Cina, Lippi di nuovo ct

Annunciato il ritorno dell'allenatore toscano come ct: obiettivo Qatar 2022

  • A
  • A
  • A

Ora è ufficiale: Marcello Lippi torna a sedersi sulla panchina della nazionale di calcio della Cina, a quattro mesi dall'addio maturato dopo l'eliminazione dei Dragoni rossi dalla Coppa d'Asia. Lo ha annunciato la stessa federcalcio cinese. Dopo la breve parentesi di Fabio Cannavaro, che di recente ha lasciato l'interim della nazionale per continuare ad allenare il Guangzhou, Lippi ha trasformato la sua posizione di "advisor" in ct a tempo pieno.

In vista delle fasi preliminari in Asia per le qualificazioni alla Coppa del Mondo di Qatar 2022, a partire da settembre 2019, Lippi è diventato "il ct della nazionale cinese", ha scritto la federcalcio locale in una nota. A ottobre 2016, l'ex allenatore degli Azzurri campioni del mondo a Germania 2006 "ha registrato 3 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta nelle fasi finali asiatiche di qualificazione" a Russia 2018. Successivamente, "ha guidato la Nazionale alle finali della Coppa d'Asia, avanzando ai quarti di finale. Da quando Lippi ha allenato la Nazionale, la squadra ha dimostrato uno spirito positivo e una tenace postura combattiva", si legge nella nota. "Crediamo che nei giorni a venire, sotto la guida di Lippi e del suo team, la Nazionale maschile possa avere un grande impatto sui sogni in Coppa del Mondo".

Il ritorno di Lippi è stato salutato con favore dai media cinesi e dai netizen sui social media, e verosimilmente dal primo tifoso e grande appassionato di calcio, il presidente Xi Jinping. Il 22 marzo, durante la cena di gala al Quirinale in onore della sua visita in Italia, Xi ruppe il cerimoniale andando a salutare Lippi, uno dei 170 ospiti. Sotto la presidenza di Xi, Pechino ha moltiplicato le sue ambizioni e gli investimenti sul calcio, puntando a ospitare e persino vincere la Coppa del Mondo. Finora vanta solo la partecipazione del 2002, all'edizione Corea Sud-Giappone, chiusa senza vittorie e gol.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments