MotoGP: Jorge Lorenzo trionfa a Misano

Marquez regala spettacolo e chiude 2°, dopo aver battuto Pedrosa, 3°. Rossi si rassegna al 4° posto

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Jorge Lorenzo (Yamaha) domina il GP di San Marino. Marquez (Honda) è 2° e batte pesantemente il compagno di box, Pedrosa (3°). Non tiene il passo Rossi (Yamaha, +15") che si accontenta del 4° posto, davanti a Bradl (Honda), Crutchlow (Yamaha) e Bautista (Honda). Chiudono la top ten le Ducati, con Dovizioso 8° davanti ad Hayden e Pirro. Caduto Iannone. Marquez resta al comando del mondiale con 253 punti, mentre pareggiano Jorge e Dani a 219.

Lorenzo foto Yamaha

Lorenzo è il miglior interprete mondiale dello 0-100 km/h. Come dimostra il suo scatto fulminante sotto il semaforo, dove ancora una volta brucia tutti e, alla terza curva (!), inizia già ad andare in fuga. Manovra degna delle accelerazioni nell'iperspazio di Star Trek, complice l'ottimo setting e l'anti-impennamento della M1, con cui Jorge imposta un ritmo pazzesco e inaccessibile per gli avversari. Andando a firmare subito giri veloci a raffica. Dietro Pedrosa e Marquez si accodano, mentre Rossi deve sbrigare la pratica Espargaro, quarto perché colpevole di partenza anticipata e ovviamente penalizzato con un passaggio lento nella corsia box. Grande start invece per Iannone, che si ritrova in nona posizione davanti alle Ducati ufficiali. Peccato che la gara di Andrea duri appena tre giri, prima di sentire l'anteriore chiudersi e finire nella ghiaia.

E' un avvio di corsa dove Marquez non sembra particolarmente a suo agio, tanto da andare addirittura lungo alla staccatona della Quercia. Girando poi largo e agevolando così il sorpasso di Rossi, passato volentieri in terza piazza. Per Dani e Valentino è il segnale per forzare, a costo di mettere in crisi le rispettive ciclistiche, nel tentativo (vano) di rucicire il distacco da Lorenzo, ormai in fuga. Mentre si ritira un dolorante Abraham.

Marquez è quindi 4° ma non molla. Anzi recupera la concentrazione e torna a farsi sotto a Rossi, infilandolo nella doppia curva a destra del Tramonto. Un entrata efficace, senza replica da parte del campione di Tavullia che cede così, a malincuore, il podio della gara di casa. Non pago, Marc continua a spremere la sua Honda e va a riprendere anche Pedrosa. In cinque giri gli si fa sotto e lo sorpassa nel cambio di direzione. Manovra da apnea anche solo a vederla, che motiva Dani a crederci un po' di più e a rispondere immediatamente al Tramonto. Mossa che, però, non fa altro che accendere la fame del cannibale Marquez, che infondo al velocissimo Carro, torna a mettersi davanti. Il 93 si riprende saldamente il secondo posto, e allunga per evitare altre spiacevoli scaramucce con il compagno di marca.

Finisce così la sfida in Riviera, con i primi 4 piloti piazzati nello stesso ordine della precedente gara di Silverstone. Questa volta, però, Lorenzo è un martello, spaventoso per equilibrio e forza d'animo. Il più credibile avversario di Marquez per il titolo iridato. Detto che Marc fa di tutto per raccogliere l'eredità del suo idolo con il numero 46 sul cupolino, va in scena uno spettacolo fatto di grandi emozioni in pista. Un giovane format azzardato e sfrontato in ogni fase di gara, con il 93 sempre al limite ed estremo nella guida. Quanto basta per far venire il magone ad un Pedrosa che dice di non arrendersi all'evidenza, ma non sembra avere soluzioni concrete nel polso destro. Rossi? Una wild card quest'anno, dice papà Graziano. E forse ha visto giusto.

DITE LA VOSTRA

MotoGP, a Misano Lorenzo rosicchia altri 5 punti a Marquez: rimonta possibile?

TAGS:
MotoGP
Motomondiale
Ducati
Yamaha
Honda
Valentino Rossi
Jorge Lorenzo
Nicky Hayden
Andrea Dovizioso
Dani Pedrosa
Marc Marquez
Andrea Iannone
Cal Crutchlow
Stefan Bradl
CRT
ART
FTR
FTR Kawasaki
Misano

I VOSTRI COMMENTI

robi440 - 20/09/13

meteor02
Stoner non ha saputo guidare la Honda nel 2012 ???vado a memoria...mi sembra abbia vinto 5 gare!...fino a che non s'è fatto male,Pedrosa ne aveva vinta 1 sola.Si puo' dire che è stata una stagione sfortunata,che abbia commesso degli errori.....ma che non sapesse guidarla....proprio, no!

segnala un abuso

meteor02 - 19/09/13

stomark
e qundi??? vale ha detto che se avesse provato la moto prima nn avrebbe firmato con ducati ha sempre detto che quella moto castrava i suoi punti di forza, nn ci stai dicendo nulla che nn sapessimo gia dopo valencia...
e che casey sia stato l'unico pilota a saper guidare quella moto è un dato di fatto come è un dato di fatto che nn hya saputo guidare la honda 2012 e neppure 125/250. ripeto buon pilota che ha saputo vincere in 2 stagioni particolari per gomme e mezzi.

segnala un abuso

MARCO SIC - 19/09/13

Semplicemente Stoner si adattava bene a quel tipo di moto. E' comunque un ottimo pilota, non al livello di Lorenzo Marquez e Rossi, ma comunque un buon pilota che se la gioca con un Pedrosa.

segnala un abuso

stomark - 18/09/13

...PS paga le tasse, sapessi quanto abbiamo pianto quando hai fatto la transazione con l'agenzia delle entrate, vergogna!!!!!!

segnala un abuso

stomark - 18/09/13


Zuzaml MARCO SIC
Il nove volte campione del mondo ancora non si spiega qualcosa: «Due anni fa non capivo la differenza tra Stoner e gli altri piloti della Ducati, due anni dopo ancora non capisco

segnala un abuso

stomark - 18/09/13

Zuzaml - MARCO SIC
Valentino alla fine lo ammette: «Nella mia carriera non avevo mai sbagliato una scelta, poi l'ho fatto».«Stoner è stato l'unico pilota in grado di andare veloce con la Ducati - ha detto Rossi al magazine australiano Sport Rider - Gli altri che ci hanno provato non solo si sono distrutti la carriera, ma ne sono usciti male anche dal punto di vista mentale. Perciò faccio i complimenti a Casey».

segnala un abuso

Zuzaml - 18/09/13

marco
per me gli dai troppo credito, antirossisti saranno 2 o 3 reali... Poi secondo me servono solo a far scrivere pagine di post, più post >>> più pubblicità

segnala un abuso

MARCO SIC - 17/09/13

Per Stomark: a dirla tutta generalmente sono gli antirossisti qua gli irrispettosi (oltre che spesso incompetenti e fornitori di dati errati) che si permettono di giudicare persone che non conoscono...

segnala un abuso

stomark - 17/09/13

DocDocAvanti
Ma tu credi di essere so tutto io per giudicare gli altri, ma chi sei pussa via, ma chi te conosce,
Pensa a quel fenomeno bluff del canarino giallo.

segnala un abuso