Napoli ok a S. Siro: 2-1 al Milan

Due gol nei primi nove minuti condannano i rossoneri, che reagiscono con Kucka

di
  • A
  • A
  • A

Successo a San Siro per il Napoli di Sarri che, nel secondo anticipo della 21.a giornata di Serie A, ha superato il Milan 1-2. Inizio fulminante per gli azzurri che tra il 6' e il 9' decidono il match con un sinistro di Insigne e un inserimento letale di Callejon. La reazione del Milan arriva con Kucka al 37', mentre nella ripresa è l'incrocio dei pali a negare il pareggio a Pasalic. Il Napoli aggancia momentaneamente la Roma al secondo posto.

Gode il Napoli, se la ride Sarri che ha dato scacco matto a Montella nel giro di dieci minuti. Ma non è stata una passeggiata come l'inizio shock del Milan avrebbe lasciato intendere, anzi. Gli azzurri per agganciare la Roma al secondo posto dietro la Juventus hanno dovuto battagliare fino alla fine contro i rossoneri, difendendo con i denti il prezioso bottino incamerato in meno di seicento secondi. Dopo mezz'ora di calcio spettacolo puro, è arrivata la reazione del Milan fino al gol un po' casuale di Kucka che ha dato vinta a un secondo tempo avvincente in cui il pareggio è sempre stato a un passo. I ragazzi di Montella però pagano ancora il difetto stagionale di regalare una buona parte del primo tempo, come successo a Torino nell'ultimo turno. Questa volta però l'incrocio dei pali ha negato il pareggio.

Nella prima mezz'ora però si è visto un Napoli a tratti galattico, pronto per il Real Madrid e abile a sfruttare il coraggio del Milan di Montella. Con gli esterni difensivi molto alti, tanto da far entrare Abate solo in area per poi sbagliare l'ultimo passaggio, gli azzurri di Sarri hanno saputo colpire con precisione assoluta negli spazi, reclamando un rigore con Mertens e bucando gli esterni con Insigne e Callejon. In regia Mertens, che nel primo caso conclude con un assist perfetto al compagno un contropiede in grado di coprire i cento metri del campo con tre passaggi, e nel secondo pesca Callejon in area per la magia dello spagnolo che infila Donnarumma sotto le gambe. Uno uno-due tremendo per il Milan, come a Torino, ma con un pizzico di confusione in più in uscita di palla anche per via della scarsa intesa tra Sosa e Gomez nel mezzo. Al 29' Mertens solo davanti al portiere cerca un sinistro al volo invece di stoppare, mancando il colpo letale. Da lì è iniziata la partita del Milan, bravo a non crollare e a riassestarsi, fino a mettere in difficoltà il Napoli che, quasi di conseguenza, regala a Kucka con Tonelli la palla per riaprire il match, dopo un gol sfiorato da Gomez sugli sviluppi di un corner.

La battaglia della tattica però diventa ancora più appassionante nella ripresa, con due squadre coraggiose a sfidarsi a viso aperto senza rischiare la giocata. Il rientro in campo del Milan è ottimo e porta all'incrocio dei pali colpito da Pasalic di testa, ma sono Sosa e Bonaventura a salire in cattedra. Il regista, dimenticandosi gli errori del primo tempo, comincia a sventagliare cambi di gioco precisi che mandano in tilt Hysaj e Strinic, facendo emergere le qualità dell'esterno rossonero e la solidità della fase difensiva di Sarri. Salvo qualche imprecisione di Tonelli in palleggio, Albiol e compagni hanno retto l'urto, ma riuscendo con molta meno semplicità a ribaltare il fronte. In una di queste occasioni è superbo Donnarumma a chiudere la strada a Mertens, con l'occasione che segnala la riserva sopraggiunta per il centrocampo di Montella. Pur col pallino del gioco in mano, un Napoli racchiuso in pochi metri ha controllato l'ultima parte di partita, difendendo con la linea a centrocampo e limitando a un colpo di testa di Paletta nel finale l'unico brivido. Dimostrazione di forza e maturità, così come il Milan ha confermato un buon carattere. Ma troppo tardi. 

Bacca 5 - Lontano parente di quello che siamo abituati a conoscere. Sbaglia praticamente tutto, sembra un pesce fuor d'acqua

Insigne 7,5 - Illumina San Siro con le sue giocate: il gol, ma anche gesti tecnici notevoli che spaccano in due il Milan

Kucka 6,5 - E' l'anima di questa squadra, motorino instancabile. Si conquista il gol non facendo mancare il suo contributo nelle due fasi

Mertens 6,5 - I due gol dei compagni arrivano con palloni al bacio del belga. Ottimi i movimenti a eludere la difesa, ma sulla coscienza e sulla valutazione pesano i due gol sprecati davanti al portiere

Bonaventura 6,5 - Costringe Sarri a un cambio tattico per arginarlo. Quando si accende, nella ripresa, è incontenibile. Non riesce a trovare il guizzo vincente

Tonelli 5 - E' stato il punto debole dello scacchiere di Sarri. Ha altre qualità, non certo il palleggio. Si è visto

MILAN-NAPOLI 1-2
Milan (4-3-3):
Donnarumma 6; Abate 6,5, Paletta 6, Gomez 6, Calabria 5,5; Kucka 6,5, Sosa 6 (29' st Bertolacci 5,5), Pasalic 6 (41' st Niang sv); Suso 5,5, Bacca 5 (29' st Lapadula 5,5), Bonaventura 6,5. A disp.: Storari, Plizzari, Ely, Zapata, Vangioni, Antonelli, Poli, Honda, Cutrone. All.: Montella 5,5
Napoli (4-3-3): Reina 6; Hysaj 5,5, Albiol 6,5, Tonelli 5, Strinic 6,5; Allan 6,5 (40' st Rog sv), Jorginho 5,5 (16' st Diawara 6), Hamsik 5,5 (29' st Zielinski 6); Callejon 6,5, Mertens 6,5, L. Insigne 7,5. A disp.: Sepe, Rafael, Maggio, Lasicki, Maksimovic, Giaccherini, Gabbiadini, Pavoletti, Lasickj. All.: Sarri 6,5
Arbitro: Rocchi
Marcatori: 6' Insigne (N), 9' Callejon (N), 37' Kucka (M)
Ammoniti: Calabria, Sosa, Gomez, Bacca (M); Mertens, Tonelli, Callejon (N)
Espulsi: nessuno

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments