Yamaha, Rossi: "A breve il rinnovo di due anni"

Il Dottore in vista del Mugello: "Il podio è il primo obiettivo". Marquez: "Qui Valentino tornerà giovane"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Rossi - IPP

Il weekend del Mugello è ormai alle porte e Valentino Rossi ci arriva carico più che mai: "Sono contento di festeggiare qui i 300 GP e di arrivarci in ottima forma. Il podio è il primo obiettivo, anche perché è dal 2009 che non ci salgo nel GP d'Italia". Il rinnovo con la Yamaha è più vicino: "Non sembrano esserci problemi per un rinnovo di due anni nella squadra ufficiale, mancano solo i dettagli. Penso che l'annuncio arriverà a breve".

Valentino proverà a dare del filo da torcere a Marquez: "Sono felice del mio inizio di campionato, anche se purtroppo la vittoria non è ancora arrivata - dice il Dottore -. Sulla carta il Mugello è una pista amica per la Yamaha, Jorge ha vinto negli ultimi tre anni. Però la Honda quest'anno è migliorata molto, soprattutto in quelli che erano i suoi punti deboli, senza contare Marc che dà sempre più del 100%. Non sarà facile batterlo". Un piccolo problema potrebbe essere rappresentato dal fatto che Silvano Galbusera, capotecnico di Valentino, non conosce il circuito come a Le Mans, dove Rossi ha faticatoi il venerdì: "Può darsi che sarà così, in Francia abbiamo pagato l'inesperienza ma è anche vero che quella pista richiede setting più particolari del solito. Inoltre Silvano mi ha comunque preparato una moto molto buona per il sabato anche a Le Mans".

Molti paragonano Marquez al Rossi di qualche anno fa: "Marc è simile a me nel 2002 ma lui sembra volere vincere tutte le gare mentre io ero più tranquillo. Mi accontentavo di vincere il Mondiale, facevo il minimo indispensabile (ride, ndr)". E proprio lo spagnolo, reduce da cinque vittorie consecutive, teme in particolar modo il Mugello: "Molti tifosi qui sosterranno Valentino - dice il campione del mondo in carica -. Credo che il 90% degli spalti sarà colorato di giallo. Vorrei arrivarci io a 300 gran premi al suo livello. Non è tanto il numero di gare, ma come le ha fatte, ad impressionare. Ora viene da due secondi posti consecutivi, e credo che questa pista possa ringiovanirlo ulteriormente. Anche Lorenzo, che qui ha vinto negli ultimi tre anni, sarà in gran forma. Verrà sicuramente il giorno in cui non potrò vincere, e allora sarà importante restare calmi e portare a casa quanti più punti possibile per il campionato. Può ancora succedere di tutto, lo scorso anno in cinque gare passai da 32 punti da recuperare dal primo a 38 di vantaggio".

TAGS:
Motogp
Rossi
Marquez
Mugello

I VOSTRI COMMENTI

DocDocAvanti - 30/05/14

Ehi, mangusta... e se ci andassi tu a commentare sul post per la sbk?!

segnala un abuso

DocDocAvanti - 30/05/14

Marc, secondo me, tra moto e capacità di tirarla al massimo, ha almeno mezzo secondo di vantaggio al giro. Strano che quelli della Yamaha non riescano a ridurlo. Se qui al Mugello Vale non gli arriva davanti, ho paura che un certo contraccolpo morale si farà sentire, speriamo comunque di no.
Forza Vale!!!!

segnala un abuso

giaguaro68 - 30/05/14

Augusta secondo me dovresti commentare il golf...se lui non ha possibilità di vincere il titolo tutti gli altri piloti più giovani della motogp che gli arrivano dietro cosa dovrebbero fare? Andare a correre con le minimoto??? Marquez è bravo ma si porta nel taschino almeno 4 decimi di moto..troppo facile cosi...

segnala un abuso

sgmbekket - 30/05/14

dai marq che con il trucchetto alla posteriore vai come un missile,ripeto che questa motogp è una farsa 1 moto corre e gli altri girano per fare numero.

segnala un abuso

agusta57 - 30/05/14

L'unica possibilità che ha Rossi di arrivare e superare i 10 mondiali è andare in superbike, ma evidentemente l'aspetto tecnico è irrilevante rispetto l'ingaggio e lo stare costantemente al centro del "mondo". In motogp è chiaro a tutti meno che a lui, che non ha alcuna possibilità di competere per il titolo, mentre in Sbk, certamente avrebbe molte possibilità.

segnala un abuso