MILAN-LAZIO

Quarti Coppa Italia, Milan-Lazio 4-0: rossoneri in semifinale, sarà derby con l'Inter

Match deciso nel primo tempo con la rete di Leao e la doppietta di Giroud. In gol anche Kessie. Sarri in apprensione per il ko di Immobile

di
  • A
  • A
  • A

Il Milan ha battuto 4-0 la Lazio nei quarti di finale di Coppa Italia qualificandosi per la semifinale in cui se la vedrà con l'Inter nel derby. Partita senza storia a San Siro sbloccata da Rafael Leao al 24' con un diagonale mancino che ha sorpreso Reina. La reazione della Lazio di Sarri non è arrivata e il Milan ne ha approfittato già nel primo tempo per chiudere i conti con la doppietta di Giroud al 41' e al 46'. Poker di Kessie.

LA PARTITA

Non c'è stata storia a San Siro. Sull'onda dell'entusiasmo del derby appena vinto in campionato il Milan di Pioli ha approfittato dell'incapacità della Lazio di giocare sfide ad alto tasso di concentrazione ogni tre giorni, denunciata spesso dal tecnico Sarri, per strapazzare l'avversario con un netto 4-0 che vale il doppio derby contro l'Inter in semifinale di Coppa Italia. Una sfida in equilibrio per metà primo tempo, spezzato da una verticalizzazione vincente sullo strano asse Romagnoli-Leao che ha lanciato i rossoneri verso il poker finale grazie anche alla doppietta di Giroud e al poker nel finale di Kessie. Lazio troppo brutta per essere vera, con un netto passo indietro rispetto alle ultime uscite e con un macigno grosso così sul groppo di Sarri: l'infortunio tutto da valutare di Immobile.

Le scelte per i titolari hanno dimostrato che a fare bene in Coppa Italia alla fine tenevano sia Pioli che Sarri. Niente turnover massiccio ma qualche aggiustamento tattico qua e là. Ne è uscita una partita su buoni ritmi fin da subito con il Milan pronto a pressare alto la Lazio per recuperare immediatamente il pallone e i biancocelesti a loro volta molto corti e con la linea difensiva altissima per non lasciare il palleggio ai rossoneri. Scelte tattiche che hanno lasciato comunque l'inerzia del gioco al Milan di Pioli che una volta trovata la chiave per sorprendere la fase difensiva di Sarri, ha dilagato.

Il momento giusto è arrivato al 24' con una verticalizzazione precisa - quasi da trequartista - di Romagnoli per Leao che in profondità scattando tra Hysaj e Luiz Felipe è entrato in area battendo in diagonale un Reina poco reattivo. Sopra di un gol il Milan ha continuato nella propria partita ad alta intensità, mentre la Lazio non ha reagito scoprendo il fianco con troppa facilità. Ne ha approfittato Giroud tra il 41' e il 46', nel giro di pochi minuti come nel derby di campionato, per infilare la sua terza doppietta stagionale a San Siro: prima deviando in rete da pochi passi l'assist di un ispirato Leao e poi bruciando Marusic sul secondo palo per girare in porta il rasoterra di Hernandez.

Nella ripresa Sarri ha mandato nella mischia quasi subito i suoi uomini di qualità come Pedro e Luis Alberto, ma ha perso Immobile per infortunio dopo uno scontro al limite con Kalulu. Troppo poco per riaprire un match già in ghiacciaia e mai del tutto giocato, come recita la tabella dei tiri in porta biancocelesti: uno. A dieci minuti dalla fine poi è arrivato anche il poker di Kessie per completare la festa rossonera.

--

LE PAGELLE

Leao 7,5 - Imprendibile sulla sinistra, ispirato ma soprattutto lucido nell'ultima giocata. Il portoghese spacca in due la partita sbloccando il match scappando sul filo del fuorigioco e poi servendo l'assist per il raddoppio a Giroud.

Romagnoli 6,5 - Partita di controllo in fase difensiva, ma è il suo lampo in verticale che apre il match. Un assist perfetto che manda in porta Leao.

Giroud 7,5 - Momento magico per il centravanti rossonero che a San Siro si scatena trovando la terza doppietta stagionale, la seconda in pochi giorni e in pochi minuti di gioco. Due reti da pochi passi ma con movimento e tocco da grande attaccante, con tanto di scherzo all'ex allenatore al Chelsea Sarri.

Luiz Felipe 5 - Serata da dimenticare al centro della difesa. Graziato per un erroraccio al limite dell'area, dalle sue parti transita Leao per i primi due gol. Nel secondo viene saltato con troppa facilità dal portoghese.

Basic 4,5 - Un corpo estraneo in mezzo al campo che si fa notare soprattutto per il pallone sanguinoso che manda in porta il Milan per il raddoppio. Un errore banale, ma pesantissimo nell'economia del match.

Milinkovic-Savic 4,5 - Nervoso con se stesso e con i compagni, ma troppo presto fuori dal gioco. Sbaglia troppo tecnicamente e si perde nelle trame avversarie. Meglio nella ripresa con l'ingresso di Luis Alberto, ma ampiamente sotto i suoi standard di rendimento.

--

IL TABELLINO

MILAN-LAZIO 4-0
Milan (4-2-3-1):
Maignan 6; Calabria 6 (31' st Tomori sv), Kalulu 6, Romagnoli 6,5, Hernandez 6,5; Tonali 6,5 (1' st Bennacer 6), Kessie 6,5; Messias 6,5 (16' st Saelemaekers 6), Diaz 6,5, Leao 7,5 (31' st Maldini sv); Giroud 7,5 (16' st Rebic 6). A disp.: Tatarusanu, Mirante, Florenzi, Gabbia, Krunic, Bakayoko, Lazetic. All.: Pioli 7.
Lazio (4-3-3): Reina 5,5; Hysaj 5 (16' st Lazzari 5,5), Luiz Felipe 5, Patric 5,5, Marusic 5; Milinkovic-Savic 4,5, Cataldi 5 (5' st Leiva 5,5), Basic 4,5 (5' st Luis Alberto 6); Anderson 5 (5' st Pedro 6), Immobile 5 (23' st Moro 6), Zaccagni 6. A disp.: Strakosha, Adamonis, Radu, Floriani Mussolini, Kamenovic, A. Anderson, Cabral, Romero. All.: Sarri 4,5.
Arbitro: Sozza
Marcatori: 24' Leao, 41' Giroud, 46' Giroud, 34' st Kessie
Ammoniti: Tonali (M); Luiz Felipe (L)
Espulsi: nessuno
--

LE STATISTICHE DI OPTA
● Il Milan ha vinto un match in tutte le competizioni con un margine di almeno quattro gol per la prima volta dallo scorso maggio contro il Torino in Serie A (7-0 in quel caso).
● Rafael Leão ha segnato nove gol nel 2021/22 in tutte le competizioni: il portoghese non aveva mai realizzato così tante reti in precedenza in una singola stagione con un club dei maggiori cinque campionati europei.
● Olivier Giroud è solo il 3° giocatore del Milan nelle ultime 10 stagioni in grado di segnare in quattro match ufficiali da titolare di fila al Meazza (dopo Zlatan Ibrahimović nell’ottobre 2020 e Hakan Çalhanoğlu a luglio 2020).
● Era da novembre contro il Napoli che la Lazio non subiva quattro reti senza segnarne nessuna in tutte le competizioni.
● Rafael Leão ha partecipato attivamente a 14 reti in questa stagione in tutte le competizioni (nove gol e cinque assist) meglio rispetto a qualsiasi altra stagione da quando gioca in uno dei maggiori cinque campionati europei.
● Olivier Giroud ha realizzato 10 gol in otto partite ufficiali da titolare allo stadio Meazza con il Milan.
● Olivier Giroud ha segnato una marcatura multipla per due partite consecutive per la prima volta da gennaio 2013, quando vestiva la maglia dell'Arsenal.
● Theo Hernández ha servito il suo ottavo assist in tutte le competizioni nel 2021/22, più che in qualsiasi altra stagione da quando gioca in uno dei maggiori cinque campionati europei.
● Franck Kessié ha segnato tre gol nelle sue ultime tre presenze con il Milan in tutte le competizioni, tanti quanti nelle sue precedenti 20 gare in questa stagione.
● Alessio Romagnoli ha servito oggi il suo primo assist in stagione in tutte le competizioni e, più in generale, si tratta del primo passaggio vincente in carriera in Coppa Italia per il capitano del Milan.
● Per la seconda volta in questa stagione il Milan chiude un primo tempo in vantaggio di tre gol, dopo la sfida di Serie A contro il Cagliari ad agosto (4-1 in quel caso).
● Luiz Felipe ha collezionato 12 cartellini gialli in tutte le competizioni nella stagione in corso: solo Gianluca Mancini (13) è stato ammonito pèiù spesso tra i giocatori che militano nei maggiori cinque campionati europei.
● Luiz Felipe è il giocatore della Lazio che ha giocato dal primo minuto il maggior numero di partite nella stagione in corso in tutte le competizioni (28).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti