INTER

Inter, la Curva Nord: "Biglietti gestiti male, nel derby non tiferemo"

Il comunicato: "Delusi e spiazzati, così non si fa. Chiediamo aiuto a Marotta"

  • A
  • A
  • A

La Curva Nord in silenzio durante il derby: questa la 'promessa' della frangia più calda della tifoseria dell'Inter, che in un comunicato ha criticato la gestione della vendita dei biglietti per la sfida di sabato 5 febbraio contro il Milan. "Delusi e spiazzati, così non si fa. Ci rivolgiamo a Marotta che ha più volte dimostrato di avere a cuore i tifosi più fedeli. Con queste prospettive niente striscioni, niente bandiere e niente tifo" si legge nella nota su Facebook.

IL COMUNICATO DELLA CURVA NORD
"DERBY? Comunicato CURVA NORD. Siamo delusi e spiazzati da come è stata gestita la vendita dei biglietti per la Curva Nord relativamente al prossimo derby. Con la capienza al 50% e la logica dell'1+1 per gli abbonati 19/20, i tagliandi si sono volatilizzati senza che la maggior parte di noi riuscisse a prendere il proprio titolo d'accesso. Cara Inter: così non si può fare. Ci rivolgiamo nello specifico al Dottor Marotta, che più volte ha dimostrato di essere uomo con a cuore i propri tifosi più fedeli. Non è il nostro un discorso di privilegi che non ci interessa avere, è un semplice concetto di meritocrazia e buon senso. Se queste sono le prospettive per la partita più importante per il tifo interista, con tanti dei nostri ragazzi esclusi, allora, nostro malgrado, la Curva Nord non porterà tamburi e megafoni, non metterà striscioni e bandiere e non tiferà per l'intera partita. Ed ovviamente non ci sarà alcuna coreografia".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti