Strano ma vero: il sollevamento pesi introduce la moviola

Dal 2015, la tecnologia vigilerà sui troppi errori dei giudici. "Non se ne poteva più". E il calcio che cosa dice?

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Strano ma vero: il sollevamento pesi introduce la moviola

Mentre il calcio dibatte, da 20 anni, se sia il caso o no di introdurre la moviola in campo, ecco che la moviola stessa entra, a pieno titolo, in uno sport che non si direbbe: il sollevamento pesi. Strano, ma vero. O meglio: nemmeno strano se si leggono le motivazioni che spingono la Federpesi mondiale ad aprire alla tecnologia. "Troppi errori dei giudici. Non potevamo stare fermi". A quelli del calcio, chi lo dice?

E così la 'moviola in campo' viene introdotta anche nel sollevamento pesi. L'introduzione, dal 2015, del ricorso alla tecnologia e ai filmati televisivi è stata annunciata dal Sam Coffa, vicepresidente della federazione mondiale (Iwf) e direttore della commissione tecnica, al termine della riunione tenutasi in occasione della conclusione dei Mondiali in Kazakhstan.
A spingere i dirigenti internazionali del Congresso Iwf a decidere in tal senso è stata una serie di errori da parte dei giudici di gara che, quest'anno, hanno condizionato i risultati di competizioni come i Giochi del Commonwealth a Glasgow e quelli Asiatici a Incheon. Così dall'anno prossimo, in tutte le maggiori competizioni internazionali a partire dai Mondiali giovanili di Lima, in programma ad aprile, tre telecamere verranno posizionate in modo da riprendere ogni fase delle competizioni ed essere di aiuto ai giudici.

"Ci sono stati troppi errori e ne avevamo abbastanza - ha spiegato Coffa -. Io all'inizio ero contrario all'uso della tecnologia, ma ora mi sono convinto che sia necessario. Ho visto medaglie assegnate agli atleti sbagliati, e in particolare la decisione di Glasgow è stata atroce".
Il fatto a cui si è riferito il vicepresidente della federazione internazionale è una delle finali dei Giochi del Commonwealth, quella in cui l'australiano Simplice Ribouem è stato letteralmente 'scippato' della medaglia d'oro. Questo perché Steven Kari, di Papua Nuova Guinea, ha effettuato l'ultimo e decisivo 'strappo' toccandosi un ginocchio con il gomito, cosa che avrebbe dovuto provocargli una squalifica, comminata in un primo momento ma poi annullata dopo che il ricorso di Kari è stato accolto.

TAGS:
Altri sport
Sollevamento pesi
Moviola

I VOSTRI COMMENTI

Nessun commento