Sampdoria, Giampaolo: "O si cresce o vado via"

Dopo la gara col Parma il tecnico scuote l'ambiente: "Ho già parlato con la società: un altro anno nell'anonimato non ci sto a viverlo"

  • A
  • A
  • A

"Ho già parlato con la società: un altro anno nell'anonimato, il prossimo, non ci sto a viverlo. In questi tre anni siamo cresciuti, ora ci serve uno step ulteriore o altrimenti non è proponibile che io rimanga qui". Marco Giampaolo, tecnico della Sampdoria, scuote l'ambiente dopo il pari in casa del Parma e riguardo al suo futuro annuncia: "Non gioco su due tavoli - ha detto - Con la società ho già parlato, ho detto quel che penso: abbiamo ceduto tanti giocatori importanti, chi è restato ha lavorato bene, chi ha fatto scouting ha trovato buone alternative. Ma ora dobbiamo crescere, altrimenti cosa resto a fare? Piuttosto, sono disposto anche a stare un anno fermo".

"Oggi i ragazzi hanno interpretato la partita nella maniera giusta. La squadra ha fatto una grande partita, l'abbiamo pareggiata per qualche errore individuale. Ho chiesto alla squadra di fare un finale da professionisti seri. Rispettare la maglia e i nostri tifosi, perché poi nessuno può dirti nulla. L'asticella l'ho alzata io, chiudere questo campionato in maniera dignitosa è il primissimo obiettivo", ha aggiunto Giampaolo ai microfoni di Sky Sport. "Siamo andati sotto subito, eravamo ancora lì a pensare al gemellaggio, poi la squadra si è rimessa a lavorare, ha fatto le cose perbene. Il Parma ha sfruttato gli errori che hanno determinato questo pari".

Nel corso della stagione, la Samp ha anche sperato per qualche partita all'Europa League: "Bisogna mirare all'obiettivo grosso e ho fatto questo. Ho motivato i miei calciatori. Se tornassi indietro - ha confessato il mister - lo farei ancora. A tratti, la squadra mi ha dato la sensazione di poterci stare. Lavoriamo per migliorarci, senza timbrare un'altra stagione pensando di essere ancora anonimi". "Se resto? Vediamo. Ci dobbiamo incontrare. Se ci sono le condizioni andiamo avanti, altrimenti per il bene di entrambi...".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments