indugi e prima impenna, poi passa Guintoli. Il francese prova a rispondere, ma non riesce. Bagarre che vede inserirsi lesto il terzo incomodo, Sykes, che in un colpo solo ne passa due, e si porta al comando della corsa! Non pago, Tom poi allunga subito, con il compagno di marca che sulle prime prova a tenere il passo. Perde invece terreno il francese di Aprilia, che gestisce il distacco da Giugliano che si fa sotto. Dietro è lotta serrata anche per il quinto posto tra Davies e Rea. Incredibile invece la prestazione delle Bimota, con Badovini che prova a tenere l'ottavo posto davanti a Iddon, ma dietro arriva Elias.

    Il finale è una cavalcata solitaria di Sykes, con Baz che deve accontentarsi ancora della medaglia d'argento, piegandosi allo strapotere del campione del mondo. Tom, che nella gara di casa raddoppia il dominio già visto nel 2013, dando il via alla sua fuga nella classifica iridata, con 185 punti, proprio davanti al compagno di marca. Loris, che con 159 punti si trova alla pari con Rea, mentre Guintoli si ferma a 148.

    L'ORDINE DI ARRIVO DI GARA 2 - DONINGTON

    1. Sykes (Kawasaki) 23 giri/92.529 km in 34'14.134 media 162.163 km/h; 2. Baz (Kawasaki) 3.678; 3. Guintoli (Aprilia) 7.376; 4. Giugliano (Ducati) 10.827; 5. Davies (Ducati) 15.140; 6. Rea (Honda) 17.975; 7. Haslam (Honda) 33.737; 8. Elias (Aprilia) 40.362; 9. Lowes (Suzuki) 41.465; 10. Salom (Kawasaki) 48.929; 11. Canepa (Ducati) 49.229; 12. Corti (MV Agusta) 57.984; 13. Laverty (Suzuki) 1'00.751; 14. Guarnoni (Kawasaki) 1'01.697; 15. Andreozzi (Kawasaki) 1'03.349; 16. Morais (Kawasaki) 1'03.820; 17. Melandri (Aprilia) 1'05.485; 18. Foret (Kawasaki) 1'11.049; 19. Lanusse (Kawasaki) 1'15.943; 20. Toth (BMW) 1 Lap; RT. Yates (EBR); SH. Badovini (Bimota) 40.579; SH. Iddon (Bimota) 47.949.

    DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

    SBK: chi può fermare la fuga nel mondiale di Sykes?

    TAGS:
    SBK
    Donington
    Gara2
    Kawasaki
    Melandri
    Giugliano
    Aprilia
    Ducati
    Sykes
    Bimota

    I VOSTRI COMMENTI

    meteor02 - 29/05/14

    grandecaseypducati
    mi pare che bmw abbia vinto 5o 6 gare solo nel 2013
    honda vince almeno una gara all anno ormai da anni suzuky nn vince ma nemmeno s'è presentata come nuovo riferimento della categoria, yamaha mi pare che prima del ritiro vincesse 5/6 gare a stagione insomma ducat 1199 0 vittorie chi cestinare??? a gia il CIV......

    segnala un abuso

    grandecaseypducati - 29/05/14

    Allora fenomeno ....perché non mi elenchi le vittorie della BMW s1000 rr visto che era la moto più performante e guidabile del mondo ,dimmi cosa ha vinto il cbr da quando e' uscito !!! Dimmi cosa sta vincendo la Suzuki ....e la stessa Aprilia comincia a faticare non poco a tenere testa alla panigale.poi casa vuoi fare con la r1? Ma non farmi ridere dai ...ti rivoglio il prossimo anno con le moto tutte in versione evo ,vatti a guardare qualche gara del civ qualche he ti fai una cultura.

    segnala un abuso

    meteor02 - 29/05/14

    grandecaseypducati
    leggiti la rivista motociclismo che le gare nn fan per te....
    che probblemi hai? buttato soldi per un ciospo di moto da barre? le vittorie della panigale sono davanti agli okki di tutti, tranne i tuoi coperti dai moscerini (chiudi la visiera e tutto sarà piu chiaro).
    la panigale costa come il rene di un bambino vorresti legere recensioni negative?
    prendi un r1 buttaci su 12/13000 euri di preparazione e la tua 1199 manco la vede e hai risparmiato pure quacosa

    segnala un abuso

    Mr SBK - 28/05/14

    Se si pensa davvero che l'unico interesse sia Melandri che non va allora bisogna veramente riflettere su cosa si guarda e su cosa si cerca nelle gare.

    Per un motivo o per l'altro il tiro al Melandri va sempre di moda e se uno non guarda una gara perché non è degna di essere vista va bene dare addosso ad un pilota che non vince

    segnala un abuso

    grandecaseypducati - 28/05/14

    Caro meteor02. vatti a guardare sul sito di motociclismo la prova al Mugello della panigale superleggera ,poi ti regoli da li su quali sono le moto da buttare nella pattumiera.

    segnala un abuso

    ROBERTO RSM - 28/05/14

    Questa volta Melandri e' stato abbattuto da Lowes, non aveva colpe (per il mondiale non cambiava nulla ma in questo caso e' stato sfortunato. Per la critica andavano bene le scorse o al limite le prossime gare...oggi mi pare sia stato semplicemente sfortunato (nella 2^ manche...). L'unico motivo di interesse e' Melandri che non combina niente? Allora la sbk non e' messa benissimo.....

    segnala un abuso

    Mr SBK - 27/05/14

    Aspettiamo di vedere cosa succederà l'anno prossimo, per vedere se è vero che esasperando la Panigale in versione odierna SBK il pacchetto va in crisi e rende poco.

    In fondo ora si gioca il mondiale EVO con Nick.

    Vedremo il prossimo anno se con tutti in versione EVO, cioè nuova SBK riuscirà a dire la sua o farà come dal debutto.

    Anche se, a onor del vero, Giugliano non sta andando male, quando sta in piedi, e Davis ha fatto 2 podi

    segnala un abuso

    murano35 - 27/05/14

    ve lo dico sempre....Melandri è un niente mischiato col nulla.................altro che contendere il titolo...siamo seri dai...è un pilota modesto

    segnala un abuso

    meteor02 - 27/05/14

    grandecaseypducati
    ok è questione di tempo.... ma quanto? lo sento dire da quando sta ciofeca di moto (nuovo rifrimento della categoria) è stata presentata e ancora nn ha vinto neppure una gara manco sull bagnato.
    forse buttare tutto nel patume sarebbe meglio che aspettare ancora tempo

    segnala un abuso