Pisacane ambasciatore del calcio

Lega Pro: il difensore della Ternana denunciò combine

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Fabio Pisacane

Simone Farina è finito su tutti i giornali per aver denunciato un tentativo di combine nel caos Last Bet. C'è anche chi ha fatto la stessa identica cosa ma con un risalto molto minore: Fabio Pisacane, giovane difensore della Ternana. La rivincita personale di Pisacane però è arrivata nel giro di una settimana. Prima il titolo di "Ambasciatore del calcio" consegnatogli dal presidente FIFA Joseph Blatter in persona, poi la promozione sul campo in Serie B con la Ternana. "Voglio essere ricordato per quanto faccio sul campo - spiega Pisacane -, non per quanto faccio fuori". Segno di onesta e umiltà, merce rara insomma.

La settimana di Pisacane però è stata di quelle da ricordare, non c'è dubbio. "Incontrare la persona più importante del calcio - continua il difensore della Ternana - non è roba da tutti i giorni". Blatter lo ha incoronato 'Ambasciatore del calcio' per aver respinto e denunciato un tentativo di combine. Un episodio di calcio pulito di cui, con Farina del Gubbio, si farà portavoce vivente. Un premio fuori dal campo seguito, subito dopo, dai risultati di squadra con la promozione in B con la Ternana. "Sono molto credente - spiega il difensore - e credo che se lavori in buona fede, impegnandoti a fondo e senza cercare sotterfugi, qualcuno alla fine ti ripaga. E questo mi è successo". Una promozione "vissuta come un sogno, una liberazione che non è spiegabile a parole. Nel giro di pochi attimi tutte le privazioni e i sacrifici prendono un senso. Una gioia pazzesca".

Cresciuto nelle giovanili del Genoa, Fabio Pisacane ha giocato diverse partite in Serie B con la maglia dell'Ancona, dopo aver sfiorato la Serie A con il Chievo con cui però non ha mai giocato una partita. "Ci sono rimasto un po' male quando mi hanno lasciato andare via in scadenza. Sartori mi ha sempre riservato belle parole ma poi hanno pensato ad altri piani. Non fa niente, io la Serie A prima o poi me la prendo". Segni del destino, probabilmente, o di un disegno più grande di noi per rispettare le scelte di Pisacane. "La promozione l'abbiamo presa contro il Lumezzane, la mia ex squadra. Al 90' sul risultato di 0-0 diedero un rigore ai lombardi. Ambrosi, il nostro portiere, lo parò. Sul ribaltamento di fronte segnammo l'1-0 prendendoci i tre punti. Non ci siamo più fermati". E visto che sognare non costa nulla... "La Serie A la voglio a tutti i costi prima o poi... Sogno dei sogni? Giocare al San Paolo con la maglia del Napoli".

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento