F1, Hamilton vince a Monaco

Sul podio anche Bottas davanti al penalizzato Verstappen, ritiro per Leclerc

di
  • A
  • A
  • A

Lewis Hamilton vince il GP di Monaco e conquista la quarta vittoria stagionale. Il britannico ha trionfato al termine di una gara meno noiosa del previsto, salendo sul gradino più alto del podio davanti alla Ferrari di Vettel e all'altra Mercedes di Bottas, ora a - 17 in classifica. Quarto Verstappen, arrivato 2° al traguardo ma poi retrocesso per una penalità. Ritiro per Leclerc, out nel tentativo di rimonta dopo l'incubo qualifiche.

Una Monte Carlo più spettacolare di quanto ci si attendesse, ma che alla fine ha premiato il poleman, come quasi sempre avviene sulle tortuose stradine del Principato. Lewis, nonostante una strategia gomme sbagliata da parte del suo team, è riuscito a difendersi fino alla fine dagli assalti di Verstappen, strappando una vittoria preziosissima che gli vale il primo vero allungo della stagione nei confronti del compagno di team.

L'episodio più significativo accade in avvio: Leclerc, scatenato nella rimonta dopo il disastro delle qualifiche, fora in un contatto con la Renault di Hulkenberg, distruggendo il fondo della sua Ferrari e costringendo i commissari a far entrare la Safety Car per recuperare i detriti. Tutti ne approfittano per il pit-stop e proprio nella corsia dei box Verstappen sorpassa Bottas per il 2° posto, con una manovra azzardatissima. Il finlandese è poi costretto a un altro pit-stop immediato per la rottura di un cerchione e scivola addirittura al , alle spalle di Vettel. Poi, la sentenza: 5 secondi di penalità a Verstappen per unsafe realease, che alla fine gli costano la seconda piazza a favore di Seb, che con un po' di fortuna strappa il miglior risultato della sua stagione, e anche la terza a favore di Bottas.

Una gara pazza, da cui è rimasto tagliato fuori il padrone di casa Leclerc: inevitabile il ritiro per lui, arrivato però con la consapevolezza di aver tentato il tutto per tutto in una domenica comunque già compromessa, dando spettacolo davanti al proprio pubblico. Ferrari ancora rimandata, in attesa di qualche pista più "di motore" (a cominciare da Montreal) sulla quale far valere gli aspetti positivi di una SF90 comunque ancora tutt'altro che competitiva.

Quinto, dietro al vicino di box, Pierre Gasly, che con un pit-stop finale ha anche conquistato il punto addizionale per il giro veloce in gara. Sesto un eccezionale Carlos Sainz con la McLaren, davanti alle due splendide Toro Rosso di Kvyat e Albon, alla Renault di Ricciardo e alla Haas di Grosjean, che ha completato la top 10. Disastrosa la gara di Antonio Giovinazzi, scivolato addirittura in penultima posizione in partenza e poi punito con 10 secondi di penalità per un contatto con la Williams di Kubica, in un disperato tentativo di sorpasso alla Rascasse. Malissimo anche Raikkonen, 17°, a conferma di un periodo nero per l'Alfa Romeo.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments