INGHILTERRA

Premier League: il Chelsea passa a fatica contro il Southampton, l’Everton ferma lo United

Werner regala ai Blues il successo che li fa volare in vetta, i Red Devils si fanno agguantare da Townsend. Niente reti per l’Arsenal

  • A
  • A
  • A

Seppur con molta sofferenza, il Chelsea stende in casa 3-1 il Southampton ed è la nuova capolista della Premier League. Chalobah porta in vantaggio i Blues al 9’; Ward-Prowse (poi espulso) pareggia su rigore, ma a 6’ dalla fine è il tap-in di Werner a valere i 3 preziosi punti, prima del tris di Chilwell nel finale. Il Manchester United non va oltre l’1-1 contro l’Everton: Townsend (65’) risponde a Martial (43’). Brighton-Arsenal 0-0.

Getty Images

MANCHESTER UNITED-EVERTON 1-1
Il Manchester United non riesce a ripartire dopo il ko interno contro l'Aston Villa e rimanda nuovamente l'appuntamento con la vittoria in casa: l'Everton di Benitez, infatti, ferma sull'1-1 gli uomini di Solskjaer, che partono dal primo minuto senza i big Ronaldo e Sancho e con Cavani, Greenwood e Martial titolari. Primo tempo divertente ad Old Trafford: proprio il francese si rende subito pericoloso con un colpo di testa di poco a lato, ma i Toffees rispondono con il tentativo di Rondon murato e l'incornata di Keane che non spaventa de Gea. Ben più importante, invece, l'occasione che vede protagonista Cavani, che di testa costringe Pickford alla grande parata, mentre al 33' è Gray a mettere i brividi ai padroni di casa. Dieci minuti dopo, lo United passa in vantaggio: Greenwood mette Bruno Fernandes nelle condizioni di servire Martial, che con un potente destro in area batte Pickford firmando l'1-0 per i Red Devils. Nella ripresa, nonostante gli ingressi di Cristiano Ronaldo e Sancho, arriva il pareggio dell'Everton: ripartenza perfetta dei Toffees, rifinita da Doucouré e finalizzata da Townsend, che con un perfetto diagonale fulmina de Gea e annulla il vantaggio dei padroni di casa. Nel finale sembra addirittura concretizzarsi la rimonta della formazione di Benitez, ma la rete di Mina viene giustamente annullata per fuorigioco dell'ex Barcellona. Finisce dunque 1-1 con brivido finale per lo United: un risultato che consente ad entrambe le formazioni di salire a quota 14 punti.

CHELSEA-SOUTHAMPTON 3-1
In attesa di Liverpool-City di domani, il Chelsea è la nuova capolista della Premier League con 16 punti. Decisivo il 3-1 concretizzato nel finale di Stamford Bridge contro un tenace Southampton. Al 6’ è un marcatore che (quasi) non ti aspetti a sbloccare il risultato: corner dalla destra di Kovacic, spizzata di Loftus-Cheek sul primo palo e appoggio da pochi passi di Chalobah, talentino classe 1999, cresciuto nel settore giovanile dei Blues, che di testa ribadisce in rete. Poco più tardi sul piattone ad incrociare di Werner, da posizione defilata, McCarthy è bravissimo a chiudere in angolo. Il portiere ospite è poi caparbio nel dire di no coi piedi a Chilwell, inseritosi coi tempi giusti sul secondo palo. Al 34’ Walker-Peters dalla sinistra crossa morbidamente a centro area, Walcott è bravo ad anticipare Rudiger ma è impreciso nel dosare la forza: pallone alto e pareggio sfiorato. Nel frattempo, il Var annulla ai padroni di casa il raddoppio di Werner allo scadere del primo tempo per via di un fallo precedente commesso di Azpilicueta. Al 52’, destro rasoterra di Werner, che si libera al limite dell’area ma conclude troppo debolmente. È però un rigore trasformato da Ward-Prowse al 60’ (Chilwell stende Livramento) che regala l’1-1 al Southampton. A 15’ dalla fine arriva l’occasione più ghiotta per il Chelsea per tornare avanti: imbucata di Lukaku, serpentina in area di Werner e destro da pochi passi clamorosamente calamitato dai guantoni di McCartthy, che tiene in piedi i suoi. Il rosso diretto a Ward-Prowse ridà comunque fiato al Chelsea, che trova il gol vittoria all’84’: traversone di Azpilicueta e tap-in perfetto di Werner, che da due passi fredda McCarthy. Rocambolesco, infine, il tris di Chilwell al 90’ dopo i due pali colpiti da Lukaku e Azpilicueta.

WOLVERHAMPTON-NEWCASTLE 2-1
Bel successo in casa contro il Newcastle da parte del Wolverhampton, che si proietta ora verso metà classifica. Al 20’ Jimenez resiste a una carica di un avversario, va via in velocità e serve a Hwang Hee-Chan il diagonale destro rasoterra che vale l’1-0 dei Wolves. Tuttavia, un gran destro di Hendrick, servito da Manquillo, sotto la traversa ristabilisce la parità al 41’. La formazione allenata da Lage riesce a tornare in vantaggio al 58’ grazie alla doppietta del sudcoreano: conclusione potente da fuori area e pallone nell’angolino basso.

LEEDS-WATFORD 1-0
Il Leeds supera di misura, tra le mura amiche, il Watford e ottiene così la prima vittoria in questo complicato inizio di Premier League, uscendo per la prima volta fuori dalla zona retrocessione. La rete che decide la sfida arriva al 18’ del primo tempo, quando Diego Llorente riesce in qualche modo a risolvere la situazione dopo una mischia che si era creata in area avversaria e a battere da due passi il portiere Foster.

BURNLEY-NORWICH 0-0
Uno sterilissimo 0-0 contraddistingue la sfida in fondo alla classifica tra Burnley e Norwich. Fatto sta che quest’ultima, dopo le prime sei sconfitte consecutive in stagione, riesce a racimolare il primo punticino in classifica. Restano ancora a secco di successi i padroni di casa, che si erano costruiti le migliori occasioni da gol con Vydra e Lowton.

BRIGHTON-ARSENAL 0-0
Si ferma a tre la striscia di vittorie consecutive in Premier dell’Arsenal, che non riesce ad andare oltre lo 0-0 a Brighton, ora secondo con 14 punti. Al 23’ Aubameyang incorna nell’area piccola un cross ma trova solamente il palo. I padroni di casa non stanno a guardare e si rendono pericolosi un paio di volte entrambi con Duffy, che non inquadra lo specchio della porta per pochissimo. Nella ripresa Sanchez compie una prodezza sulla conclusione di Rowe, mentre nel finale Duffy reclama a gran voce un calcio di rigore: l’arbitro va al Var ma non cambia la propria decisione. Reti bianche, quindi, al Falmer Stadium. I Gunners salgono a quota 10.
 

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments