Basket, Serie A: Brindisi prima, ok Siena e Sassari

In attesa di Milano, in campo lunedì, la Enel al comando da sola. Successi per Montepaschi e Dinamo, Varese travolta ad Avellino

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Ipp

Solo vittorie casalinghe nella quarta giornata di ritorno della Serie A di basket. Spicca quella della Enel Brindisi che supera l'Umana Venezia e si porta sola al comando della classifica in attesa che giochi l'Olimpia Milano lunedì sera a Pistoia. Vincono anche Siena e Sassari, reduce dal successo in Coppa Italia, mentre crollano Varese, ad Avellino, e Bologna, a Montegranaro.

Brindisi batte 88-78 l'Umana Venezia con un ottimo quarto periodo, dopo che la Reyer, sotto di 9 all'intervallo, era riuscita a ricucire lo strappo nel terzo quarto. Jerome Dyson, 25 punti, e Michael Snaer, 16, i migliori della Enel, mentre a Venezia non bastano i 19 di Taylor. Gara di testa per la Montepaschi Siena che supera al PalaEstra il fanalino di coda Pesaro per 80-70 in un match condotto dall'inizio alla fine. Spettacolare prova di Erick Green, 34 punti con 10 su 11 da due, coadiuvato dai 14 con 4 assist di Haynes. Per la Vuelle solita doppia doppia di Anosike, 16 punti e 10 rimbalzi.

Tutto facile per la Dinamo Sassari che, dopo aver mostrato con orgoglio la Coppa Italia vinta ai tifosi di casa, travolge 95-61 la Vanoli Cremona. La squadra di Sacchetti chiude con 14 su 28 da tre di squadra: 16 punti di Omar Thomas e 13 a testa di Caleb Green e capitan Vanuzzo. Serata nera per la Cimberio Varese che cade 83-63 ad Avellino contro la Sidigas. I lombardi pagano un disastroso 5 su 26 da tre mentre gli irpini si godono le ottime prove di Ivanov, 22 punti con 13 rimbalzi, Cavaliero, 21 punti, e Thomas, 21. Brusco stop per la Granarolo Bologna di coach Valli che perde 86-84 sul campo della Sutor Montegranaro. Nel finale in volata decidono i canestri di Daniele Cinciarini per i marchigiani, 23 punti, mentre Ware fallisce la tripla del potenziale successo per la Virtus.

CANTU' SENZA PIETA' CON ROMA

Nel posticipo vittoria in volata per l'Acquavitasnella Cantù che si impone 83-80 sull'Acea Roma nel posticipo serale della quarta giornata di ritorno della serie A. I brianzoli di coach Sacripanti si impongono al termine di una gara a strappi, con gli ospiti bravi più volti a rientrare, e salgono al secondo posto al pari di Milano, impegnata lunedì sera a Pistoia. I capitolini, alla terza sconfitta di fila in campionato, restano in quinta posizione.

Al Pianella i padroni di casa dell'Acquavitasnella tengono sempre in mano il controllo della gara e chiudono il primo quarto avanti 23-17. L'Acea Roma però non perde la calma e pian piano rientra: con le triple di Goss e i canestri di Hosley e Mbakwe tornano più volte a -2 e all'intervallo è 45-40 per i padroni di casa. Nella ripresa la musica non cambia con Cantù che allunga anche fino al +15 (64-49) e l'Acea che arriva fino al pari sul 75-75 con l'ennesimo canestro di Hosley. Il finale è bollente perchè Aradori schiaccia per l'83-75 ma Roma è viva e arriva fino al -3. Nell'ultimo possesso Cantù commette fallo su Goss che sbaglia entrambi i liberi (il secondo volontariamente per provare a prendere il rimbalzo) e fa scattare la gioia del pubblico di Cantù. Per l'Acquavitasnella 25 punti di Aradori e 16 di Ragland mentre all'Acea non bastano i 22 di Goss e i 20 di Baron.

TAGS:
Basket
Serie a

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento