F1: Lewis Hamilton domina nel GP della Malesia

Rosberg e Vettel sul podio. Alonso 4° batte Hulkenberg nel finale. Gara rovinata al cambio gomme per Ricciardo, ritirato. GP in salita per Raikkonen, 12°

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

MATTEO CAPPELLA

Hamilton al via in Malesia (AFP)

Lewis Hamilton trionfa a Sepang, in tandem con Rosberg, 2°. Una doppietta importante per Mercedes. Vettel (3°, Red Bull) completa il podio. Alonso (Ferrari) è 4°, battendo nel finale Hulkenberg (5°, Force India). Button (McLaren) 6° davanti alle Williams di Massa e Bottas. Gara rovinata per Ricciardo (Red Bull), penalizzato e ritirato dopo un cambio gomme disastroso. E' invece una foratura al via che rovina la corsa di Raikkonen (Ferrari), 12°.

Nella torrida Sepang le Mercedes dettano legge. Al via Hamilton parte e allunga subito in solitaria. Vettel perde invece la seconda posizione, passato da Rosberg e anche all'arrembante Ricciardo, che gli sfila anche la terza piazza. Dietro Alonso deve difendersi dall'attacco della Force India di Hulkenberg, ancora una volta insidiosa nei confronti della Ferrari. Mentre Raikkonen scatta come un leone, ma nella bagarre iniziale rimedia una foratura della posteriore destra. Destinazione box per Kimi, che paga l'errore di Magnussen (poi penalizzato con 5" di stop&go) che con l'ala della McLaren urta la gomma della Rossa. Il pit anticipato relega il finlandese in 20.ma posizione.

Una decina di giri che corrono veloci, e arriva il primo giro di pit-stop per i big: Alonso entra all'undicesimo passaggio, seguito poi da Ricciardo, che proprio all'uscita dai box ingaggia una bel test-a-testa con il ferrarista, battendolo senza esitazioni. Stessa storia per Vettel, che al giro 14, rientra in pista appena davanti a Daniel e Fernando. Ma Seb si ritrova a gestire "il tappo" della Williams di Bottas che, per qualche curva, rallenta la Red Bull. Filano invece lisci i cambi gomma delle due Mercedes, che al giro 17 si ritrovano stabilmente al comando: Hamilton leader della corsa e Rosberg che segue a +9.6. Nelle retrovie Raikkonen lotta invece con Ericsson per il 17° posto, condizionato però da alcuni problemi di regolazione sul volante e il DRS della Ferrari.

Team radio Mercedes, che avverte Hamilton di "gestire" il motore, tra potenze e setting del software. In compenso l'indicatore del consumo di Lewis dice che, nonostante i giri veloci, l'inglese è uno dei piloti che consuma meno! Restano invece stabili i distacchi tra gli inseguitori, con Rosberg, Vettel e Ricciardo che fanno i passisti. Mentre al giro 25 inizia a perdere leggermente terreno Alonso, in crisi con il deterioramento delle gomme. Per la gioia di Hulkenberg che recupera terreno sulla Ferrari. Intanto Raikkonen viene doppiato da Hamilton.

Altra sosta ai box per Vettel, poi Rosberg, al giro successivo. Situazione che permette alla Red Bull di tornare negli scarichi della Mercedes. Mentre si ferma anche Hamilton, che cede provvisoriamente il comando ad uno strategico Hulkenberg, sempre con un cambio gomme in meno. Al giro 35° le posizioni sono però ristabilite, con Hamilton davanti a tutti con +12" su Rosberg. Nico, però, trova lo spunto per riprendere margine su Vettel che lo insegue. Ricciardo è in crisi con i consumi (flussometro ancora k.o.) e si trova staccato a +9". Alonso tiene la quinta piazza, amministrando il gap da Hulkenberg, tornato alle sue spalle dopo la sosta. Dietro Button, Massa, Botta e Magnussen si giocano il piazzamento in top ten.

Quando mancano 15 giri al termine, l'affidabilità e i consumi si fanno critici per tutti. Rosberg si vede minacciato da Vettel, e deve spingere l'acceleratore. Allo stesso modo Ricciardo vede Alonso negli specchietti. Tanto che Daniel anticipa il cambio gomme al passaggio numero 41, ma dopo la ripartenza l'australiano si ferma qualche metro più avanti. L'anteriore sinistra è stata fissata male. Corsa dei meccanici Red Bull. che riportano l'auto indietro per avvitare correttamente lo pneumatico. Ma intanto è una gara buttata per Ricciardo, che poi rientra 14°. Ma la sfortuna dell'australiano non è finita. L'alettone anteriore cede nella parte destra, costringendo Daniel ad un nuovo pit-stop. Rientra 16°, ma come se non bastasse, la Direzione Gara lo penalizza con uno stop&go (10") per violazione delle norme di sicurezza nel cambio gomme. E' quindi definitivo il ritiro dell'australiano, degno erede di Webber anche per quanto riguarda la fortuna...

Finale agitato anche per Alonso, ma in positivo. Fernando è 5°, impegnato a stampare giri veloci per riprendere Hulkenberg. Dietro Button prova a resistere agli attacchi delle Williams di Massa e Bottas, impegnate anche tra loro per una lotta in casa. Con tanto di ordine di scuderia ignorato da Felipe, che non lascia passare il compagno.

Sventola la bandiera a scacchi per Hamilton, che firma il suo primo successo stagionale - il 23° in carriera come Nelson Piquet - e si piazza in seconda posizione nella classifica piloti, con 25 punti. Rosberg è invece 2°, regala la doppietta alla Mercedes, ma si prende il comando del mondiale, con 43 punti. Vettel completa il podio, precedendo Alonso, che riesce a sfilare la quarta piazza alla Force India in crisi con le gomme. Fernando è terzo nella classifica iridata, con 24 punti. Uno in più su Button, che lo segue anche al traguardo, 6°. Beffa finale invece per Raikkonen, battuto in volata sul traguardo, dietro per solo 1 decimo alla Lotus di Grosjean. Tra 7 giorni, tutti di nuovo in pista per il GP del Bahrain.

Un Mondiale per due

Ci sono le Mercedes di Hamilton e Rosberg e poi tutti gli altri. Dopo due GP la linea è fin troppo chiara... L. Budel

DITE LA VOSTRA: CLICCATE E VOTATE

F1: chi ha deluso di più nel GP della Malesia?

TAGS:
F1
Formula 1
Ferrari
Fernando Alonso
Felipe Massa
Red Bull
Sebastian Vettel
Mark Webber
Nico Rosberg
Mercedes
Lewis Hamilton
McLaren
Jenson Button
Sergio Perez
Kimi Raikkonen
Lotus
Monoposto
Tempi F1
Classifiche F1
Risultati F1
GP Malesia
Gara

I VOSTRI COMMENTI

cavroncitodelleasturie - 01/04/14

ciao Mau un saluto anche a te.....hai proprio ragione riguardo a questa F1....noiosa, noiosa e ancor più noiosa di quando re Michael ammazzava le gare dominandole dal primo giro.....
Riguardo alla nostra sempre amata Ferrari cosa dire.....forse il più antiferrarista degli antiferraristi Benjy88 potrebbe far meglio al posto di Domenicali.....
E HO DETTO TUTTO!

segnala un abuso

ayrtonsennadasilva - 01/04/14

Io sono Ferrarista, obbiettivamente mi tolgo tanto di cappello nei confronti di Hamilton....gran pilota che ha creduto in un progetto che oggi sta dando i suoi frutti, non so cosa si potrà inventare la fia per arrestare il dominio della Mercedes per quest'anno......in F1 tutto cambia molto velocemente ma se tanto mi da tanto e se questo doveva essere l'anno 0 bhe....per me questo mondiale è già vinto da Hamilton!
A NOVEMBRE SI VEDRA'

segnala un abuso

benjy88 - 01/04/14

MAU IO LA SEGUO PERCHE' E' UNA MIA PASSIONE.. MA OBIETTIVAMENTE QUESTA COSA DEI MOTORI E' RIDICOLA E IL FATTO DI NON POTER SPINGERE AL MASSIMO PER VIA DEL CARBURANTE E' LIMITATIVO...POI OGNI ANNO C'ERA IL PROGETTO DI AUMENTARE I CIRCUITI E SONO ANCHE DIMINUITI... SI DOVEVA ARRIVARE A 25 A MIO AVVISO!!MI SAREBBE PIACIUTO UN CIRCUITO NELLA CIUDAD DE MEXICO E UNO A LAGUNA SECA... ELIMINARE HUNGARORING...E AVERE PIU' PILOTI IN GRIGLIA.. MA DI TALENTO NON PAGANTI COME GUTIERREZ...

segnala un abuso

nandop6 - 31/03/14

Forse a qualcuno non è chiaro che la Red Bull è una macchina velocissima, non ancora al livello della Mercedes ma se trova un po più di potenza e affidabilità in fretta, lotterà per il mondiale anche questo anno.

segnala un abuso

MAU75SPORTING CLUB - 31/03/14

Sono ferrarista ma simpatizzante Hamilton, quindi contento per la sua vittoria ma tifo a parte, mi dite almeno tre valid motivi per dire che questa formula 1 è interessante? Io non ne trovo! Saro' critico ma è noiosa, poco spattacolare! Alla seconda gara, salvo grossi e sorprendeti cambiamenti, è già scritto chi vincera il mondiale, dico ma scherziamo? UN SALUTO ALL'AMICO CAVRON!
Rispondete per cortesia, perchè seguirla?

segnala un abuso

giovanniF1 - 31/03/14

Grandissimo Hamilton e grande anche Vettel che con una red bull non all'altezza è sul podio, sta dimostrando a tutti i denigratori che anche senza la miglior macchina lui c'è.

segnala un abuso

cavroncitodelleasturie - 31/03/14

con quel camion dipinto di rosso quest'anno sarà un miracolo arrivare a podio.....
a Maranello abbiamo 2 piloti campioni del mondo....ma la monoposto è paurosamente poco veloce....
P.S. riguardo ai commenti durante la gara del collaudatore Gene....non sa nemmeno constatare onestamente la pochezza del mezzo.....
tra lui e domenicali concretezza e lungimiranza "0"
che questa Ferrari non è competitiva si è già visto a Melbourne....ieri 35 secondi dal primo senza safety car....

segnala un abuso