Nba, playoff: San Antonio demolisce i Thunder

Gli Spurs si portano sul 2-0 nella finale di Conference con un perentorio 112-77: Parker migliore in campo

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Nba, playoff: San Antonio demolisce i Thunder

A lezione dai 'vecchietti'. In Gara 2 della finale di Western Conference, all'AT&T Center, San Antonio sconfigge Oklahoma City con un perentorio 112-77 (Parker 22; Durant e Westbrook 15) e si porta sul 2-0 in una serie che a questo punto la vede strafavorita. Ottime le gare di Tony Parker e Danny Green, nei Thunder Kevin Durant e Russell Westbrook soffrono terribilmente l'assenza di Ibaka. Diciannove minuti e 8 punti per Marco Belinelli.

Straordinari i due periodi centrali giocati dalla squadra di Gregg Popovich, che con un 67-38 di parziale indirizza pesantemente la sfida e poi amministra sino alla sirena godendosi gli applausi del proprio pubblico. Oltre alle grandi prove di Parker e Green (7/11 dal campo frutto esclusivamente di 7 triple in 28 minuti), è il solito Duncan a fungere da fattore sotto canestro con 14 a referto e 12 rimbalzi, di cui 4 offensivi.

"Abbiamo semplicemente fatto il nostro dovere - le parole al termine della gara del play francese -. Abbiamo vinto le prime due partite in casa e sono sicuro che ci torneranno utili nella serie". Durant e Westbrook (13/40 in due dal campo), senza l'ausilio del dinamismo di Ibaka, fanno da spettatori nel terzo e decisivo quarto in cui gli Spurs prendono il largo. Coach Scott Brooks non usa mezzi termini per descrivere la brutta prova dei suoi: "Ci hanno preso a calci - ha spiegato -. Non stiamo bene, ma tra due giorni c'è l'opportunità di riportarci sotto con Gara 3". Domenica si vola alla Chesapeake Energy Arena, i Thunder non possono più sbagliare.

TAGS:
Basket
Nba
Finali conference
San antonio spurs
Oklahoma thunder

I VOSTRI COMMENTI

Pointguard - 22/05/14

Con il fattore emotivo mi riferisco alla voglia di sopperire al fatalismo degli infortuni con l'esasperazione a spingere con acuti personali, ma la mancanza di freddezza fa sbagliare anche i tiri più facili. Ora ci sta che Duncan, Mills e Ginobili in gara 1 li azzeccano tutti e Green faccia 7 triple su 9 in gara 2, ma è inverosimile la percentuale al tiro negativa di Durant e Westbrook o di Sefolosha che in 2 gare ha prodotto 0 punti.

segnala un abuso

Pointguard - 22/05/14

Personalmente ho sempre ritenuto i Thunder più forti degli Spurs, non come gioco di squadra ovviamente. Le due sconfitte così nette a mio avviso sono maturate non tanto dall'assenza di Ibaka, ma dalle ripercussioni psicologiche che essa ha comportato, ricordando che in OKC il vero punto debole è l'emotività, così come fu l'estromissione dalle semifinali l'anno scorso dopo l'infortunio di Westbrook. Due anni sprecati per due infortuni fondamentali al momento culminante della stagione.

segnala un abuso

kikoes - 22/05/14

da simpatizzante SPURS...me lo auguro. questa semifinale è falsata dalla grande e pesante assenza di Ibaka.....vedremo le due gare sul parquet dei thunder. poi sicuramente ci sara' la replica dello scorso giugno....

segnala un abuso

conterosso-di-maggio - 22/05/14

Complimenti agli Spurs, che giocano la pallacanestro più bella, intensa e travolgente di tutta l'NBA grazie al signor Popovich. Spero che il titolo lo vincano loro

segnala un abuso