SBK, Assen: Giugliano vola nel terzo turno di libere

Volano anche le Kawasaki, mentre Melandri non ingrana e finisce fuori dalla Superpole

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Terzo turno di prove condizionato da due bandiere rosse per olio in pista. Davide Giugliano (Ducati) firma il miglior tempo (1:35.396) davanti alle Kawasaki di Sykes (+0.320) e Baz (+0.363). Seguono Rea (Honda, +0.484) e Guintoli (Aprilia, +0.506). Grande delusione per Melandri (Aprilia, +0.969) 11° e fuori dalla Superpole. Bene invece Laverty (Suzuki) 6° che precede Canepa (Ducati EVO), Elias (Aprilia), Lowes (Suzuki) e Haslam (Honda).

IngrandisciDisattiva slideshow
Foto 1

Foto 2

Foto 3

Foto 4

Foto 5

Foto 6

Foto 7

Foto 8

Foto 9

Foto 10

Foto 11

Foto 12

Foto 13

Foto 14

Foto 15

Foto 16

Foto 17

Foto 18

Foto 19

Foto 20

Foto 21

Foto 22

Ufficio Stampa

Foto 23

Foto 24

Foto 25

Foto 26

Foto 27

Foto 28

Ufficio Stampa

Foto 29

Ufficio Stampa

Foto 30

Foto 31

Foto 32

Foto 33

Foto 34

    La 1199 Panigale R regala quindi una bella soddisfazione a Giugliano, che resta leader nelle prove. Premiato, però, anche Canepa: 7° con la miglior EVO in pista. Migliore anche delle Superbike che lo seguono, visto che l'EVO successiva è quella di Camier al 13° posto! Nic fa anche meglio di Davies, che con la Rossa ufficiale si piazza solo in 12.ma piazza. L'inglese fatica a trovare il giusto feeling con la Ducati, girando a +1.021 dalla vetta. Il deluso della mattinata resta però Melandri, che dopo aver fatto smontare-e-rimontare la sua RSV4 Factoryper tutto il turno, alla fine non risolve comunque i suoi problemi di adattamento. Una prestazione opaca e un bel guaio per il ravennate, che tra l'altro dice che se dovesse piovere potrebbe anche andare peggio... 

    FP3 SBK

    TAGS:
    Superbike
    SBK
    Ducati
    Aprilia
    BMW
    Kawasaki
    Honda
    Suzuki
    Bimota
    MV Agusta
    F4 RR
    CBR1000RR
    GSX R1000
    1199R Panigale
    EBR 1199 RX
    BB3
    EVO
    RSV4 1000 Factory
    S1000RR HP4
    ZX 10R
    Eugene Laverty
    Marco Melandri
    Tom Sykes
    Davide Giugliano
    Chaz Davies
    Jonathan Rea
    Leon Haslam
    Leon Camier
    Michel Fabrizio
    Ayrton Badovini
    Niccolò Canepa
    Max Neukirchner
    Derivate di serie
    Althea Racing
    Crescent Suzuki
    Team Pedercini
    Alstare
    Claudio Corti
    Kawasaki Racing
    Luca Scassa
    Alex Lowes
    Yakhnich
    Grillini
    Toth
    Hero EBR
    Yates
    May
    Motori BMW

    I VOSTRI COMMENTI

    rossonerisiamnoi - 26/04/14

    L'Aprilia resta comunque una moto competitiva, Laverty ha vinto 9 gare l'anno scorso
    Mi chiedo ancora come sia stato possibile mandarlo via per prendere Melandri

    segnala un abuso

    maxeem - 26/04/14

    pur non considerando biaggi un fuoriclasse debbo darti ragione!!! è un grande pilota schiacciata dal potere politico di rossi, biaggi è arrivato 3 volte secondo in motogp/500, adesso leva un paio di mondiali a rossi e dalli a biaggi e si riscrive la storia degli ultimi 20 anni di motociclismo italiano!!!

    segnala un abuso

    murano35 - 26/04/14

    L'ho detto tante volte...quando la guidava Biaggi la RSV4 tutti dicevano che era una MotoGP taroccata e che vinceva perché aveva un missile sotto il sedere....visti i risultati di chi ora la guida , direi che non c'è miglior smentita. Biaggi vinceva perché è uno dei più bravi piloti degli ultimi decenni , classe e talento allo stato puro. Melandri non è minimamente all'altezza , un buon pilota e nulla di più e per giunta senza grinta,mi pare molto impaurito grande Giugliano...buone gare a tutti

    segnala un abuso

    robi440 - 26/04/14

    Si preannunciano 2 grandi manche,combattute :)

    segnala un abuso