Berlusconi, occhiolino a Balotelli

"Vogliamo Coppa Italia e terzo posto. Mr Bee? Pronta l'alternativa se non trova soci"

  • A
  • A
  • A

Mario Balotelli-Milan, un matrimonio che a sopresa potrebbe proseguire dopo la fine della stagione. L'apertura è arrivata dal presidente rossonero Silvio Berlusconi: "Dipende da lui, se maturerà in campo e nella vita siamo pronti a fare uno sforzo economico per tenerlo con noi". L'obiettivo del patron è chiaro: "Siamo attrezzati per terzo posto e Coppa Italia". Poi su Mr Bee: "Se non troverà nuovi soci, abbiamo alternative".

Il numero uno rossonero ha toccato diversi temi in un'intervista rilasciata a 7 Gold, partendo dal campo dove il Milan ha saputo risalire dopo un inizio difficile: "Credo che la rosa sia adeguata per raggiungere gli obiettivi. Vogliamo fortemente la Coppa Italia che ci permetterebbe di tornare in Europa, darebbe un senso alla stagione. Ma siamo competitivi anche per il terzo posto. A Napoli tutti hanno confermato la volontà di dare il massimo in campo". Un timido segnale al San Paolo è arrivato anche da Balotelli: "Abbiamo avuti tanti infortuni in questa stagione, giocatori della qualità di Menez, Boateng e Balotelli sui quali Mihajlovic non ha potuto contare molto". E proprio su SuperMario è arrivata un'apertura a sorpresa: "Saremmo lieti di confermarlo a fine stagione, anche con uno sforzo economico. Ma dovrà dimostrare una maturazione nella posizione in campo e nella vita".

Sul futuro del Milan aleggia da tempo la figura di Mr Bee: "Abbiamo pensato a qualcuno che potesse portare nuovi capitali attraverso la commercializzazione del brand nei paesi asiatici. Mr. Bee ci ha presentato a questo proposito un piano molto valido che ci potrebbe consentire di guadagnare 100 milioni annui. E' una persona seria, ha lavorato bene. Putroppo i soci che aveva trovato erano cinesi e la crisi in quei mercati ha fatto sì che questi signori si siano ritirati. Oggi Mr. Bee sta cercando su altri mercati e spero che ce la faccia entro la fine del campionato. Ma se così non fosse abbiamo già tante alternative che permettaranno al Milan di avere nuovi capitali".