Nazionale, Conte vuole Dybala in azzurro

Il c.t. a Palermo per chiederne la disponibilità, ma lui dirà di no. E Benitez lo vuole al Napoli

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Paulo Dybala, foto IPP

Nel tour di Antonio Conte ai vari club della Serie A è arrivata finalmente la tappa di Palermo. Il commissario tecnico della Nazionale, accompagnato da Oriali, si è recato al campo d'allenamento rosanero di Boccadifalco. Non una semplice visita di cortesia, ma un modo per avere un primo faccia a faccia con Paulo Dybala al quale chiedere la disponibilità a essere convocato in azzurro. Ma a quanto pare l'attaccante è pronto a scegliere l'Argentina.

Dybala che, al momento, ha messo a segno cinque gol in campionato, è nato e cresciuto calcisticamente in Argentina. Ma proprio l'Argentina, fino a ora l'ha ignorato. Solo due convocazioni nell'Under 17 e una nell'Under 20. Lui ha in tasca sia il passaporto italiano (la nonna era originaria della provincia di Napoli) sia quello polacco. C'è qualche adempimento burocratico da fare, ma la sua convocazione, qualora accettasse, sarebbe praticamente immediata. Anche perché la Polonia si è defilata: "Dybala è bravissimo, ma non ci interessa, siamo una federazione seria e non naturalizziamo i giocatori degli altri. Puntiamo sui nostri giovani, gente che sa cantare l'inno", ha detto Boniek, ora presidente della federcalcio polacca. Tuttavia, l'attaccante del Palermo sarebbe pronto a rifiutare la chiamata di Antonio Conte per cercare di giocare con la maglia della nazionale argentina.

CONTE: "DYBALA IN AZZURRO? SAREI FELICE"

Sono arrivate anche le parole di Conte al sito del Palermo: "Stiamo osservando e monitorando un po’ tutti, Dybala potrebbe diventare italiano, così come Vazquez, ma sono scelte personali che spettano a loro. Dovesse diventare italiano saremmo felici – ha concluso – Nel calcio italiano c’è grande bisogno di collaborazione da parte di tutti: il rapporto con gli allenatori dei club dev’essere di fiducia e stima reciproca, è un momento particolare. Dobbiamo essere uniti e cercare di aiutarci".

E ANCHE IL NAPOLI SOGNA IL COLPO

Un giocatore, l'argentino, che in chiave mercato fa gola anche al Napoli. “Dybala? Ce lo coccoliamo per benino" ha dichiarato a radio Kiss Kiss Napoli il vice-presidente del Palermo Guglielmo Micciché - è un '93, ha compiuto 21 anni la scorsa settimana. E' un calciatore in continua evoluzione, abbiamo sempre creduto in lui anche quando non rendeva in questa maniera. Oggi è uno dei profili più interessanti del nostro campionato e potrebbe diventarlo presto a livello internazionale. Per me è un ragazzo straordinario. Cavani e Pastore? Come Dybala, erano calciatori molto giovani, investimenti che nel tempo ci hanno dato ragione. Dybala al Napoli? L'altra sera a Marassi erano presenti anche tifosi partenopei e mi hanno chiesto se l'attaccante potrà vestire la maglia azzurra: ho risposto loro che mi auguro di vederlo al Palermo ancora per tanto tempo. Se De Laurentiis dovesse chiamare Zamparini? Non credo che a gennaio sia un'ipotesi realizzabile. In estate non saprei: i rapporti tra De Laurentiis e Zamparini sono ottimi e cordiali, per cui se la sbrigheranno tra loro".

TAGS:
Palermo
Dybala
Nazionale
Conte

I VOSTRI COMMENTI

Cuore1Rossonero - 27/11/14

incredibile,questo qui è solo la copia argentina di Gabbiadini eppure lasciamo gabbio a casa per portare questo qui...manco più la nazionale sarà italiana,possibile mai che in italia debba essere sempre uno schifo speriamo che gli italiani si sveglino presto,ma ne dubito

segnala un abuso

chandler983 - 27/11/14

il problema non sono i troppi stranieri ma gli italiani. i giovani calciatori italiani fanno mezzo anno buono, si montano la testa, pretendono ingaggi alti,le squadre tentano di venderli a peso d'oro e li perdiamo nel giro di un paio d'anni. devono crescere prima fuori dal campo e poi vedranno il campo... in attesa prendiamo stranieri che sul campo sudano... gli italiani da parecchio tempo non lo fanno più. troppi soldi, sponsor, pubblicità danno alla testa ai calciatori ancora non formati.

segnala un abuso

dust56 - 27/11/14

Il problema non è se far giocare o meno calciatori oriundi, il problema è che per far contenti i tifosi le Società acquistano presunti stranieri forti e gli allenatori per non contraddire queste scelte li fanno giocare a scapito dei nostri ragazzi che così non cresceranno mai.

segnala un abuso

Forza Messina - 26/11/14

Neanch'io sono favorevole a far giocare gli "oriundi" ma, se storicamente ci sono sempre stati, anche quando nel nostro campionato militavano più italiani, e se abbiamo fatto diventare campione del mondo Camoranesi... Almeno di questo giocatore abbiamo veramente bisogno, vista la carenza di bravi italiani di nascita in attacco in questo periodo: dal punto di vista etico, oltre che per il valore decisamente superiore, meglio lui di Balotelli.

segnala un abuso

BIN0MI0INTERM0RATTI - 26/11/14

ciccentus - 26/11/14
Peccato non poter naturalizzare bomber Torres, lui si che sarebbe stato utile!!
AH AH AH!MITICO QUESTO COMMENTO DEDICATO A BENJY!
IO SE DYBALA GIOCA BENE E CONTINUA A SEGNARE SONO FAVOREVOLE ALLA CONVOCAZIONE,ORMAI IL CALCIO ITALIANO è CAMBIATO,CI VUOLE GENTE FORTE ANCHE SE NON ITALIANA DALLA NASCITA,TUTTE LE NAZIONALI FANNO QUESTO.

segnala un abuso

ciccentus - 26/11/14

Peccato non poter naturalizzare bomber Torres, lui si che sarebbe stato utile!!

segnala un abuso

benjy88 - 26/11/14

NE PARLAVO IERI CON DIEGO.. QUESTA COSA DEGLI ORIUNDI E' ASSURDA E INSOPPORTABILE!!MA COME SI FA'??IO NASCO E VIVO IN UN POSTO E A VENT'ANNI DECIDO DI CAMBIARE NAZIONALITA'??MA NON ESISTE.. ALLORA ASSISTEREMO A GIOCHI DI POTERE E LE NAZIONALI PIU' POTENTI NAZIONALIZZERANNO I MIGLIORI.. UN CONTO SE UNO E' NATO PER SBAGLIO IN UN PAESE IN UN VIAGGIO DI NOZZE.. MA SE UNO E' NATO E HA VISSUTO CHE NE SO IN TUNISIA E' TUNISINO PUNTO!!

segnala un abuso