COPPA ITALIA

Milan, Pioli: "Obiettivo Europa, con la Juve ce la giochiamo"

Il tecnico sul futuro: "Difficilmente nelle mie esperienze precedenti a 14 partite dalla fine sapevo quale fosse"

  • A
  • A
  • A

Dopo la lunga sosta per l'emergenza coronavirus, il Milan è pronto a tornare in campo: contro la Juve c'è in palio la finale di Coppa Italia. "Partiamo alla pari, abbiamo uno svantaggio di risultato, ma abbiamo le qualità per giocarcela - ha detto Pioli a Milan TV - Abbiamo voglia di passare il turno, ci proveremo". Sugli obiettivi: "Vogliamo portare il Milan in Europa". Sul suo futuro: "Difficilmente a 14 partite dalla fine sapevo quale fosse".

Getty Images

LA CONFERENZA DI PIOLI
Sulla ripresa. "Riprendere a giocare è la cosa più importante e bisogna farlo in sicurezza, questo è chiaro. Noi del Milan siamo stati molto attenti, abbiamo preso le precauzioni necessarie e siamo sempre favorevoli alla ripresa del campionato. E' chiaro che la mancanza di tifosi è un danno enorme, in questo momento è il male minore e non si può fare altrimenti. Noi amiamo tutti questo sport e ora che possiamo tornare a giocare dobbiamo farlo con passione per cercare di dare divertimento e svago ai tifosi di calcio che ci seguiranno da casa. Dobbiamo mettercela tutta".

Il lungo lockdown. "Nelle settimane in cui siamo stati in casa ho staccato anche io volutamente e quindi ho lasciato tranquilli tutti. Poi dopo con la speranza di tornare a giocare ho cercato di riaccendere in tutti un po' di motivazione e di obiettivi, ci siamo sentiti costantemente sia con lo staff e con i giocatori". 

Il nuovo calendario. "Il calendario così fitto è una novità, un'eccezione, lo sarà per tutti. Tra l'altro andremo incontro a temperature alte e quindi ci sarà da stare molto attenti e curare tutti i dettagli, tutti i particolari, soprattutto il recupero, l'alimentazione perché saremo impegnati tanto. Per evitare più rischi dovremo lavorare con molta attenzione".

Il suo futuro. "Difficilmente nel mio passato nelle mie esperienze precedenti a 14 partite dalla fine sapevo quale fosse il mio futuro professionale. Io ho solo un obiettivo in testa: dare il massimo e ottenere il massimo da questa stagione perché abbiamo ancora degli obiettivi importanti".

Sul confronto con Gazidis: "E' servito, c'è stato un confronto chiaro e diretto. Quando ci si parla è sempre la cosa migliore da fare, anche se si hanno opinioni diverse".

Obiettivi stagionali. "Noi abbiamo in testa il nostro obiettivo, di portare il Milan in Europa e abbiamo due strade da percorrere, il campionato e la Coppa Italia. Adesso il calendario ci dice che la prima competizione è la Coppa Italia e dobbiamo essere concetrati su questa e lo siamo. Dico sempre ai giocatori che non conta il nome che portiamo sulle spalle, ma il distintivo che abbiamo sul petto". 

La condizione della squadra. "La condizione e le gerarchie possono cambiare. Giocheremo ogni tre giorni e ci sarà bisogno di tutti. Si sono ripresentati tutti bene, hanno lavorato bene a casa e lo stanno facendo anche qui. Nessuno domani potrà essere al 100%, così come non lo saranno i nostri avversari. Paquetà è uno di quelli che si è presentato bene e sta bene".

Su Bennacer: "Ismael ha fatto vedere ottime cose, sta facendo un campionato di qualità, ma credo che può migliorare ancora tanto. E' un ragazzo generoso e un grande lavoratore, la sua crescita sarà costante con questo atteggiamento".

La sfida con la Juve: "L'abbiamo affrontata due volte. Sono state sempre partite difficili anche per loro. In entrambi i casi siamo usciti dal campo con qualche rimpianto per il risultato. Se loro hanno trovato la stoccata vincente nel momento giusto, adesso dovremo essere bravi noi questa volta a trovarla. Domani partiamo alla pari, abbiamo uno svantaggio di risultato, ma abbiamo le qualità per giocarcela. Avere uno stadio che ti tifa contro mi ha sempre dato grande energia. Ovviamente avrebbe dato una spinta anche ai nostri avversari. Dobbiamo adattarci subito all'assenza del pubblico, già a San Siro contro il Genoa abbiamo pagato questa cosa. Da quell'esperienza dobbiamo trarre dei vantaggi. Tutti abbiamo voglia di passare il turno, ci proveremo".

Il Milan, all'Allianz Stadium, dovrà fare a meno degli squalificati Ibrahimovic, Hernández, Castillejo e di Musacchio per un'infiammazione alla caviglia sinistra.
Questi i convocati rossoneri a disposizione di Mister Pioli per la Semifinale di ritorno:

PORTIERI
Begović, A. Donnarumma, G. Donnarumma.

DIFENSORI
Calabria, Conti, Gabbia, Kjær, Laxalt, Romagnoli.

CENTROCAMPISTI
Bennacer, Biglia, Bonaventura, Brescianini, Çalhanoğlu, Kessie, Krunić, Paquetá, Saelemaekers.

ATTACCANTI
Colombo, Leão, Maldini, Olzer, Rebić.

Vedi anche Milan, Ibra a muso duro: "Club senza progetto, se resto è solo per passione" Milan Milan, Ibra a muso duro: "Club senza progetto, se resto è solo per passione"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments