Strasser fa volare il Milan

Gol su assist di Cassano, Cagliari ko

  • Invia ad un amico
  • OkNotizie
  • Stampa
  • A A A

Strasser fa volare il Milan

Senza Ibrahimovic e con Pato in giornata no, ci pensa Strasser a regalare al Milan tre punti pesantissimi in chiave scudetto. Nella giornata in cui la Lazio frena a Genova, i rossoneri vincono 1-0 a Cagliari grazie alla rete, a cinque minuti dalla fine, del giovane centrocampista. L'azione del gol - in sospetto fuorigioco - nasce sull'asse Robinho-Cassano: tacco del primo, assist del secondo. Nel primo tempo palo del Cagliari con Canini.

LA PARTITA
Ci sono anni in cui ti gira tutto bene e allora non serve davvero a nulla star lì a far calcoli. In anni così capita che la Juve crolli in un giorno folle, che la Lazio si incagli nelle acque di Genova e che, da Genova, sponda Samp, arrivi in regalo un Cassano così, subito determinato, subito decisivo. Capita, anche, che l'emergenza e qualche acciacco ti costringano a buttare nel mischione Strasser e che questi, onestissimo lavoratore del centrocampo, peschi sul rettilineo del traguardo lo scatto da tre punti. In anni così, infine, il testone di Canini sbatte contro il palo per una questione di centimetri, Ronaldinho diventa un ricordo e l'assenza di Ibra passa via liscia che nemmeno te ne accorgi. Perché se è scritto che devi vincere, vinci. E c'è poco da fare.

Il Milan che passa a Cagliari è una di queste storie qui, perché non gioca bene, fatica molto, rischia moltissimo, ma si porta a casa tutto. Basterebbe questo per un sorriso grande grande, ma la Befana ha una calza piena zeppa di dolci e allora le rivali per lo scudetto mollano la presa e Allegri scappa via: Lazio a -5, Juve a -8, Roma a -7. Inter e Napoli vedremo, ma la distanza è ampiamente di sicurezza. Poi c'è l'altra storia, sempre bella, perché Cassano non lascia nemmeno il tempo di chiedersi quanto fosse giusto il suo acquisto: ingresso alla mezzora della ripresa, un paio di tocchi così così e l'assist per il gol di Strasser. Punto, set, partita.

Prima c'era stato tutto il tempo per capire che Seedorf non è un vice-Pirlo proponibile, che Pato è lontano anni luce da una buona condizione e non sembra abbia nemmeno troppa voglia di raggiungerla e che Ibra, là davanti, è, gol a parte, imprescindibile. Non trovarlo piantato come un tronco a centro area sui lanci dalla mediana o sui cross dalle fasce è un dolore lungo 80 minuti. Senza lo svedesone per segnare servono miracoli. O magie: tacco di Robinho, assist di Cassano et voilà, Strasser. Milan campione d'inverno. Non è ancora nulla, ma è un buon indizio.

LE PAGELLE
Seedorf 5
- In regia al posto di Pirlo è fuori posto come un tacchino in America nel giorno del Ringraziamento. Lento, impacciato, in una delle sue giornate di siesta, perde una quantità industriale di palloni sulla pressione dei centrocampisti avversari e innesca un paio di azioni pericolose del Cagliari. Della sua partita ricordiamo solo un lancio che libera Pato a tu per tu con Agazzi. Il resto è meglio dimenticarlo

Pato 5 - Seedorf gli serve un pallone d'oro a due passi da Agazzi e lui regala il votone al portiere avversario sparandogli addosso. Merkel lo serve al limite e lui calcia su un avversario. Abate gli pennella un cross al bacio da buttare solo dentro e lui arriva un attimo dopo all'appuntamento con il gol. In due parole, in ritardo, sempre.

Bonera 6,5 - Se la deve vedere con Matri, che non è il più morbido degli attaccanti, e tutto sommato lo contiene senza troppa fatica. Bravo negli anticipi, attento e sempre concentrato. Unica piccola disattenzione su Canini, che lo sovrasta di testa su angolo e colpisce il palo.

Cossu 6,5 - Meno bravo rispetto ad altre occasioni ma sempre molto bravo, perché sa giocare tra le linee, rompe le scatole in pressing a Seedorf e fa girare la squadra andando a prendere moltissimi palloni per distribuirli ai compagni

Astori 7 - Il suo 2011, complice assenza di Ibra, comincia di lusso. Dopo pochi minuti, con l'aiuto di Agazzi, si oppone al destro insidiosissimo di Robinho. Poi se ne sta lì senza un vero avversario da marcare, ma determinato a sufficienza da mettere la museruola a Pato ogni volta che gli capita a tiro

Agazzi 7 - Due sole parate, ma sono paratissime. All'alba della partita si oppone a Robinho. A inizio secondo tempo dice no a Pato. Il resto è ordinaria amministrazione contro punte non straordinarie. Non può nulla contro Strasser

Strasser 7 - Entra al posto di Gattuso, ringhia a centrocampo su ogni avversario e, già che c'è, completa la giornata con il destro da tre punti che lancia il Milan verso lo scudetto.

Cassano 7 - La condizione fisica è quella che è. I piedi, però, sono deliziosi. Parte un po' timido, servendo due volte i compagni quando avrebbe potuto cercare gloria personale. Poi, però, duetta con Robinho e regala a Strasser il gol-vittoria. Difficile immaginarsi un esordio migliore

di Alessandro Franchetti

LA CRONACA MINUTO PER MINUTO

IL TABELLINO

CAGLIARI-MILAN 0-1

Cagliari (4-3-1-2): Agazzi 7; F. Pisano 6, Canini 6, Astori 7, Agostini 6,5; Nainggolan 6, Conti 6, Lazzari 5,5 (3' st Biondini 6); Cossu 6,5; Nené 5, Matri 6 (39' st Acquafresca sv). A disp.: Pelizzoli, Ariaudo, Pinardi, Biondini, Laner, Ragatzu. All.: Donadoni

Milan (4-3-1-2)
:  Abbiati 5; Abate 6, Bonera 6,5, Thiago Silva 6,5, Antonini 6,5; Gattuso 6 (12' st Strasser 7), Seedorf 5, Ambrosini 5,5; Merkel 6,5 (29' st Cassano 7); Pato 5, Robinho 6. A disp.: Amelia, Beretta, Papasthatopoulos, Oddo, Yepes. All.: Allegri

Arbitro: Rizzoli

Marcatori: 40' st Strasser

Ammoniti: Pisano (C), Ambrosini (M)

Espulsi: nessuno

I VOSTRI COMMENTI

austisrossonero - 08/01/11

signori perche tutto questo accanimento contro il nostro numero uno'?????a mio avviso in questa fase di campionato e sul podio dei 3 migliori portieri ,,,,,,la vittoria di cagliari e stata immeritata quanto importante ma serve pure questo--- domani ci sarà da soffrire ma e in questi momenti che viene fuori il gruppo--- vedo bene i 2 baby bisogna darli fiducia àààà e poi torna lo zingaro che da solo può farci vincere--------------------------------

segnala un abuso

lucarosso-nero - 08/01/11

abbiati ha male al ginocchio destro da un paio d'anni!è per quello che cn i piedi calcia male!!1bene farebbero i nostri ggiocatori(seedorf almeno 5 volta l'ha fatto)di non effettuare retropassaggi!!!!!!perchè tra i pali è un ottimo portiere

segnala un abuso

antonio141195 - 08/01/11

concordo con alee83...abbiati più ke disastroso...ma nn è la prima partita ke gioca male con i piedi...è capitato più di una volta...i piedi nn li ha proprio buoni lui...meglio giocare con amelia in porta...ke almeno è più bravo a calciare la palla...menomale ke si è infortunato abbiati...kmq io ho visto anke un pato abbastanza scarso...nn mi è piaciuto x nnt...meglio se lo vendiamo...fa' 1 partita buona e 3 schifose...grandi strasser e cassano...continuiamo così...forza milan!!!

segnala un abuso

dani73 - 07/01/11

Un Milan cinico,versione trasferta,porta a casa 3 punti pesanti.Contro un Cagliari pericoloso ma sfortunato e quasi preciso,la squadra di Allegri fa di necessità virtù schierando una squadra alternativa visto le forzate assenze di alcuni titolari inamovibili.Con un Cassano non ancora in forma ma decisivo nel duettare con Robinho (sempre più un ottimo acquisto del mercato estivo insieme a Zlatan)confezionano una palla d'oro che il giovane Strasser con una freddezza da bomber navigato insacca

segnala un abuso

alee83 - 07/01/11

ieri abbiati è stato disastroso! se solo avessimo tenuto storari..

segnala un abuso

- 07/01/11

segnala un abuso

lucarosso-nero - 07/01/11

enrico-juve1:era fuorigioco è vero,ma di 3\4mm!!!!!!!!!!!!era umanamente impossibile vederlo in presa diretta!!!!!! ragazzi io nn ne posso piu di vedere seedorf giocare(parolone)....irritante!!!1mille errori e nemmeno l'umiltà di rincorrere l'avversario dopo averla combinata grossa......w strasser wmerkel w i giovani!

segnala un abuso

ale.r87 - 07/01/11

inoltre è abbastanza ridicolo quando rivendica la sua indipendenza. In 13 anni di milan è sempre stato buono buono, pagato e coccolato dal milan (e li non rivendicava la sua indipendenza), poi appena ha intravisto la possibilità di emergere lui come individualità, tac che si sente indipendente.

meglio perderle persone così.

segnala un abuso