VERSO MILAN-CAGLIARI

La notte di Ibra: tra quota dieci e... l'annuncio

Contro il Cagliari per andare in doppia cifra alla voce gol e per comunicare il prolungamento di contratto con i rossoneri

  • A
  • A
  • A

Forse non sarà proprio come se la immagina lui, barba e capelli bianchi e un pallone tra i piedi anche a cinquant'anni, ma chiuderla con i fuochi d'artificio, quello sì, potrebbe anche non essere una brutta idea. Fatto sta che Milan-Cagliari, epilogo tecnicamente insignificante di un campionato complicato e dai due volti, potrebbe davvero essere la notte di Zlatan Ibrahimovic. In campo, ovviamente, dove lo svedese proverà a toccare la doppia cifra alla voce gol segnati. Ma anche, se non soprattutto, fuori. Mettiamola così, . Colpo di teatro buono per salutare al meglio tutto il popolo milanista e proiettarsi con una certezza in più verso l'anno (calcistico) che verrà.

Dalla notte di ieri circola questa voce che lega ulteriormente il destino di Stefano Pioli, confermato a sorpresa dopo il successo contro il Sassuolo, e, appunto, Zlatan Ibrahimovic. Le parti avrebbero intenzione di annunciare la fumata bianca del rinnovo proprio a margine del match di stasera contro il Cagliari. Sono spifferi di corridoio che, per chiarirci, l'entourage del giocatore non conferma (ma nemmeno smentisce). Sono, però, anche il modo migliore per ufficializzare quel che tutti pensano da qualche giorno: che alla fine di questa storia, questa storia, per ora, non avrà fine.

Sui termini del contratto ancora siamo alle ipotesi: un anno con la prospettiva di entrare nel quadro tecnico-dirigenziale del Milan oppure due stagioni spalmando un po' l'ingaggio e poi si vedrà. Ma sono questioni collaterali, particolari di una cerimonia che sembrava non dovesse essere più celebrata e che invece, oggi, altro non aspetta che la pronuncia del fatidico sì.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments