Confederations Cup: Italia ko ai rigori, Spagna in finale

Decisivo l'errore di Bonucci dal dischetto: 7-6. Resta la grande partita per gli azzurri

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

SIMONE REDAELLI

Foto Reuters

La Spagna resta la nostra bestia nera e vola in finale. L'Italia ha giocato una grande partita, ma non è bastato. Le Furie Rosse ci hanno battuto ai rigori 7-6 nella semifinale della Confederations Cup: decisivo l'errore di Bonucci. Gli azzurri sono stati fenomenali, ma hanno sbagliato troppe palle gol. Nei tempi supplementari palo per Giaccherini e per gli iberici con Xavi: 0-0 dopo 120'. Sono tanti i rimpianti per la squadra di Prandelli.

LA PARTITA

Peccato. Questa è la parola che riassume al meglio il finale della serata degli azzurri. La sconfitta ai rigori, però, non deve e non può cancellare 120' di grande calcio. L'Italia ha dominato la Spagna e meritava di vincere. L'errore dal dischetto di Bonucci brucia e i rimpianti aumentano minuto dopo minuto. Ora c'è da realizzare che da questa prestazione mostruosa si può sognare in grande: da qui bisogna ripartire per tornare qui in Brasile tra un anno per vivere un Mondiale da protagonisti. Questa è la vittoria del collettivo e di un grande capitano, Prandelli. Sulla carta eravamo sfavoritissimi con Candreva, Giaccherini e Gilardino a sfidare Xavi, Iniesta e Torres. In campo, invece, si sono visti solo gli azzurri. Segno che siamo un gruppo vero: senza Balotelli (che non perderà il posto da titolare, sia chiaro) si è vista la migliore Italia di questa spedizione brasiliana e non solo. Insomma, l'unione fa la forza.

L'Italia, tutto d'un tratto, ha ritrovato anche le energie fisiche e in campo i nostri undici erano pimpanti come non mai. Gli spagnoli, forse stanchi per i troppo festini, sono stati surclassati sulla corsa e a centrocampo, il loro punto di forza. Sugli esterni Maggio, uno tra i migliori, e Giaccherini hanno creato azioni pericolosissime nel primo tempo. Almeno cinque nitidissime. Troppa imprecisione per Marchisio, De Rossi e Gilardino, miracoli per Casillas su due colpi di testa del terzino del Napoli che si è "mangiato" Jordi Alba. Le Furie Rosse si sono viste solo per merito di Torres che con un'azione personale si è ben liberato per il tiro, ma ha calciato a lato.

Poi il secondo tempo è stato un capolavoro: meno azioni da gol, ma partita controllata in una maniera sontuosa per gli uomini di Prandelli. A testimonianza di ciò il dato che sorprende: il 61% di possesso palla dell'Italia, proprio contro i maestri del tiki-taka. Tutto con De Rossi difensore centrale dal primo minuto della ripresa al posto dell'infortunato Barzagli. Un piacere veder giocare la Nazionale, come non succedeva da diverso tempo. 

Anche nei due tempi supplementari si è vista una bella partita ravvivata dai due pali colpiti, uno per parte. "Giaccherinho" dopo 3 minuti ha fatto tremare tutta la Spagna con una conclusione violenta, poi Buffon ha detto no a Xavi deviando sul legno un tiro dalla distanza. 0-0 e ai rigori. Come a Euro 2008, dove è iniziato il ciclo vincente della Spagna. Candreva ha inaugurato la serie con un "cucchiaio" alla Pirlo, poi nessuno ha sbagliato fino al settimo rigore di Bonucci: palla alta e sorrisi (risate) grandi così per Iniesta e compagni. Non ha fallito invece Jesus Navas che ha mandato i suoi in finale. Il cerchio non si è chiuso, ma questa Spagna non è più forte di noi. Una bella iniezione di fiducia per gli azzurri. Ora testa all'Uruguay, per la finale terzo-quarto posto, poi vacanze... meritate!

LA CRONACA DEL MATCH

LE PAGELLE

Candreva 7,5 - Nessuno avrebbe puntato qualcosa sul centrocampista offensivo della Lazio. E' lui la più grande sorpresa di questa Italia che ha messo alle corde la Spagna. Dimostra di avere coraggio per tutti i 120' quando si disimpegna alla grande, poi il colpo di classe dal dischetto. Davanti al maestro Pirlo un cucchiaio perfetto a beffare Casillas. Apoteosi.

De Rossi 7 - In Nazionale è sempre tra i migliori. Il suo look scaramantico con una manica lunga e una corta gli porta fortuna per davvero, a noi va bene così. Il suo capolavoro lo compie dal secondo in tempo in poi quando Prandelli lo manda a fare il centrale difensivo. Non sbaglia un pallone e i movimenti sono perfetti: l'assenza di Barzagli non si sente. Dagli undici metri scaccia l'incubo dell'errore a Euro 2008 proprio contro Casillas.

Giaccherini 7 - Sta vivendo una favola. Con un ruolo da comprimario nella Juve, con la maglia azzurra è sempre protagonista. Sulla destra affronta Arbeloa e lo umilia la maggior parte delle volte. Non trova il gol perché solo il palo lo ferma: il settimo legno colpito dall'Italia in quattro partite.

Torres 6 - Là davanti prova a fare tutto da solo, ma la mira è da rivedere. Si costruisce benissimo la più ghiotta delle palle gol e poi la spreca malamente a tu per tu con Buffon. Bene così, per noi!

Maggio 7 - E' l'uomo più pericoloso dell'Italia con due colpi di testa che fanno gridare al miracolo del portierone del Real Madrid. E' una spina nel fianco della retroguardia spagnola. Mette in mezzo un'infinità di palloni, tutti ben calibrati.

IL TABELLINO

Spagna-Italia 0-0 dtsp 7-6 dcr
Spagna (4-3-3)
: Casillas 7; Arbeloa 5,5, Piqué 6, Sergio Ramos 6, Jordi Alba 5,5; Xavi 6,5, Busquets 6, Iniesta 6; Silva 5 (7' st Jesus Navas 6,5), Torres 6 (4' pts Javi Martinez sv), Pedro 5 (34' st Mata 6). A disp.: Valdes, Reina, Albiol, Azpilicueta, Villa, Fabregas, Soldado, Monreal, Cazorla. All.: Del Bosque 6.
Italia: (3-4-2-1): Buffon 6; Barzagli 6,5 (1' st Montolivo 6,5), Bonucci 6, Chiellini 6,6; Maggio 7, De Rossi 7, Pirlo 7, Giaccherini 7; Candreva 7,5, Marchisio 6,5 (35' st Aquilani 6,5); Gilardino 6,5 (1' pts Giovinco 6). A disp.: Sirigu, Marchetti, Astori, De Sciglio, El Shaarawy, Cerci, Diamanti. All.: Prandelli 7,5.
Arbitro: Webb 
Marcatori
Rigori: Candreva (I) gol; Xavi (S) gol; Aquilani (I) gol; Iniesta (S) gol, De Rossi (I) gol; Piqué (S) gol; Giovinco (I) gol; Sergio Ramos (S) gol; Pirlo (I) gol; Mata (S) gol; Montolivo (I) gol; Busquets (S) gol; Bonucci (I) alto; Jesus Navas (S) gol
Ammoniti: De Rossi (I), Piqué (S)
Espulsi

DITE LA VOSTRA

Confederations Cup, Italia ko con la Spagna in semifinale. Che voto merita?

TAGS:
Confederations cup
Spagna
Italia

I VOSTRI COMMENTI

marken46 - 28/06/13

Vedere l'intero stadio fischiare gli spagnoli vale di una vittoria!!!

segnala un abuso

torakiki il giustiziere - 28/06/13

ALLORA I PIU TITOLATI....DAL 2007 AL 2010 NELL INTER TOTALE DI 20 GOL.....DAL GENNAIO 2010 AL GENNAIO 2013 NEL MANCHESTER CITY TOTALE DI 20 GOL....DAL GENNAIO 2013 A GIUGNO 2013 NEL MILAN UN TOTALE DI 12 GOL.....FACENDO LE SOMME RISULTANO 52 GOL IN 6 ANNI ( 20 SU RIGORE).....MEDIA GOL NEANCHE DI 9 ALL ANNO....CHI SAREBBE CHI LA BUTTA SEMPRE DENTRO SCUSA???

segnala un abuso

i-piu-titolati - 28/06/13

torakiki
Cambia sport credimi non sai nemmeno di cosa stai parlando!

segnala un abuso