Brasile, Ronaldo lascia il calcio

"E' stata una carriera meravigliosa"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Ronaldo, AFP

Ronaldo dice addio al calcio giocato. ''Come potete immaginare - ha detto il Fenomeno in una conferenza stampa a San Paolo, nella sede del Corinthians - sono qui per dirvi che chiudo la mia carriera di calciatore professionista. E' stata bellissima, meravigliosa ed emozionante, con molte sconfitte ed altrettante vittorie. Non ricordo di essermi fatto un solo nemico''. Il brasiliano poi aggiunge di aver "troppo dolore" per continuare a giocare.

"Sto anticipando la chiusura della mia carriera - ha spiegato Ronaldo - per alcuni motivi che credo siano importanti: tutti sanno quello che ho passato, negli ultimi due anni ho avuto una lunga sequenza di infortuni che mi hanno colpito da una gamba all'altra, da un muscolo all'altro e questi dolori mi hanno costretto ad anticipare la fine della mia carriera".
Ronaldo rivela anche di essere affetto da una particolare patologia, l'ipotiroidismo, scoperta ai tempi del Milan, rispondendo così a tanti che negli ultimi due anni hanno ironizzato sui suoi chili di troppo. "Quattro anni fa nel Milan ho scoperto di soffrire di un disturbo che si chiama ipotiroidismo - ha detto Ronaldo - un disturbo che rallenta il metabolismo, e per controllarlo occorre assumere degli ormoni che nel calcio non sono ammessi, sono considerati doping".
"Credo che adesso in molti qui si siano pentiti per aver commentato anche in maniera ironica sul mio peso, ma io non ho alcun rammarico verso nessuno, chiedo solo che tutti capiscano quello che sto spiegando nel mio ultimi giorno della carriera".
Ronaldo ha poi ringraziato tutte le persone che sono state fondamentali per la sua carriera e tutti quelli che ha incontrato nel corso della sua lunga carriera. "Ringrazio tutte le squadre in cui ho giocato, dal Cruzeiro al Psv, al Barcellona, l'Inter, il Real Madrid, il Milan. Voglio ringraziare tutti i calciatori che hanno giocato con me, che si sono allenati con me, quelli che sono stati avversari leali ed anche quelli che lo sono stati poco; ringrazio tutti gli allenatori con cui ho condiviso grandi successi professionali. Grazie quelli che mi hanno sostenuto, gli sponsor, in particolare la Nike che e' stata con me da quando avevo 17 anni, che ha creduto in me e mi ha sostenuto nel corso di tutta la mia carriera. Con certezza so che avremo ancora un percorso assieme con altri progetti".

Un ringraziamento particolare, nel corso del quale Ronaldo è scoppiato a piangere, è per il Corinthians. "Grazie soprattutto al Corinthias, al presidente a cui chiedo scusa per non essere riuscito ad evitare l'eliminazione in Coppa Libertadores. Sei mio fratello - ha detto Ronaldo rivolgendosi verso Andres Sanchez - qui è stato tutto bellissimo, meraviglioso. Resterò per sempre legato a questa squadra, in qualsiasi maniera voi vorrete. Molte volte mi troverò anche allo stadio a fare il tifo per il Corinthias, cercherò di fare parte della squadra".
Il Fenomeno ha tracciato anche un quadro su quello che sara' il suo futuro lontano dai campi. "Il mio futuro è abbastanza organizzato, mi dedicherò alla mia agenzia, presto annunceremo una fondazione alla quale spero di dedicare molto tempo e che si chiamerà Fenomeno" ha concluso Ronaldo.

I VOSTRI COMMENTI

sicilia900 - 15/02/11

resterai per sempre un mito ..6 stato il giocatore piu forte di tutti i tempi ..come te nessuno.

segnala un abuso

- 15/02/11

segnala un abuso

milanistaforever84 - 15/02/11

il miglior giocatore da quanto vedo il calcio,cioe dal 93 a oggi.Grande campione,con la palla tra i piedi faceva magie.
1.Ronaldo
2.Zidane
3.Messi

segnala un abuso

youarenothingwithout06 - 15/02/11

DICIAMOCI LA VERITà, FERMO RESTANDO CHE PARAGONALRLO AI GRANDI MARADONA,PLATINI, MI SEMBRA UN ESAGERAZIONE. QUESTA GENTE POTEVA GIOCARE ANCHE DA FERMO, LUI SENZA LA CORSA DIVENTAVA UN GIOCATORE MEDIOCRE. DETTO CIò, PURTROPPO LA SUA PIù GRANDE SFORTUNA E' STATA, COME DETTO DA QUALCUNO, DI GIOCARE NEL SUO MOMENTO MIGLIORE NELLA SQUADRA PEGGIORE

segnala un abuso

grazieadiononsonointerista - 15/02/11

IL PROTOTIPO DELL'ATTACCANTE MODERNO. PERò, A DIFFERENZA DEI VERI GRANDI, SE GLI TOGLIEVI LA POTENZA, NON ERA PIù IN GRADO DI FARE NULLA. MARADONA, ZIDANE,RONALDINHO, E' GENTE CHE PUò FARE LA SUA DEGNA FIGURA ANCHE GIOCANDO DA FERMO. PURTROPPO LA PIù GRANDE SFORTUNA DI RONALDO E' DI GIOCARE I SUOI ANNI MIGLIORI NELLA SQUADRA PEGGIORE D'EUROPA.

segnala un abuso

Steeve65 - 15/02/11

il+grande 9 della storia,in generale il+grande giocatore di sempre.Il solo a coniugare prestanza fisica,tecnica sublime,velocità suXsonica,cambio di passo-direzione ineguagliabile,maestria su tiri piazzati al max livello.Semplicente inarrivabile.Anke in futuro la natura difficilmente potrà replicare tt questo.Battuto solo da 3 gravissimi incidenti tt=;1solo avrebbe INTERrotto ogni carriera.Anke x questo è e sarà il+grande;non c'è Pelè o Maradona ke tengano.1°anno nerazzurro semplicemente eccelso

segnala un abuso