Serie B: il Perugia soffre, ma supera 2-1 il Crotone

Terza vittoria consecutiva per la squadra di Nesta, che ora è quarta: decisivo l'autogol di Simy

  • A
  • A
  • A

Salto triplo del Perugia che batte il Crotone per 2-1 al Curi nell'anticipo della dodicesima giornata di Serie B. La terza vittoria consecutiva della squadra di Alessandro Nesta vale il quarto posto in classifica a quota 17 punti insieme alla Salernitana grazie a Valerio Verre che apre le marcature al 23' e Simy: prima l'attaccante nigeriano firma il pareggio su rigore al 56', poi il suo autogol al 63' fissa il risultato finale. Che non cambia anche perché i due portieri Festa e Gabriel salvano su Dragomir e ancora Simy. Niente da fare per Massimo Oddo che perde la sua prima partita sulla panchina dei calabresi e il derby tra campioni del mondo.

Al Curi parte forte il Crotone che sfrutta bene le fasce: Firenze ha sulla testa due occasioni nel primo quarto d'ora, ma le sue deviazioni sui cross di Stoian non spaventano più di tanto Gabriel che blocca. Si sveglia il Perugia e soprattutto i due giocatori più tecnici, Vido e Verre innescano innescare Melchiorri, ma l'ex Cagliari non riesce a trasformare il tap-in al 20'. Bravo Festa a respingere, ma non può nulla 3' più tardi quando Kingsley ruba palla sulla fascia destra a Curado, si invola e mette un pallone a rimorchio per Verre che calcia e trova la deviazione di Sampirisi col tacco a battere il portiere rossoblù.
La squadra di Oddo prova a reagire e costruisce gioco sempre sulle corsie. Al 38' Gabriel si supera su Firenze: cross preciso di Molina ancora sulla testa del numero 7 che colpisce a colpo sicuro, ma il portiere di proprietà del Milan respinge con la gamba sulla linea. È l'ultima occasione del primo tempo che i calabresi chiudono in crescendo.

Allo stesso modo provano a fare la partita anche a inizio ripresa mettendo il Perugia in affanno. Il gol è nell'aria e arriva puntuale al 56' grazie a un intervento scomposto di Gyomber su Simy in area, su cui il signor Pezzuto da Lecce non ha dubbi e concede il rigore. Sul dischetto si presenta l'attaccante nigeriano: rincorsa a due passi e piatto alla sinistra di Gabriel che rimane immobile.
Il Perugia si ricompone ed è ancora decisiva la velocità di Kingsley sulla fascia destra: Faraoni non riesce a contenerlo e lo stende ai 20 metri. Batte Falasco forte e tagliato col sinistro, il pallone viene colpito da Simy che stavolta sbaglia porta: Forte può solo toccare il pallone che si insacca per il nuovo vantaggio umbro.
Oddo prova a cambiare inserendo un'altra punta pesante come Budimir e i suoi continuano a sfruttare le fasce, soprattutto a destra, ma la difesa della squadra di Nesta tiene botta. Negli ultimi minuti parte l'assedio del Crotone e gli umbri si difendono a 5, provando a colpire ogni tanto in contropiede, che può diventare letale.
Come al minuto 86 quando Melchiorri calcia da fuori area costringendo Festa all'intervento in tuffo. Sessanta secondi più tardi Verre serve Dragomir che scatta sul filo del fuorigioco e si presenta a tu per tu col portiere, ma spreca tutto calciandogli addosso. Al 90' ancora Simy ha sul sinistro la palla del pareggio grazie a un retropassaggio folle di Mazzocchi: Gabriel è superlativo nel respingere la conclusione.
Dopo Padova e Livorno, il Perugia supera anche il Crotone e raggiunge la Salernitana a quota 17 punti; i calabresi, invece, si avvicinano alla zona playout con sole 4 lunghezze di vantaggio sul duo Cosenza-Padova.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments