PAGELLE ROSSONERE

Milan-Juve, le pagelle rossonere: certezze Rebic e Ibra, Kjaer-Romagnoli steccano

Buoni e cattivi del big match del Meazza

  • A
  • A
  • A

Donnarumma G. 6,5: nel primo tempo ferma Higuain dopo una bella azione della Juve, nella ripresa non può fare nulla sui gol di Rabiot e Ronaldo. Dice no a Rugani
Conti 5,5: dalla sua parte Danilo non spinge molto e ha spazio, ma non riesce a rendersi pericoloso
Kjaer 5,5: l'errore in tandem con Romagnoli sul raddoppio di CR7 pesa sul voto, ma il resto della prestazione è convincente
Romagnoli 5,5: insieme a Kjaer tiene a bada Higuain, ma è Ronaldo a fare male. E solo grazie a una brutta incomprensione col compagno di reparto 
Theo Hernandez 6: meno brillante ed efficace rispetto alle ultime uscite, ma prestazione sufficiente. La spia della "riserva" comincia a lampeggiare

ibra

Kessie 7: fa il suo davanti alla difesa, poi il Milan alza il baricentro e nella ripresa va a bersaglio. Ottimo l'inserimento sul gol che pareggia i conti  
Bennacer 6,5: gestisce il traffico in mezzo al campo, toccando tanti palloni e usando anche le maniere forti. I compagni lo cercano con insistenza e si fa trovare sempre pronto. Quantità e qualità 
Saelemaekers 5,5: ordinato, ma poco incisivo. Le qualità ci sono, ma serve più personalità e coraggio nelle giocate
Paquetá 5: dalle sue parti agisce Bentancur e non ha né lo stesso passo, né la stessa fisicità. Gira un po' a vuoto, fatica sul giropalla bianconero e patisce anche il dinamismo di Cuadrado. Ammonito, Pioli lo leva a inizio ripresa
Rebic 7: si alterna con Ibra al centro dell'attacco. Pressa, lotta e corre. Da un suo inserimento arriva il rigore che riapre il match, poi serve l'assist a Leao e cala il poker nel finale
Ibrahimovic 7: arretra a caccia di palloni, lasciando a Rebic il compito di attaccare la profondità. Tra le linee ha tempi e tecnica, agendo da regista offensivo. Riapre la gara dal dischetto, poi serve l'assist a Kessie
Calhanoglu 6,5: entra al posto di Paquetá per dare più qualità a ridosso delle punte e la differenza si vede subito. Parla la stessa lingua di Ibra
Leao 7: entra subito in partita ribaltando il match. La rete di Kessie arriva dopo un suo spunto, poi firma il tris che fa affondare la Juve
Bonaventura 6: entra al posto di Ibra per dare più solidità a centrocampo e fa il suo senza sbavature
Calabria: sv
Krunic: sv

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments