MotoGP, Qatar: Marc Marquez vince il primo GP del 2014

Grande lotta fino all'ultimo giro con Valentino Rossi, 2°. Dani Pedrosa completa il podio. Aleix Espargarò 4° con la Open, davanti ad Andrea Dovizioso. Caduto Jorge Lorenzo

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Marquez e Rossi (Twitter)

Marc Marquez (Honda) firma il primo GP del 2014, vincendo in Qatar dopo una lotta fino all'ultimo giro con Rossi (Yamaha, 2°). Sul podio Pedrosa 3° (Honda) davanti ad Aleix Espargarò (Yamaha Open), poi le Ducati di Dovizioso e Crutchlow. Caduti mentre erano al comando Lorenzo (Yamaha) e Bradl (Honda). Redding (Honda) è 7° al debutto in MotoGP, seguito da Hayden (Honda) ed Edwards (Yamaha). Incredibile 10° Iannone (Ducati), nonostante una caduta.

Marquez Rossi (AFP)

Gara spettacolo per la MotoGP, nella prima stagionale del 2014 in notturna. A Losail succede di tutto, con Lorenzo che prende subito il comando della gara al via, ma cade poco dopo; lasciando il testimone a Bradl. Il tedesco è bravo a gestire la situazione, ma anche lui inciampa in una scivolata che lo mette fuori gioco. Imitato da Iannone che, dopo una partenza fulmine, ha guadagnato le posizioni di vertice. Andrea striscia nella via di fuga, ma si rialza e torna in gara.

Tocca allora a Marquez prendere la testa le corsa, con un trenino di piloti indiavolati alle sue spalle. Ma è Rossi che, meglio degli altri, firma una rimonta epica dalla decima piazza, trovando la scia della Honda del campione del mondo. Anche Pedrosa risale bene dalle retrovie, infilandosi in una lotta serrata con i determinatissimi Smith e Bautista. Due che, però, nel finale sprecando sdraiandosi nella sabbia. Fanno invece i gamberi le Ducati ufficiali che lentamente perdono terreno. Fino a farsi recuperare dalla Yamaha Open di Aleix Espargaro, che trova il passo del giaguaro e si porta fino in quarta piazza.

Il finale è un vero testa-a-testa tra la leggenda e il giovane campione. Tra Rossi e l'erede Marquez, che non cede il passo e resiste alla serie di attacchi sferrati dal 46. Valentino è in forma e prova a mettere pressione al 93. Marc non molla. Anzi spreme la sua Honda e, nell'ultimo giro, trova quel gap che gli consente di tagliare il traguardo per primo. Pedrosa completa il podio e mette in tasca punti preziosi, in una giornata dove Lorenzo incassa subito uno zero.

Ottima anche la prestazione di Redding che, al debutto nella top class, passa proprio nel finale le "vecchie volpi" Hayden ed Edwards. Mentre Iannone trova il guizzo per entrare nei dieci, da applausi nonostante gli oltre 43" di ritardo! Da tenere d'occhio, in una stagione dove le variabili non sembrano mancare.

Il GP del Qatar, giro per giro:

BANDIERA A SCACCHI: Vince Marquez, Rossi è secondo. Pedrosa completa il podio. Espargaro 4° davanti a Dovizioso e Crutchlow, che taglia il traguardo (senza benzina? Guaio tecnico?) e parcheggia a bordo pista. Stoico Iannone 10° nonostante la caduta nelle fasi iniziali

- Marquez trova l'allungo, poche curve al traguardo e Valentino prova di tutto

ULTIMO GIRO: Marquez è davanti, ma Rossi ha perso qualcosa nella lotta. Non molla il 46 e cerca la coda della Honda

- Rossi ancora dentro, uno davanti all'altro, si scambiano le posizioni senza troppi complimenti. Marquez resta davanti, ma Valentino ha perso leggermente terreno

- Rossi dentro, è primo. Marquez due curve e risponde. Valentino ci prova ancora... non va, resta in scia

- Cade Bautista

2 Rossi sul limite interno dell'erba prova a farsi ancora sotto. Marquez resiste, ma entrambi sono un filo lunghi

- Aleix Espargaro è 5° con 2" di vantaggio sulle Ducati. Edwards è nella top ten!

3 Ultimi giri con Rossi che si fa vedere ancora alla staccata del rettilineo principale. I due hanno preso margine su Bautista, a +1

4 Cade Smith! Così le due Yamaha Tech3 sono out

- Bautista passa Pedrosa, che risponde subito con decisione, entrando duro e graffiando la carena del connazionale. Ma Alvaro non ci sta e si riprende la terza piazza

- Dritto Pol Espargaro che litiga col cambio e cede la nona posizione

- Pedrosa leggermente staccato, con Bautista sempre incollato alle costole. Smith prende +1.4

5 Rossi stacca fortissimo, ma Marquez ne ha di più. Traversone della Honda del 93 che resta al comando. E' lotta serrata

- Orecchie letteralmente sull'asfalto per Rossi, che prova a non perdere troppo terreno da Marquez, che con i gomiti a terra sta provando a prendersi un piccolo margine

6 Firma i 346 km/h Pedrosa sul rettilineo di Losail!

- Tutti a "bandiera" in uscita dal curvone di sinistra, con Pedrosa che ha preso Rossi

7 Onboard Marquez un filo largo e Rossi subito si affianca per farsi vedere nella curva a destra

8 Redding passa Hayden (lotta tra Honda Open) ed entra nella top ten al debutto nella MotoGP

9 Marquez non indugia e attacca. E' primo, Rossi si rimette dietro, con Pedrosa che invece deve resistere a Bautista che si fa sotto a colpi di giri veloci. Smith perde terreno

10 Oltre la metà gara e Rossi resiste all'attacco di Marquez, che è francobollato al codone della M1

- Si fa pericoloso Marquez alle spalle di Valentino, ma è Pedrosa che martella giri veloci alle spalle dei due

11 Pol Espargaro è 9° davanti a Hayden, Redding e Edwards

- Lotta tra Bautista e Smith, con Alvaro che si prende il quarto posto ai danni dell'inglese

- Aleix Espargaro è 6° e con la Yamaha Open ha passato le Ducati di Dovizioso e Crutchlow

12 Marquez fuori dalla scia, traverso in staccata da una parte all'altra della pista, che brivido!

13 Valentino prova a fare il passo e allunga, ma Marquez gli tiene la scia. Pedrosa, 3°, si avvicina. Smith e Bautista accodati

- Rossi al comando, torna a guidare un GP!

- Cade Bradl! Ancora un colpo di scena, e al comando c'è Marquez

14 Marquez si riprende la seconda piazza

- Rossi passa Marquez, è 2°!

15 Crisi per Alvaro che si vede passare anche da Pedrosa. Ma i sei piloti sono tutti in tandem dentro 1"

- Rossi dentro su Bautista. Il 46 è terzo! Anche Smith passa Bautista

- Pasticcia Bautista, che allarga in ingresso di curva, con Valentino che ricuce e si accoda

16 Tre Honda che sfilano sul rettilineo di Losail, Marquez si prende la seconda piazza, ma Bautista è determinato e si rimette davanti al connazionale. Bradl tiene quindi il comando. Rossi si avvicina

- Marquez sbaglia e allarga la traiettoria. Bautista s'infila immediatamente

17 Rossi passa Smith e prova a riprendere i primi

- Gli Espargaro Bros sono ai margini della top ten: Aleix 9° (prima Open) poi Pol (Yamaha Tech3)

18 Bautista sfrutta la sua Honda e nella staccata in fondo al rettilineo passa Smith. Ora tocca a Rossi non perdere il treno dei primi...

- Ecco arrivare Pedrosa, che sfila il 6° posto a Dovizioso, con Crutchlow che li segue

19 Sul rettilineo Bradl resiste all'attacco di Marquez. Dietro Rossi è incollato a Bautista, lotta per il 4° posto

- Marquez è in scia a Bradl. Entrambi marcati stretti da Smith

20 Bautista in fondo al rettilineo passa senza troppi riguardi Rossi, sfilandogli la quarta piazza

- Rossi si fa sotto a Dovizioso, lo passa interno ed è 5°. Cade anche Iannone

21 Sul rettilineo Marquez passa Smith e va alla caccia di Bradl. Iannone è 4°

- Cade clamorosamente Lorenzo! In staccata perde l'anteriore e prende una grande botta

22 Scatta il Motomondiale, con Smith che fulmina tutti sotto il semaforo. Ma è Lorenzo che gira per primo, con Smith 2° e Bradl in terza posizione davanti a Marquez

- Parte il warm up lap, moto che sfilano tra le curve del tracciato di Losail, illuminato a giorno

- Piloti e moto schierati sulla griglia di partenza in attesa del giro di ricognizione

TAGS:
MotoGP
Losail
Motomondiale
Ducati
Yamaha
Honda
Valentino Rossi
Jorge Lorenzo
Nicky Hayden
Andrea Dovizioso
Dani Pedrosa
Marc Marquez
Andrea Iannone
Cal Crutchlow
Stefan Bradl
Aleix Espargaro
Pol Espargaro
Alvaro Bautista
Bradley Smith
Open
Factory
ART
FTR
GP
Qatar

I VOSTRI COMMENTI

gitstoner .......... - 02/04/14

Robertovinci lo spero ma non mi illudo...sara solo per portare a casa un po di grana...se poi ci sara un qualche annuncio beeehh...speriamo

segnala un abuso

robertovinci - 02/04/14

Gitstoner
Ti capisco,giudizio comprensibile.
Ma mi sembra strano che uno come lui si faccia 15.000 km solo per motivi promozionali.
Secondo me lo vedremo presto in pista,almeno lo spero

segnala un abuso