Basket, gara-2 finale scudetto: Roma-Siena 67-62

La Virtus pareggia la serie playoff: Acea e Montepaschi sono sull'1-1

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Prova d'orgoglio per la Virtus Roma, che in casa si aggiudica gara-2 della finale scudetto e pareggia la serie playoff (ora sull'1-1) contro la Montepaschi Siena. Al PalaTiziano, l'Acea vince 67-62 grazie a un ultimo quarto strepitoso, chiuso con un parziale di 21-11. La squadra di Calvani è trascinata dai 17 punti di Datome e dai 19 di Lawal. Ora la serie si trasferisce a Siena, dove sabato 15 giugno è in programma gara-3.

L'Acea vince grazie a un grande cuore e a un Datome versione Mvp. Il capitano virtussino e Lawal (rispettivamente 17 e 19 punti a referto) sono stati i veri protagonisti al PalaTiziano dove, nonostante un ottimo Ortner (19), Siena perde 67-62 non riuscendo a portare la serie in Toscana sul 2-0. Sarà necessaria quindi almeno gara 5 per decidere a chi andrà lo scudetto 2012-2013. Roma parte bene e, a 1'25" dal termine del 1/4, Taylor piazza dalla lunetta il momentaneo vantaggio capitolino di +4 (18-14). Ma Siena riduce prima dello scadere grazie anche a un Ortner subito in doppia cifra. All'inizio della seconda frazione la squadra di coach Banchi passa in difesa a zona e trova prima il pareggio (20-20) e poi con Eze, Brown e Hackett fa il break del +7 (20-27). L'Acea accusa il colpo, sfavorita anche da alcune decisioni arbitrali e segna con il contagocce (soltanto 6 punti). E così il quintetto ospite vola sul +9 (24-33).

Al rientro dagli spogliatoi è ancora Ortner a dominare sotto canestro e Sanikidze infila il massimo vantaggio +12 (30-42). Calvani prova a sistemare la difesa passando anche lui a zona. Le cose vanno un po' meglio e i virtussini tornano sotto (43-48). Un palazzetto gremito ci crede e trascina la Virtus verso una rimonta che D'Ercole sfiora con una tripla (46-48). Ma sul finire del quarto Ress fa rifiatare Siena (46-51). All'inizio dell'ultimo periodo però è Taylor, dalla distanza, a regalare ai suoi il -2 prima del pareggio firmato da capitan Datome (53-53). Siena è stordita e sbaglia troppo, l'Acea ritrova quindi con Lawal il vantaggio del +4 (57-53) quando mancano 5 minuti alla sirena. Ma la Mens Sana grazie un break di 5 punti torna avanti (59-60). Si combatte canestro su canestro. Poi Datome si ricorda di ambire alla Nba e schiaccia il 64-61. Il cuore e la fame di successo fanno il resto. Adesso la serie si sposta a Siena per gara-3 e gara-4.

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento