SERIE B

Pari per Empoli e Spal, Brescia 3-1 alla Reggiana, tracollo Lecce. Monza ko a Pescara   

I toscani fanno 1-1 a Verona e restano in testa alla classifica mentre il Pisa supera i salentini con un netto 3-0. Gli abruzzesi si impongono 3-2 sul Monza al 90', Rondinelle ok in casa. 0-0 tra Venezia e Spal

  • A
  • A
  • A

Nel sabato di Serie B l’Empoli pareggia 1-1 contro il Chievo (La Mantia risponde a Obi) e torna solitario in vetta alla classifica. Alle sue spalle la Spal non va oltre lo 0-0 col Venezia mentre il Lecce cede 3-0 in casa al Pisa (a segno Soddimo, Gucher e Sibili). I due gol di Bettella non bastano al Monza contro il Pescara (avanti 3-2), vittorioso come Brescia (3-1 alla Reggiana), Cremonese (1-0 al Cosenza) e Vicenza (2-1 al 94’ sull’Ascoli).

BRESCIA-REGGIANA 3-1
Buona vittoria casalinga per il Brescia di Dionigi che al Rigamonti si impone 3-1 sulla Reggiana tornando al successo dopo il pari col Pordenone. Partono forte le Rondinelle andando avanti già all’8’ con Torregrossa su assist di Jagiello. La Reggiana però non si disunisce e alla mezz’ora trova il pari con Radrezza. L’equilibrio nel match dura tuttavia dura appena quindici minuti dato che, nel recupero, arriva il 2-1 di uno scatenato Jagiello. Nella ripresa i padroni di casa controllano senza particolari patemi e all’81’ chiudono i conti con Ragusa che, su invito di Sabelli, mette a segno il definitivo 3-1.

CHIEVO-EMPOLI 1-1
Basta un punto all’’Empoli contro il Chievo per tornare da solo in vetta alla classifica di Serie B. I toscani, in svantaggio al 18’ per il gol di Obi, nel primo tempo faticano a sviluppare una manovra continua ed avvolgente rimandando così alla ripresa ogni velleità di rimonta. Nei secondi 45 minuti il pareggio si concretizza per mano di La Mantia che al 60’ infila Semper per l’1-1, un risultato che gli uomini di Dionisi nel tempo restante provano in tutti i modi a girare a proprio favore. I veronesi però, in dieci uomini al 69’ per l’espulsione di Renzetti per doppia ammonizione, sventano ogni minaccia riuscendo in questo modo a portare a casa un preziosissimo punto contro la capolista.

CREMONESE-COSENZA 1-0
Dopo due pareggi e una sconfitta, torna al successo la Cremonese. Alla formazione di Bisoli, impegnata contro il Cosenza, basta la rete al 14’ di Pinato per avere la meglio sulla compagine calabra e dare così respiro alla propria classifica. Gli ospiti, una volta andati in svantaggio, provano in tutti i modi a centrare il pareggio ma, pur riversandosi nella metà campo avversaria e prendendo in mano il pallino del gioco, non riescono a trovare l’agognato gol dell’1-1.

VICENZA-ASCOLI 2-1
La spunta nel recupero il Vicenza che in casa contro l’Ascoli ritrova i tre punti dopo il 3-0 incassato dal Cittadella nel turno infrasettimanale. Pronti via, i padroni di casa sprintano subito sull’1-0 grazie a Meggiorini che al 9’ realizza su assist di Dalmonte. La rete però non affossa gli ospiti che, pur senza trovare il gol, giocano con ardore e senza timori reverenziali facendo piovere diverse conclusioni dalle parti di Grandi. L’1-1 arriva solo al 66’ con Sabiri ed è il giusto premio per l’audacia messa in campo dai bianconeri per cercare di impattare il match. Le emozioni, tuttavia, non sono finite visto che, dopo diverse occasioni da una parte e dall’altra, al 94’ i padroni di casa mettono a segno con Padella il 2-1 che manda in visibilio Di Carlo e tutto il suo staff consegnando al Vicenza una vittoria sofferta ma di peso.

LECCE-PISA 0-3
Il risultato più sorprendente del pomeriggio arriva dal Via del Mare dove il Lecce, reduce da tre pareggi consecutivi, cade con fragore contro un arrembante Pisa. I neroazzurri vanno avanti dopo appena 120 secondi con Soddimo il quale, quindici minuti più tardi, serve a Gucher l’assist del 2-0 al 17’. I salentini paiono decisamente in giornata no e il passivo è tutt’altro che semplice da recuperare contro una squadra particolarmente determinata contro quella toscana. I giallorossi ci provano ma senza successo e così al 68’ Sabiri arrotonda il risultato con il 3-0 che di fatto permette agli uomini di D’Angelo di archiviare la gara ed esultare per il terzo successo nelle ultime quattro uscite.

PESCARA-MONZA 3-2
Si ferma la corsa del Monza che, archiviati i successi contro Venezia e Entella, perde 3-2 a Pescara venendo beffata nel finale dal gol di Bocchetti. La gara, dopo venti di minuto di studio reciproco, si sblocca al 22’ grazie a Galano che sugli sviluppi di un corner riceve da Omeonga e realizza l’1-0. Il vantaggio pescarese però dura appena quattro minuti visto che al 26’ il colpo di testa di un libero Bettella riporta il match in parità. Dopo il guizzo estemporaneo dell’1-1, i padroni di casa riprendono in mano le redini del gioco e, nonostante la perdita per infortunio di Galano, sono loro a rendersi più pericolosi in zona offensiva senza tuttavia riuscire a concretizzare. In perfetto equilibrio all’intervallo, nella ripresa l’incontro vede infiammarsi Ceter il quale, sprecate un paio di buone chance, al 63’ riesce su rigore a infilare il nuovo vantaggio abruzzese. Il Monza (in dieci per l’espulsione comminata a Scaglia in occasione del penalty) non molla e cingendo d’assedio l’area avversaria all’84’ impatta il match sul 2-2 ancora con Bettella. La gara sembra destinata a finire in pareggio ma al 90’ Bocchetti infila in tap-in un impotente di Gregorio e regala ai padroni di casa un successo che mancava dal 2-0 all’Ascoli del 4 dicembre.

VENEZIA-SPAL 0-0
Come le prime tre in classifica, anche Venezia e Spal pareggiano mancando un’importante occasione per avvicinare la vetta della graduatoria. Il primo tempo vede decisamente più a fuoco i padroni di casa che all’11’ con Aramu fanno vibrare il palo della porta difesa da Thiam. La Spal fatica ad affacciarsi con pericolosità nella metà campo avversaria e così è il Venezia a condurre le danze e a produrre le minacce maggiori. Nel finale della prima frazione per i lagunari ci provano a ripetizione Mazzocchi, Ceccaroni e Forte ma il portiere ferrarese non si fa sorprendere e consente ai suoi di andare al riposo in perfetta parità. La ripresa vede il match incattivirsi e perdere progressivamente di qualità. Le due formazioni sentono nelle gambe la fatica del turno infrasettimanale e col passare dei minuti stentano sempre di più a confezionare tentativi degni di nota. Si arriva così stancamente negli ultimi minuti di gara dove la Spal ha un paio di buone chance con Dickmann e Paloschi ma non riesce a finalizzare: al fischio finale il tabellone del Penzo dice allora 0-0, lo stesso punteggio ottenuto dai ferraresi martedì contro il Chievo.

REGGINA-CITTADELLA 1-3
Terza vittoria consecutiva per il Cittadella, che con il 3-1 sulla Reggina balza al quarto posto e con ancora una partita da recuperare. Il match del Granillo viene sbloccato al 21’ dai padroni di casa: Rivas mette in mezzo per Liotti che, appostato sul secondo palo, incrocia di testa approfittando anche della marcatura non perfetta di Perticone. Al 40’ Tsadjout ristabilisce la parità trasformando un rigore concesso per un braccio largo di Lafferty. Nella ripresa i padovani ribaltato tutto. Prima Proia approfitta al 53’ di un clamoroso errore di Plizzari, che manca completamente la sfera in uscita, insaccando a porta vuota; poi Branca al 70’ chiude il match, favorito anche da un disimpegno completamente sbagliato da Stavropoulos, che aveva spazzato il pallone addosso a Folorunsho. Qualche minuto prima Liotti aveva lasciato la Reggina, che scivola ora in terzultima posizione in classifica, in dieci uomini per un fallaccio su Iori. Il Cittadella potrebbe essere potenzialmente capolista se vincesse il recupero contro la Reggiana a inizio gennaio.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments