GP Germania: Nico Rosberg padrone in casa, sua la pole

Altro mezzo disastro per la Ferrari: Alonso 7° e Raikkonen 12°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

AFP

Tutto come da pronostico: la Mercedes ha conquistato la pole position e lo ha fatto con Nico Rosberg con il tempo di 1:16.540. A Hockenheim niente prima fila tutta argento per l'incidente a Lewis Hamilton all'inizio delle qualifiche. A impensierire il leader del Mondiale ci ha provato Bottas con la Williams, ma si è fermato a +0.219. Altro mezzo disastro per la Ferrari: Alonso partirà settimo, mentre Raikkonen addirittura dodicesimo. 

Per la settimana perfetta di Nico Rosberg manca solo il gradino più alto del podio in gara. Coppa del mondo, rinnovo, matrimonio e ora anche la pole position sul circuito di casa. Il tedesco è bravo a tenere le emozioni sotto controllo e non ha avuto problemi a stampare il miglior tempo, a maggior ragione dopo l'incidente di Lewis Hamilton in Q3. Un giro pulito, al primo tentativo, per la nona pole position in carriera: non è ancora uno specialista, ma ha tutto per diventarlo. In gara gli basterà amministrare senza strafare per vincere, con un occhio anche alla rimonta del compagno di squadra che partirà dalla 16.esima piazza (se non sostituirà il cambio). La W05 sembra imbattibile anche in Germania, solo un guasto può fermare Nico. 

Gli unici che, sulla carta, potrebbero avvicinarsi sono quelli della Williams. Altra grande prestazione per Bottas e per Massa, secondi e terzi in griglia. Proprio il finlandese sembra essere quello più motivato e carico dopo una serie di ottimi risultati. 

Per la Ferrari, invece, c'è da spettarsi un'altra gara fuori dalle posizioni di vertice. Alonso è riuscito a entrare in Q3, ma non ha dato la zampata decisiva. La seconda fila era alla portata della Rossa dello spagnolo che partirà dalla settima casella. Servirà una bella partenza per tentare in una rimonta quasi impossibile. Peggio, come spesso accade, è andata a Kimi Raikkonen che ha salutato il gruppo in Q2. P12 e un F14 T da mettere assolutamente a posto, con troppi problemi di assetto che l'hanno resa quasi inguidabile. 

Altra beffa per Vettel che ancora una volta partirà dietro al compagno di casa Red Bull Ricciardo. Neanche sul circuito amico, Seb è riuscito a dare una scossa alla sua stagione travagliata. Nota positiva per la Force India che è riuscita a piazzare entrambe le vetture nella top ten: Hulkenberg e Perez possono sorridere scattando dalla quinta fila.

TAGS:
Rosberg
Hamilton
Mercedes
Formula 1
Alonso
Raikkonen

I VOSTRI COMMENTI

benjy88 - 19/07/14

MAH CONTINUANO A ESALTARE QUESTO BOTTAS CHE HA UNA GRANDE MACCHINA E QUEST'ANNO HA FATTO PARECCHI ERRORI DA DILETTANTE E INSPIEGABILI(BAHRAIN E AUSTRALIA) SE HAMILTON E' FUORI GIOCO E SI PIAZZA SECONDO NON VEDO DOVE CI SIA DA ESALTARLO... CREDO CHE IN UNGHERIA LA RED BULL POSSA ESSERE MOLTO FORTE.. MASSA E BOTTAS DOVREBBERO AVERE MOLTI PIU' PUNTI DI QUELLI CHE HANNO.. E ANCHE MASSA LO AMMESSO.. IL POTENZIALE C'E'...

segnala un abuso

wall64 - 19/07/14

giovani semi sconosciuti e neofiti di F1 cone Ricciardo e Bottas che si mettono dietro i rispettivi compagni di squadra ( con molta più esperianza e -nel caso di Ricciardo - con 4 titoli di campione del mondo,,,) mi fanno dubitare sul talento di questi ultimi ( Vettel e Massa )

segnala un abuso