Furia Irlanda del Nord: "Peggio di Henry nel 2009"

La Svizzera si è imposta a Belfast dal dischetto: "Rigore sconcertante"

  • A
  • A
  • A

"Un rigore dato così è peggio della mano di Henry contro la Francia nel 2009". Così Jonny Evans, fratello di Corry il difensore nordirlandese che ha causato il rigore vincente della Svizzera nell'andata dello spareggio mondiale, ha definito la scelta di Hategan. Un "rigore sconcertante" come è stato definito dai media locali, "decisione deplorevole" secondo i quotidiani britannici. Che sia Irlanda o Nord Irlanda, non c'è fortuna con gli spareggi.

Il Windsor Park incredulo è una fotografia segnante di Irlanda del Nord-Svizzera 0-1, andata del playoff che vale l'accesso a Russia 2018. Un successo esterno che mette i rossocrociati in una posizione di forza, quasi al check-in degli imbarchi per Mosca, ma arrivato in maniera più che controversa grazie a un rigore realizzato al 58' dal milanista Rodriguez, pressoché infallibile dal dischetto. Penalty che, va detto, anche visto e rivisto non c'è. Il tiro a distanza ravvicinata di Shaqiri colpisce Corry Evans sulla spalla, niente che giustifichi rigore e ammonizione che farà saltare il ritorno allo stesso difensore.

Pronte e furiose le reazioni dei padroni di casa dopo la partita. "Un rigore sconcertante" si legge sul Belfast Telegraph nel commento alla sconfitta interna che complica - e non di poco - la situazione dei ragazzi di O'Neill; scelta "deplorevole" fa loro eco il Mirror dalla Gran Bretagna. Più pesante il confronto di Jonny Evans, fratello dello sfortunato protagonista in negativo: "Questo rigore è peggio della mano di Henry contro la Francia nel 2009". Peggio o no, la verità è che la verde isola d'Irlanda nelle sue due forme non è fortunata con gli arbitraggi agli spareggi e dopo quella mano che qualificò la Francia nel 2009 ai danni dell'Irlanda del Trap, ora potrebbe esserci un altro scandalo. Alla faccia del Var che avrebbe risolto problemi come questo, ma magari dal prossimo giro.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments