Golf, il declino di Woods: fuori dalla Top 100 dopo 19 anni

L'ex numero 1 al mondo, fuori da febbraio, continua a perdere posizioni: ora è numero 104

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Tiger Woods (Afp)

Continua inesorabile il declino di Tiger Woods, fermo da febbraio in attesa di tornare ad essere competitivo. L'ex numero 1 al mondo, infatti, è uscito dalla Top 100 per la prima volta negli ultimi 19 anni, in pratica dal settembre 1996 quando sbarcò tra i professionisti da numero 433 del ranking. Ora il campione americano è piombato al numero 104 e la sua partecipazione al Masters di Augusta tra due settimane è in forte dubbio.

Una discesa veloce e senza sosta, se pensiamo che a maggio del 2014 Tiger Woods era ancora al vertice del ranking, dove si era insediato per la prima volta al termine dell'Us Open 1997 (683 le settimane da numero 1 al mondo).

Poi, però, per il 14 volte vincitore di un Majors sono cominciati i problemi: una serie di infortuni, l'intervento alla schiena e i problemi con lo swing lo hanno penalizzato tanto da finire al numero 104.

Tra due settimane partirà il Masters di Augusta, torneo che Woods ha vinto in 4 occasioni: difficile che il campione americano sia al via a meno che non abbia recuperato una forma accettabile da evitargli figuracce come quella del Phoenix Open di gennaio, quando con 82 fece il suo peggior giro da professionista.

TAGS:
Tiger woods
Golf
Top 100

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X