Sei Nazioni, Italrugby: quattro novità contro l'Inghilterra

Dentro dall'inizio Bergamasco, Bortolami, Venditti e De Marchi. Brunel: "Per noi sarà un'altra sfida"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Brunel, foto IPP

Sei cambi complessivi e quattro volti nuovi nel XV titolare scelto dal ct dell'Italrugby Jacques Brunel in vista della seconda uscita nel Sei Nazioni di sabato a Twickenham contro l'Inghilterra dopo la sconfitta interna nell'esordio contro l'Irlanda: dentro dall'inizio Bergamasco, Bortolami, Venditti e De Marchi: "L'Inghilterra presenta una potenzialità diversa, un modo di giocare diverso - ha detto Brunel - Sarà un'altra sfida per noi".

Con Campagnaro infortunato, il ct Brunel sposta McLean (la maglia n.11 va Venditti) ad estremo e Masi come primo centro, con Morisi alle sue spalle. In regia resta Haimona, in terza linea al posto dell'infortunato Zanni torna Mauro Bergamasco (che raggiunge Troncon a 101 caps). Un cambio anche in seconda linea, dove rientra mauro Bortolami. Il XV titolare azzurro: 15 Luke McLean; 14 Leonardo Sarto, 13 Luca Morisi, 12 Andrea Masi, 11 Giovambattista Venditti; 10 Kelly Haimona, 9 Edoardo Gori; 8 Sergio Parisse, 7 Mauro Bergamasco, 6 Francesco Minto; 5 Marco Bortolami, 4 George Fabio Biagi; 3 Martin Castrogiovanni, 2 Leonardo Ghiraldini, 1 Alberto De Marchi. A disposizione: 16 Andrea Manici, 17 Matias Aguero, 18 Dario Chistolini, 19 Joshua Furno, 20 Samuela Vunisa, 21 Guglielmo Palazzani, 22 Tommaso Allan, 23 Giulio Bisegni.

"Abbiamo perso Campagnaro e Zanni - ha detto Brunel - Abbiamo fatto gruppo, in più abbiamo Bortolami e Bergamasco, con un po' di esperienza, cerchiamo di mantenere lo spirito avuto in difesa, e di capire come trovare soluzioni ai problemi che abbiamo avuto nel controllo del pallone". Della sconfitta con l'Irlanda salva la fase difensiva, ma resta il rammarico di "non aver potuto capire se abbiamo la capacità di mettere gli irlandesi in difficoltà perché le poche volte che lo abbiamo fatto abbiamo creato delle situazioni interessanti".

TAGS:
Rugby
Sei Nazioni
Italia

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento