Formula 1, Mateschitz: "Alonso come Ali, fa guerra psicologica"

Marko: "Le dichiarazioni dello spagnolo hanno un chiaro intento politico"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Mateschitz Marko (LaPresse)

Dietrich Mateschitz, patron della Red Bull, ha risposto alle recenti dichiarazioni al veleno di Fernando Alonso contro Sebastian Vettel, accusato di vincere solo grazie alla monoposto più forte: "Come Muhammad Ali, le dichiarazioni di Alonso ai media sono ben meditate. E' il peggiore di tutti nella guerra psicologica". Dello stesso parere anche Helmut Marko, talent scout Red Bull: "Le affermazioni dello spagnolo hanno un chiaro intento politico".

Il proprietario della marca di bevande energetiche ha festeggiato il quarto titolo nella sua casa di Salisburgo, con piena soddisfazione ma senza troppa euforia, perché il trionfo era ormai scontato: “Ce lo aspettavamo, è stato come celebrare il Natale più di una settimana all’anno, non è così eccitante, ma la gioia c’è sempre”.

Nel corso della stagione, l'asturiano della Rossa ha più volte cercato di destabilizzare l'avversario, attaccandolo fuori pista grazie alla complicità della stampa per farlo innervosire. Secondo Marko, l'impopolarità di Vettel tra i tifosi sarebbe dovuta in parte alle dichiarazioni al vetriolo di Alonso, polemico contro la Red Bull e geloso dei successi del rivale: "In molti sostengono che per entrare nei cuori degli appassionati bisogna guidare per la Ferrari. Non sono d'accordo. Ayrton Senna ha vinto tutti i suoi titoli con la McLaren, non ha mai guidato per la Ferrari ma non ha mai avuto problemi di immagine per questo. Forse è più cool vincere con la Ferrari, ma questa non è una cosa facile al momento", ha dichiarato.

TAGS:
Formula 1
Red Bull
Dietrich Mateschitz
Helmut Marko
Fernando Alonso

I VOSTRI COMMENTI

Nick7777 - 01/11/13

L'impopolarità dei tifosi per Vettel a mio avviso è spontanea e non frutto di commenti di altri piloti. Non credo che gli spettatori si facciano influenzare da un commento di Alonso o altri ma ci si basi su quello che si vede in TV. Per cui credo che la impopolarità sia dovuta al fatto che i titoli non sono pienamente meritati dal pilota che ha avuto spesso, molto spesso, vita facile. Certo è fortunato, si trova nel posto giusto e nel momento giusto e per questo non lo si può condannare.

segnala un abuso

aleforcodinomagico - 01/11/13

solo una cosa,in una intervista al mitico Ayrton Senna,Zermiani disse cosa ne pensi della Ferrari?lui rispose con
La Ferrari?La Ferrari é un sogno!!spero un giorno di correre anche per questa scuderia che é nella storia della F1,poi la Ferrari é un sogno per tutti i piloti del Circus,anche Hamilton stesso che era scettico,che diceva lui mai in Ferrari,si é ricreduto,ed anche il pluricampione Vettel sogna la Ferrari e credo non ci sia niente di scandaloso,é un top team della storia diF1

segnala un abuso

AyrtonnSennaforever - 01/11/13

Per @kovacic74 : Forse non sai che la Williams del 1994 era quasi la stessa monoposto campione del mondo dell'anno prima con l'unica grande differenza che il grande Ecclestone per arginare il suo strapotere e evitare che Senna vincesse il mondiale a metà campionato modificò il regolamento privando le auto dell' elettronica dell' anno prima, così Senna si ritrovò a guidare un Kart da 800 cv, comunque nonostante tutto le prime 4 gare del 1994 Senna fece 4 pole...........

segnala un abuso

romano67 - 31/10/13

@kovacic74
Ti ricordo che prima del tragico gp di imola, Schumacher e Senna le prime due gare del mondiale le aveva vinte Schumy...e non per caso.

segnala un abuso

norossi - 31/10/13

Attenzione ora abbiamo le prove che la bevanda austriaca provoca allucinazioni e visioni, caro marco e company, non avete ne la storia ne la stoffa ne il carisma ne la forza ne il nome, insomma in confronto a Mc Laren e soprattutto all'indimenticato maestro e unico vero grande campione che abbia mai calcato le piste di f1 SENNA. Piacerebbe al vostro pseudo campione avere un quarto della classe di Senna. Ma fateci il piacere per favore va..................

segnala un abuso

gio_ca - 31/10/13

Benjy 88
se Senna corresse oggi, ed avesse la Red Bull qualcuno si accorgerebbe di lui (come con vettel) , se invece guidasse una Ferrari farebbe la stesso percorso di Alonso... le auto di oggi non sono minimamente paragonabili a quelle di 20 anni fa....l'elettronica, l'aereo dinamica... vedi shumacher dopo solo tre anni di assenza. un Tempo era molto più facile morire in F1!
Diciamo che Forse i piloti di oggi non riuscirebbero a guidare le auto di una volta....(forse)

segnala un abuso

planeshark6 - 31/10/13

@ torakiki il giustiziere
vettel non mi sembra tanto corretto in pista come dici tu. all'inizio di quest'anno webber si trovava in prima posizione e vettel secondo, la scuderia ordina di mantenere le posizioni ma lui se ne frega e va contro gli ordini sorpassando il compagno. l'anno scorso a monza ha sbattuto fuori pista alonso, e ne posso elencare ancora. quindi non mi sembra poi tanto corretto

segnala un abuso