L'INTERVISTA

Totti torna sull’addio alla Roma: “Sono stato costretto. Avrei voluto smettere in un altro momento”

Nell’anticipazione dell’intervista dell’ex capitano giallorosso al Corriere della Sera c’è spazio anche per i rimpianti: “Il calcio a Balotelli e lo sputo a Poulsen. Sono state le cose più brutte che potessi fare”

  • A
  • A
  • A

Francesco Totti si racconta in un’intervista a ‘Il Corriere della Sera’ in cui parla del Covid che l’ha colpito duramente, della serie tv a lui dedicata e soprattutto della sua carriera nella Roma. Dall’anticipazione che è stata pubblicata, appare evidente che l’ex capitano giallorosso non ha ancora digerito l’addio al club del suo cuore: “Sapevo che prima o poi avrei dovuto smettere. Bisogna essere realisti. A 40 anni è pure difficile arrivare e continuare a giocare al livello giusto – ha dichiarato Totti - Però nel mio caso sono stato costretto”.

Getty Images

“Una soluzione si poteva trovare, insieme – continua il ‘Pupone’ - Avrei voluto smettere in un altro momento. Avrei voluto essere io a prendere la decisione. Trigoria è quasi la mia prima casa”. Sicuramente quello in cui è cresciuto l’ex numero 10 è un calcio molto diverso da quello di oggi, interessante a questo proposito la lettura di Totti: "L’arrivo dei social ha fatto sbarellare e rendere più individualisti i giocatori – ha spiegato - ma il problema è più di fondo: stanno sparendo i campioni. Ci sono meno campioni e più giocatori costruiti".

Infine c’è spazio per i rimpianti di una carriera: “Cosa mi rimprovero? Il calcio a Balotelli e lo sputo a Poulsen. Sono state le cose più brutte che potessi fare, cose non da me. Tuttora non riesco a capire come possa aver compiuto gesti simili”.

Vedi anche Totti riavvicina la Roma: "Se i Friedkin chiamano ci parlo" roma Totti riavvicina la Roma: "Se i Friedkin chiamano ci parlo"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments