F1, Rosberg primo a Barcellona

Il capoclassifica precede la Ferrari di Raikkonen. Vettel quarto dietro a Hamilton

di
  • A
  • A
  • A

Nico Rosberg ha risposto all'attacco Ferrari e si è rimesso davanti nelle libere 2 del GP di Spagna di F1. A Barcellona il tedesco della Mercedes ha chiuso col miglior tempo di giornata in 1'23"922. Alle sue spalle i soliti noti, con il ferrarista Raikkonen, staccato di due decimi, davanti a Hamilton e Vettel. Il gruppo degli altri è aperto da Sainz (Toro Rosso) con Ricciardo (Red Bull), Alonso (McLaren) e Verstappen nell'ordine. Kvyat solo 15°.

Classifica a parte, la seconda sessione è servita soprattutto per capire come potrebbe andare la gara. E la "sentenza" è che la Ferrari in questa occasione è decisamente all'altezza della Mercedes. Peccato solo che ci sia un Rosberg in formato mondiale, che si presenta al via ancora come l'uomo da battere. Nel long-run, infatti, il biondo figlio d'arte è stato il più veloce, anche se Raikkonen (rallentato ancora da qualche problemino) e Vettel non sono stati troppo lontani. Qualche pensiero in più, al contrario, per Hamilton, apparso ancora in difficoltà nei confronti del compagno di squadra. In qualifica, invece, si prospetta un bel duello tra Rosse e Frecce d'Argento, visto che entrambe le monoposto sembrano equlivalersi. Tanto equilibrio anche alle spalle dei fantastici quattro. La Toro Rosso pare in grado di dare fastidio alla Red Bull e Sainz, così come l'arrabbiato Kvyat, potrebbero fare lo scherzetto a Ricciardo e Verstappen, davvero positivo al suo esordio da "promosso". Spera nel colpaccio anche Alonso, mentre faticano le Williams, lontane anni luce dalle posizioni di vertice. Da segnalare alcuni attimi di apprensione nella prima fase delle prove, con l'esposizione della bandiera rossa per l'esplosione della gomma posteriore sinistra della Renault di Palmer (ripresosi il volante da Ocon) in pieno rettilineo. Per fortuna tanta paura, ma nessuna conseguenza.