Nba: Bargnani e Belinelli sorridono, ok Knicks e Spurs

Heat da titolo, Pacers al tappeto: all'American Airlines Arena LeBron e compagni regolano 97-94 la squadra di Vogel

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Nba: Bargnani e Belinelli sorridono, ok Knicks e Spurs

Gli Indiana Pacers steccano la prova di maturità in casa dei Miami Heat: la squadra di Vogel non passa all'American Airlines Arena contro i bicampioni Nba, che sembrano già essere in modalità playoff. Per gli italiani, prova da incorniciare per Bargnani nel match vinto da New York sul parquet di Milwaukee. Bene anche Belinelli nella vittoria Spurs a Phoenix, mentre Datome non si toglie nemmeno la tuta contro Boston: zero minuti per l'ex Virtus Roma.

Partiamo dalla Florida, dove gli Heat sembrano accartocciarsi prima su sè stessi, ma poi rimontano clamorosamente nell'ultimo quarto: la squadra di Spoelstra tira con percentuali bassissime da tre punti, e nel terzo quarto dopo un'indecisione difensiva di James che costa il 63-49 a favore Indiana volano parole grosse nel timeout successivo tra il Re e Mario Chalmers, divisi dai compagni di squadra. I campioni Nba si scuotono, in particolare è Wade a suonare la carica, con una prova da 32 punti complessivi. LeBron ne aggiunge 24 con 9 rimbalzi e 7 assist, uno di questi è quello per la tripla di Ray Allen ad un minuto dalla fine che vale il 95-92 Heat e chiude un parziale di 10-0 negli ultimi tre minuti del quarto periodo. Alla fine i Pacers si devono arrendere 97-94, con George (25 punti) e compagni che mantengono il primato nella Eastern Conference, ma con Miami che già pregusta il sorpasso.

Trasferiamoci più a nord al TD Garden di Boston, dove un'altra tripla, quella di Brandon Jennings, permette ai Detroit Pistons di battere 107-106 i Celtics: continua il difficile periodo d'ambientamento per Gigi Datome, che anche questa notte non scende in campo contro i biancoverdi.

Decisamente di tutt'altra pasta la notte degli altri due italiani in campo, Belinelli e Bargnani: partiamo dall'ex Fortitudo, che parte in quintetto e segna 7 punti nella vittoria dei suoi San Antonio Spurs per 108-101 sul parquet dei Phoenix Suns, una delle sorprese di questa stagione. Anche 5 rimbalzi e 3 assist per per il Beli, doppia doppia che non fa notizia quella di Tim Duncan, 17 punti e 13 rimbalzi per il caraibico. Un'altra doppia doppia da segnalare è quella che Andrea Bargnani mette a referto nel 107-101 Knicks in casa di Milwaukee: al Bradley Center il Mago esce dalla panchina, e nonostante una disattenzione offensiva che costa ai Knicks il doppio overtime, segna 12 punti con 10 rimbalzi e New York centra l'ottava vittoria stagionale. 29 punti con 9-29 al tiro per Carmelo Anthony, rientro in campo per Tyson Chandler dopo l'infortunio al ginocchio di un mese fa.

TAGS:
Basket
Nba
Bargnani
Belinelli

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento