Superbike: Sylvain Guintoli domina in gara1 ad Assen

La bandiera rossa per olio in pista mette fine alla rimonta di Sykes, 2°, sul podio con Rea. Melandri chiude 6°, mentre cade subito Giugliano

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

La bandiera rossa esposta per olio in pista a pochi giri dalla fine, regala a Sylvain Guintoli (Aprilia) la vittoria in gara1 ad Assen. Beffato Sykes (Kawasaki), che vede sfumare la sua rimonta, accontentandosi del 2°. Sul podio Rea (Honda, 3°), in lotta con il poleman Baz (4°, Kawasaki). E' 5° Elias (Aprilia) che batte Melandri (Aprilia, 6°). Seguono Davies (Ducati), Haslam (Honda) e Lowes (Suzuki). Canepa (Ducati) è 10° e miglior EVO in pista.

Superbike: Sylvain Guintoli domina in gara1 ad Assen

La prima manche olandese parte asciutta, anche se la pista presenta ancora delle insidiose chiazze di bagnato. Macchie che con l'asfalto freddo preoccupano non poco i piloti schierati in griglia. Detto che nemmeno ci arriva Foret, che cade nel giro d'ingresso, tradito proprio dalle difficili condizioni di aderenza.

Al via però gli animi si scaldano subito, con Guintoli che parte alla grande, seguito da Rea e dal duo Kawasaki, Sykes-Baz. Melandri si accoda e gestisce gli attacchi di Davies. Mentre al termine del primo giro cade subito Giugliano, finito largo in uscita di curva e tradito dal dell'asfalto viscido oltre il cordolo. Guintoli intanto prende il passo e allunga, lasciando Sykes, Baz e Rea in lotta tra di loro. Ma anche Tom esagera, finendo largo, perdendo la seconda piazza. Rientrando però "just in time" alle spalle dei due rivali. Giù anche Laverty che, dopo essere partito male, finisce a terra gettando al vento un buon ottavo posto. Se davanti sono scintille per il podio, appena dietro Melandri fa da apripista nella lotta per il quinto posto, gestendo gli attacchi degli scatenati Davies, Elias e Haslam.

Cala la prestazione di Guintoli al comando, mentre Sykes spreme la sua Kawasaki e, si negli ultimi, giri si porta negli scarichi dell'Aprilia. Rea intanto prova a difendere il terzo posto dagli attacchi serrati di Baz. Elias trova invece il guizzo per sfilare il quinto posto a Melandri, che si vede braccato anche dalla Ducati di Davies. Intanto ritrova il passo Canepa, che dopo essere sprofondato nelle retrovie per un errore, torna a mordere la decima posizione, braccato dalla Bimota di Badovini. Cade invece Iddon.

Fuma vistosamente la EBR 1190RX di May, che butta olio in pista. Immediata quindi la bandiera rossa, esposta nel giro 17. E' la fine della prima manche di Assen, congelata con Guintoli al comando, vincente davanti a Sykes e Rea. Una beffa per il campione del mondo che coccolava l'idea di prendere e passare il francese prima della bandiera a scacchi. Sfida rimandata quindi in gara2.

LA CLASSIFICA DI GARA1

1. Guintoli (Aprilia) 16 giri/72.672 km in 25'56.636 media 168.067 km/h; 2. Sykes (Kawasaki) 1.259; 3. Rea (Honda) 4.116; 4. Baz (Kawasaki) 4.459; 5. Elias (Aprilia) 23.728; 6. Melandri (Aprilia) 25.478; 7. Davies (Ducati) 26.533; 8. Haslam (Honda) 26.696; 9. Lowes (Suzuki) 27.971; 10. Canepa (Ducati) 33.479; 11. Scassa (Kawasaki) 40.689; 12. Salom (Kawasaki) 40.803; 13. Camier (BMW) 41.086; 14. Corti (MV Agusta) 41.410; 15. Guarnoni (Kawasaki) 41.977; 16. Morais (Kawasaki) 1'08.454; 17. Andreozzi (Kawasaki) 1'19.067; 18. Bos (Honda) 1'19.076; 19. May (EBR) 1'29.475; 20. Toth (BMW) 1 Lap; RT. Fabrizio (Kawasaki); RT. Laverty (Suzuki); RT. Yates (EBR); RT. Sebestyen (BMW); RT. Giugliano (Ducati); NS. Foret(Kawasaki); SH. Badovini (Bimota) 35.101; SH. Iddon (Bimota).

TAGS:
Superbike
SBK
Ducati
Aprilia
BMW
Kawasaki
Honda
Suzuki
Bimota
MV Agusta
F4 RR
CBR1000RR
GSX R1000
1199R Panigale
EBR 1199 RX
BB3
EVO
RSV4 1000 Factory
S1000RR HP4
ZX 10R
Eugene Laverty
Marco Melandri
Tom Sykes
Davide Giugliano
Chaz Davies
Jonathan Rea
Leon Haslam
Leon Camier
Michel Fabrizio
Ayrton Badovini
Niccolò Canepa
Max Neukirchner
Derivate di serie
Althea Racing
Crescent Suzuki
Team Pedercini
Alstare
Claudio Corti
Kawasaki Racing
Luca Scassa
Alex Lowes
Yakhnich
Grillini
Toth
Hero EBR
Yates
May
Motori BMW
Assen

I VOSTRI COMMENTI

robi440 - 27/04/14

mauronia
Non so' che problemi tu abbia con Melandri..... ma credo che il fatto che ti deluda... non sia un motivo sufficente per Melandri,per ritirarsi ! :) E' cmq un pilota molto veloce e le sue belle gare le fa' ancora....contribuendo allo spettacolo. ..che oggi abbia vinto il suo compagno...non c'entra una mazza !!...altre volte vincera' lui...e cmq se si dovessero ritirare tutti i piloti che hanno il compagno che vince ...non rimarebbe nessuno!! :)

segnala un abuso

mauronia - 27/04/14

perche e tutto fumo niente arrosto!!!! ennesima moto competitiva ma lui come al solito delude!!!delude!!!! il suo compagno oggi a vinto gara 1 e tu mi dici perche si deve ritirare???? ma va......

segnala un abuso

robi440 - 27/04/14

Melandri si deve ritirare....perchè???

segnala un abuso

mauronia - 27/04/14

melandri ti devi ritirare!!!!!! sei tu il problema e non le moto!!!!!

segnala un abuso

robi440 - 27/04/14

Guintoli si conferma mago della pioggia....ma mi sono perso la gara!!!!!...cmq ho visto le interviste post gara e Melandri l'ho visto molto abbattuto e molto critico verso se stesso...quindi anche se non sono mai stato un suo fan,gli dico Forza Marco...non mollare! ha cmq confermato che l'Aprilia pur essendo una gran moto ..bisogna saperla interpretare....e Biaggi in questo è stato un maestro!

segnala un abuso