Messi trascina l'Argentina

Tripletta e Ecuador battuto 3-1, si va direttamente a Russia 2018

  • A
  • A
  • A

La notte di Lionel Messi, un'altra indimenticabile. Il numero 10 ha trascinato l'Argentina ai Mondiali con l'ennesima partita strepitosa della sua carriera. Nel momento più difficile dell'Albiceleste, sotto di un gol dopo neanche un minuto con l'Ecuador e a un passo dall'eliminazione, il fenomeno del Barcellona è salito in cattedra con una tripletta d'autore (12', 20' e 62'). Padroni di casa battuti 3-1, argentini direttamente a Russia 2018.

Una notte da ricordare, una notte con un unico protagonista: Messi. Ai 2800 metri d'altitudine di Quito ha fatto tutto la Pulce. In 90' ha cancellato tutti gli stereotipi di non essere decisivo con la maglia della nazionale. Nel momento più difficile si è mostrato un vero leader che ha preso per mano i suoi compagni. La squadra di Sampaoli era condannata a vincere e sperare per conquistare la qualificazione Mondiale. L'inizio di partita, però, è stato shock con il gol di Ibarra dopo 38". Da qui in poi è stato un monologo. Il fenomeno del Barcellona prima ha trovato il pareggio al 12' con un bel triangolo con Di Maria, poi ha messo la freccia al 20' con un sinistro potente sotto l'incrocio. Nella ripresa la perla per la tripletta: un sinistro vellutato nel sette, quasi un pallonetto. Un gol che ha mandato in estasi un intero popolo, tutta l'Argentina ora è ai suoi piedi. L'Albiceleste se l'è vista brutta, ma ha conquistato il biglietto per Russia 2018 chiudendo al terzo posto il girone dietro a Brasile e Uruguay. Un Mondiale senza Messi non poteva esserci e lui ha risposto presente.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments