Pantani e il testimone oculare: quante ombre su quel 5 giugno 1999 a Madonna di Campiglio

Davide Dezan ci anticipa lo 'speciale' sulla morte del Pirata con l'importante intervista in esclusiva: "Dal suo racconto emerge che la sera prima il tasso di ematocrito di Marco era 48.2-48.3, ben lontano dal 53 riscontrato"

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Pantani e il testimone oculare: quante ombre su quel 5 giugno 1999 a Madonna di Campiglio

"Sarà uno speciale molto importante perché ci farà fare molti passi in avanti sui misteri della vita di Marco Pantani, i misteri di Campiglio e i tanti dubbi legati alla sua morte". Parola del nostro Davide Dezan, che ha curato "Il mistero Pantani", in onda domani 14 febbraio alle ore 23.45 su Italia 1, condotto dal direttore di Sportmediaset Claudio Brachino e dedicato all'ex campione di ciclismo a 10 anni dalla sua morte.

Pantani e il testimone oculare: quante ombre su quel 5 giugno 1999 a Madonna di Campiglio

"Antonio De Rensis, avvocato della famiglia Pantani, sta facendo un lavoro preziosissimo per fare luce sulle tante ombre che ancora accompagnano il giorno di San Valentino di 10 anni fa e per cercare di dare risposta al disperato appello della mamma di Marco, che da tanto tempo ricerca la verità e urla al mondo "Mio figlio è stato ucciso" - ci spiega Dezan - Si stanno facendo passi in avanti importantissimi e probabilmente su quello che è avvenuto quel giorno dobbiamo aspettarci molte novità e anche qualche colpo di scena. Passi in avanti proprio sul 5 giugno 1999, giorno della cacciata di Pantani da Madonna di Campiglio. Tutta l'Italia si svegliò con la notizia della sua maglia rosa strappata e un tasso di ematocrito superiore ai valori consentiti. Ho sotto gli occhi i documenti di quel giorno e il valore medio scritto da chi effettuò il controllo era addirittura 53".

"Ma noi, dopo tanti mesi di ricerca - svela Dezan - abbiamo raccolto la testimonianza di una persona molto attendibile, di un teste oculare che ci racconta di aver visto Marco la sera prima del controllo, che tutti sapevano sarebbe avvenuto, misurarsi da solo il suo tasso di ematocrito. Questa persona riferisce che il tasso di ematocrito di Marco era 48.2-48.3, quindi un limite ben al di sotto di quel 53 riscontrato a poche ore di distanza. Si tratta di una testimonianza importantissima, che potrebbe spostare di molto l'interpretazione dei fatti di quel giorno". E' la prima volta che un testimone si espone in maniera così forte, gettando molte ombre su quella giornata. E non è l'unica: ce ne potrebbe essere un'altra in grado di ribaltare la lettura e la storia di quei fatti.

"Nella prima parte dello speciale - prosegue Dezan - ricostruiremo gli ultimi giorni di Marco Pantani ora per ora, ponendo l'accento sui tanti misteri legati a quello che accadde nel Residence 'Le Rose' di Rimini e raccontando tutto ciò che finora non si è detto. Cercheremo poi di far capire come la famiglia Pantani e l'avvocato De Rensis stanno lavorando per far riaprire l'inchiesta".

Misteri, dubbi, tante ombre. Ma anche, e soprattutto, le grandi vittorie di Marco Pantani. I trionfi al Giro d'Italia e al Tour de France. Imprese di un campione diventato mito.

TAGS:
Ciclismo
Marco Pantani
Davide Dezan

I VOSTRI COMMENTI

ilovetofuck - 14/02/14

Ciao Marco,
da oltre dieci anni il giro e il tour li seguo molto di rado anche se devo dire che il ciclismo mi appassiona. E il vero motivo per questo attaccamento me lo hai dato tu. Ancora adesso ho la pelle d'oca a ripensare alle tue gesta. Sei stato, sei e sarai sempre considerato tra i più grandi scalatori di tutti i tempi ed un ragazzo per bene.....
Nn siamo nessuno per condannare una persona. Se ha sbagliato, ne ha pagato le conseguenze in modo drammatico. FOREVER MARCO

segnala un abuso

capitanmarchisio - 14/02/14

viene osannato come il più grande di tutti i tempi... ma dai, mi dispiace per lui, ma non è diverso da tanti altri dopati.

segnala un abuso

ll6864 - 14/02/14

Grande Pirata, sei stato il più grande ciclista italiano di tutti i tempi. Grazie di essere esistito.

segnala un abuso

rosson1972 - 14/02/14

I veri campioni sono altri,vincere così nn e bello,amstrong e di Luca insegnano......

segnala un abuso

juwanty - 14/02/14

un UOMO, un CAMPIONE VERO ucciso dal sistema che permetteva agli altri di fare di tutto e di più.GRAZIE MARCO per quello che mi hai fatto vivere sulle montagne di Italia e Francia.RIP

segnala un abuso

SoloMilan1970 - 14/02/14

Dieci anni senza il Pirata.....dolore infinito ..una ferita che non guarisce mai....

segnala un abuso

Gabridiego - 13/02/14

Lasciatelo riposare in pace....

segnala un abuso