CHAMPIONS LEAGUE

Psg, Tuchel: "Finale? Sfida più importante in carriera"

"Siamo qui per vincere, ma non faremo niente di speciale"

  • A
  • A
  • A

L'allenatore del Psg, Thomas Tuchel, ha regalato al club francese la prima finale di Champions League della sua storia e adesso contro il Bayern Monaco sa di giocarsi tanto. "Siamo qui per giocare la finale e vincerla. Ovviamente è la sfida più grande della mia carriera. E' difficile descrivere le mie emozioni: sono esausto e felice. Non faremo niente di speciale, perché la partita è già speciale", ha detto.

Vedi anche Bayern, Flick: "Mettiamo sotto pressione il Psg" Champions League Bayern, Flick: "Mettiamo sotto pressione il Psg"

Tuchel dovrà risolvere alcuni dubbi di formazione. "L'infortunio subito da Marco Veratti è stato un causato da un colpo, non si tratta di una problema muscolare e questo minimizza i rischi. Lui sta abbastanza bene, è un caso simile a quello capitato a Kylian Mbappé. Se è al 100% e pronto a disputare 120 minuti? Ovviamente no, ma la domanda è se è pronto a giocare, e la risposta è sì, a meno di ricadute in allenamento. Domani mattina valuteremo se è il caso di farlo partire titolare oppure no"., ha aggiunto. Su Keylor Navas: "La situazione di Keylor Navas è diversa: dopo vedremo se si potrà allenare per la prima volta dall'infortunio e poi si tratterà di decidere, o sì o no. Lo capiremo dopo l'allenamento".

Per il Psg è la prima finale in Champions League della sua storia: "Parlo molto con Keylor Navas, lui ha vinto questa competizione tante volte - ha raccontato Tuchel - ne abbiamo parlato anche prima della semifinale. Anche Angel di Maria e Neymar hanno già vinto la Champions League: credo che le squadre come il Bayern Monaco, che sono abituate a giocare questo genere di gare, abbiano in finale un leggero vantaggio dato dall'abitudine a disputarle. Detto questo, non credo che debba essere un vantaggio decisivo".

Sugli avversari: "Abbiamo guardato dei video con tutti i ragazzi e abbiamo effettuato una seduta esclusivamente di tattica.. Lavoriamo sui concetti di base del nostro gioco in modo che tutti si sentano tranquilli. Con Flick il Bayern sta vivendo un momento unico. Loro sono un mix di giovani affamati e desiderosi di lasciare il segno e di giocatori più esperti che vogliono vincere nuovamente la Champions League".

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments