LA PROVA DEL NOVE

Dal Lecce al Lecce: Piatek alla prova del 9, il Milan ci spera

La carriera italiana del "Pistolero" polacco iniziò con 4 reti ai salentini in 37': oggi l'ex Genoa è chiamato a uscire dalla crisi di gol

di
  • A
  • A
  • A

Milan-Lecce è più di una partita per i rossoneri. L'esordio in panchina di Pioli, subentrato a Giampaolo durante la sosta, segna un nuovo inizio della stagione rossonera con Piatek e compagni chiamati al riscatto dopo i nove punti conquistati nelle prime sette giornate di campionato. E proprio il "Pistolero" è il giocatore con i riflettori puntati addosso e le "pistole" della sua esultanza - figurativamente parlando - il polacco le ha puntate verso di sé dopo un inizio di stagione a digiuno di reti su azione che dura già dall'estate (l'ultimo gol su azione risale al 19 maggio contro il Frosinone).

La linea che divide Piatek da essere un campione in difficoltà a un grande bluff è molto sottile, con la pazienza dei tifosi rossoneri - corrosi da anni di centravanti fallimentari dopo Inzaghi - ai minimi termini. Il Lecce anche per lui, ma soprattutto per lui, è un test fondamentale. Pioli sa benissimo che la riscossa stagionale del Milan passa dai gol del suo centravanti, tanto da averlo confermato come primo rigorista come confermato da Kessie in una recente intervista, e si affida anche alla cabala per chiudere il ciclo del polacco iniziato sopra le righe in Italia proprio contro il Lecce nell'agosto 2018, in Coppa Italia.

Quattro reti quella sera nella prima partita ufficiale di Piatek in Italia nel 4-0 dei rossoblù sui salentini, quattro centri in 37' che trasformarono le chiacchiere estive da bar nella periferia genovese in primi certificati di qualità per il ragazzo venuto da Dzierżoniów, sconosciuto al grande pubblico fino a quel momento. Il resto della scalata Piatek l'ha portata avanti da solo, un po' a sorpresa anche per i media polacchi, realizzando in totale 13 reti in otto partite ufficiali con il Genoa prima della sosta per le Nazionali di ottobre. Una scalata rapida, da bomber da un gol ogni 70' che lo ha portato nei mesi successivi a vestire la maglia del Milan.

Oggi, più di un anno dopo, il Lecce non è più la linea di partenza nel calcio italiano per Piatek, ma un bivio complicato, da non sbagliare per non intraprendere un tunnel difficile da superare. Da titolare o da subentrato. Alla seconda sosta per le Nazionali i numeri sono ben diversi e parlano di un giocatore che ha perso quel colpo letale, un po' per i problemi generali della squadra e del suo modo di giocare con Giampaolo, un po' per demeriti propri come nel caso degli errori contro Brescia e Torino.

I gol da 13 in totale e 7 in Serie A sono diventati 2, entrambi su rigore, con una rete realizzata ogni 246 minuti di gioco. Più del triplo. Ma è anche nel numero di tiri totali e in quelli nello specchio che risiede tutta la differenza del mondo: 37 e 14 con il Genoa nelle prime sette presenze in A della scorsa stagione; 21 e 7 con i rossoneri quest'anno. 

 

Krzysztof Piatek - Serie A prima della sosta di ottobre
Genoa Confronto Milan
7 (8) Presenze (tra parentesi con C. Italia) 7
9 (13) Gol 2
37 Tiri Totali 21
14 Tiri nello specchio 7
70 Media min/gol 246


Contro il Lecce chi partirà sicuramente dal primo minuto è Andrea Conti, un altro giocatore chiamato a sfruttare al meglio la chance per non perdersi definitivamente dopo la brutta prova nel derby e tanta, troppa sfortuna negli anni scorsi. La squalifica di Calabria gli riapre le porte della fascia destra che Pioli dovrà affidargli sperando di ritrovare la vena offensiva dei tempi migliori del terzino, con un po' di sicurezza in più in fase difensiva. Contro i giallorossi sarà solo l'ottava presenza da titolare di Conti in Serie A con la maglia del Milan, con 752 minuti spalmati in due stagioni e mezza. Due gli assist e nessun gol finora, un bottino amaro per un esterno che ai tempi dell'Atalanta si candidava a essere il terzino destro titolare della Nazionale per il futuro.

Andrea Conti - Milan in Serie A
Presenze 16
Da titolare 7
Minuti giocati 752
Gol 0
Assist 2
% cross su azione riusciti 28%
Contrasti 15
Tocchi in area avversaria 12
Dribbling riusciti 7

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments