Europa League, Eintracht-Lazio 4-1: serata da incubo per Inzaghi

Alla Commerzbank Arena Da Costa (doppietta), Kostic e Jovic puniscono i biancocelesti. Inutile la rete di Parolo. Espulsi Basta e Correa

di STEFANO RONCHI

Tonfo Lazio in Europa League. Dopo la sconfitta nel derby, a Francoforte la squadra di Inzaghi perde 4-1 nel secondo turno del Gruppo H. Da Costa sblocca la gara al 4', poi Parolo pareggia momentaneamente i conti al 23'. Kostic riporta avanti i tedeschi al 28', poi Basta (48') e Correa (59') si fanno espellere e gli uomini di Hütter chiudono il match con una perla Jovic al 52' e ancora con Da Costa nel recupero.

Europa League, Eintracht-Lazio 4-1: le foto

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Tonfo Lazio in Europa League. Dopo la sconfitta nel derby, a Francoforte la squadra di Inzaghi perde 4-1 nel secondo turno del Gruppo H. Da Costa sblocca la gara al 4', poi Parolo pareggia momentaneamente i conti al 23'. Kostic riporta avanti i tedeschi al 28', poi Basta (48') e Correa (59') si fanno espellere e gli uomini di Hütter chiudono il match con una perla Jovic al 52' e ancora con Da Costa nel recupero.

>

LA PARTITA

Per la Lazio le buone notizie arrivano solo da Apollon-Marsiglia. Un pareggio che lascia tutto aperto nel girone e che rappresenta l'unica nota positiva in una serata da incubo per i biancocelesti. A Francoforte la banda di Inzaghi mostra infatti il lato oscuro di questo gruppo, bissando in buona sostanza la prestazione amara del derby. Con l'Eintracht si è vista una squadra deconcentrata, molle. A tratti assente. Soprattutto dal punto di vista fisico e caratteriale. L'impressione, infatti, è che tecnicamente non ci fosse partita. E invece il campo ha raccontato tutta un'altra storia, coi tedeschi a farla da padrone e a candidarsi a un posto da protagonista nel Gruppo H. A Francoforte hanno steccato un po' tutti. La difesa, imbarazzante, il centrocampo, lento e confuso, e l'attacco, sterile e prevedibile. Discorso diverso invece per l'Eintracht, che con la Lazio ha messo in campo grinta, corsa, tecnica e voglia di stupire. Tutto condito da un pubblico stupendo, che ha spinto gli uomini di Hütter per tutto il match, riducendo i biancocelesti al ruolo di comprimari e di spettatori non paganti. 

Alla Commerzbank Arena, Inzaghi si presenta con un mini-turnover. Una scelta accorta, per lanciare un segnale alla squadra e confermare i dei timori della vigilia. Accanto a Immobile, in attacco c'è Correa, con Basta e Durmisi sulle corsie e Parolo, Leiva e Milinkovic in mediana. Il solito 3-5-1-1, con qualche interprete diverso per cercare alternative tecniche e stimoli diversi. Soluzione che nella bolgia di Francoforte sbatte subito contro il 4-4-2 compatto di Hütter. Con Rebic in panca, l'Eintracht la mette sulla corsa e dopo quattro minuti sblocca la gara con Da Costa, bravo a sfruttare una mezza dormita di Milinkovic e Leiva su calcio d'angolo. Un gol che fa esplodere la Commerzbank Arena, ma che sveglia anche la Lazio. Immobile testa i riflessi di Trapp, poi la squadra di Inzaghi comincia a macinare gioco sulla sinistra e pareggia i conti con Parolo, pescato perfettamente da Correa in mezzo all'area. A ritmi alti e con la "spina" Gacinovic tra le linee, i biancocelesti giocano solo a sprazzi, lasciando campo alle ripartenze e all'aggressività dell'Eintracht. In fase di impostazione, del resto, il palleggio della Lazio è lento e la banda di Inzaghi arriva sempre dopo sulle seconde palle. Troppo poco per giocarsela ad armi pari. E così i tedeschi affondano ancora il colpo con Kostic, riportandosi avanti dopo un doppio errore in chiusura di Wallace e Leiva. Una rete che fa saltare il banco e anche i nervi di Basta, che nel giro di dieci minuti si prende due gialli e nel recupero del primo tempo lascia la Lazio in dieci. 

In inferiorità, nella ripresa gli uomini di Inzaghi provano subito ad attaccare a testa bassa a caccia del pari, ma crollano miseramente. La manovra bianconceleste è confusa, prevedibile e frenetica. E i tedeschi ringraziano, ripartendo ogni volta in contropiede senza difficoltà. Haller porta a spasso Acerbi e Wallace, difendendo bene la palla in ogni zona del campo, poi serve a Jovic la palla del tris che chiude il match. Anche perché subito dopo Correa entra col piede a martello e si fa espellere, mandando in fumo qualsiasi possibilità di rimonta. Nel finale poi va in scena una specie di monologo tedesco, con i biancocelesti che arrancano e incassano anche il quarto gol nel recupero. Un poker maro. Amarissimo. Dopo la sconfitta nel derby, la Lazio torna dalla Germania con le ossa rotte anche in Europa. Certo, nulla è perduto. Ma un tonfo del genere non è mai un buon segno. Per Inzaghi c'è molto lavoro da fare per rimettere la squadra in carreggiata. 

LE PAGELLE

Parolo 6: firma il gol del pareggio momentaneo con un inserimento dei suoi. Si batte in mezzo al campo, ma è l'unico a gettare davvero il cuore oltre l'ostacolo insieme a Immobile
Wallace 4: serata da dimenticare. Sempre in ritardo, molle e in grande affanno con Haller. Si lascia travolgere dalla rapidità in contropiede dei tedeschi e non riesce mai a far valere la sua fisicità
Basta e Correa 4: due rossi evitabilissimi. Il primo è un'ingenuità che costa cara alla Lazio e seng ail match, il secondo (forse un po' eccessivo) è il simbolo della frustrazione della squadra
Hasebe 7,5: prestazione da incorniciare. Chiude con precisione tutte le linee di passaggio per Immobile, annullando il bomber biancoceleste. Sui calci piazzati marca Milinkovic e non gli fa vedere palla
Jovic 7,5: tanto lavoro di fino e corsa. Il terzo gol è una perla di freddezza, coraggio e tecnica sopraffina
Gacinovic e Kostic 7: due spine nel fianco. Dai loro piedi arrivano le azioni più pericolose e i contropiedi che fanno male ai biancocelesti. Gamba e qualità

Da Costa 7,5: apre e chiude i conti. In mezzo tanta corsa e voglia di stupire

IL TABELLINO

EINTRACHT-LAZIO 4-1
Eintracht Francoforte (4-4-2): Trapp 6; Da Costa 7,5, Hasebe 7,5, Russ 6,5, Falette 6,5; Gacinovic 7, De Guzmán 6,5 (41' st Stendera sv), Lucas Torró 6, Kostic 7 (33' st Twatha 6); Haller 7, Jovic 7,5 (23' st Rebic 6,5). 
A disp.: Rönnow, N'Dika, Fernandes, Muller. All.: Hütter 7,5
Lazio (3-5-1-1): Proto 5; Luiz Felipe 5, Acerbi 5, Wallace 4; Basta 4, Parolo 6, Leiva 5 (30' st Luis Alberto 5,5), Milinkovic 5 (18' st Berisha 5,5), Durmisi 6 (18' Lulic 5,5); Correa 5,5; Immobile 6. 
A disp.: Guerrieri, Rossi, Bastos, Badelj. All.: Inzaghi 4,5
Arbitro: Serdar Gözübüyük (Olanda)
Marcatori: 4' Da Costa (E), 23' Parolo (L), 28' Kostic (E), 7' st Jovic (E), 49' st Da Costa (E)
Ammoniti: De Guzmán, Trapp, Russ, Kostic (E); Immobile (L)
Espulsi: 48' Basta - per doppia ammonizione; 13' st Correa (L) - intervento pericoloso

TAGS:
Europa League
Eintracht Francoforte
Lazio

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X