JUVENTUS-GENOA 3-2 DTS

Coppa Italia: Juventus-Genoa 3-2, il baby Rafia porta Pirlo ai quarti

Bianconeri avanti con Kulusevski e Morata, ma raggiunti da Czyborra e Melegoni. Nell'extra-time il sigillo del ragazzino dell'Under 23

di
  • A
  • A
  • A

La Juve stacca il pass per i quarti di Coppa Italia dove attende la vincente di Sassuolo-Spal. All'Allianz Stadium i bianconeri, con diversi giovani in campo, hanno battuto 3-2 il Genoa dopo i tempi supplementari. Kulusevski sblocca la gara dopo 2' e regala a Morata il pallone del 2-0 (23'). Czyborra accorcia in tuffo di testa (28'), Pjaca prende la traversa (53') e Melegoni trova il pari (74'). Al 104' Rafia decide il match. 

LA PARTITA
La Juve domina, si fa rimontare, è costretta ai supplementari, ma alla fine la spunta su un Genoa mai domo e passa a fatica il turno in Coppa Italia. Pirlo pesca dalla panchina il match-winner, ma non è il solito Cristiano Ronaldo, entrato sul finire del secondo tempo per dare una mano a una squadra stanca e in difficoltà. L'uomo-copertina è Hamza Rafia, trequartista tunisino con il passaporto francese classe 1999 della Under 23, acquistato un anno e mezzo fa per una somma pari a 400mila euro più bonus che possono arrivare fino a 5 milioni, oltre ad una percentuale del 20% su un'eventuale futura rivendita. Dal suo ingresso al 77' al posto di Portanova al gol-qualificazione (girata in mischia) al 104': appena 27' per firmare la rete che ricorderà per tutta la vita e che toglie Pirlo da un certo imbarazzo.

Tra infortunati e big-match con l'Inter all'orizzonte, Pirlo fa un robusto turnover e lancia dal 1' i giovani Dragusin, Wesley e Portanova. Buffon e Chiellini guidano la difesa, mentre in attacco rifiata Ronaldo e la coppia è quella formata da Kulusevski e Morata. Lo svedese, decisivo nella sfida con il Sassuolo, conferma l'ottima stato di forma e alla prima occasione non sbaglia: bello il filtrante di Chiellini, l'ex Parma si inserisce centralmente e fa secco Paleari. La difesa del Genoa è in netta difficoltà, troppo facilmente perforabile centralmente. Al 14', su imbucata di Bentancur, Kulusevski a tu per tu con il portiere rossoblù si fa respingere il sinistro piazzato. Il Grifone è come un pugile alle corde, Paleari salva di piede su Morata ma nulla può al 23', quando Kulusevski pesca lo spagnolo che si infila centralmente e di sinistro fa 2-0. Ballardini è una furia in panchina e se la prende con Dumbravanu, l'uomo adibito ad arginare Kulusevski. Una disattenzione di Wesley (fin lì buona la prova del giovane brasiliano) rimette in partita i liguri: sul bel traversone di Goldaniga, Czyborra tutto solo batte in tuffo di testa Buffon. Siamo al 28' e la gara improvvisamente si riapre. Prima della fine della prima frazione Chiffi annulla due gol ai bianconeri, ad Arthur (precedente fuorigioco di Morata) e a Portanova (in fuorigioco sull'assist di Morata).

A inizio ripresa Morata sbatte contro Paleari (alla fine il migliore in campo) e piano piano lascia campo a un Grifone mai domo. La traversa di Pjaca al 53' è il classico campanello d'allarme e la frittata bianconera è servita al 74', quando Melegoni trova un eurogol con un destro a giro che non lascia scampo a Buffon. Pirlo è costretto a cambiare i piani e getta nella mischia Ronaldo negli ultimi minuti, una mossa che non evita i supplementari e un surplus evitabile di fatica. I liguri avvertono la stanchezza, la Juve guadagna metri e cominciano a fioccare le occasioni: Paleari dice no a Morata e Bonucci, ma nulla può sulla girata da pochi passi di Rafia deviata pure da Bani e Lerager. Gli ospiti hanno ancora un sussulto a inizio del secondo overtime, ma Arthur di testa salva sulla linea su Goldaniga. L'ultima occasione capita sui piedi di Kulusevski, ma Paleari è ancora straordinario. La Juve avanza col fiatone e ora deve recuperare le energie perché contro l'Inter è vietato sbagliare.

LE PAGELLE
Rafia 7
- Serata da ricordare per il 21enne tunisino della Under 23. Gol qualificazione al debutto con la prima squadra e dedica alla mamma. Il protagonista che non ti attendi toglie le castagne dal fuoco a Pirlo.
Kulusevski 6,5 - Inizio di gara folgorante dello svedese, che sblocca il match, si divora il raddoppio e regala a Morata il pallone del 2-0. Nella ripresa cala e ai supplementari sfiora il 4-2 nel finale.
Morata 6,5 - Torna dal 1' dopo il problema muscolare e alla fine è costretto a giocare 120'. Segna il 2-0, poi nella ripresa spreca un paio di occasioni e nei supplementari sfiora la doppietta.

Melegoni 6,5 - Come tutta la squadra fatica ad entrare in gara, ma cresce con il passare dei minuti. Un suo euro-gol costringe la Juve ai supplementari. E' bravo e ha un grande avvenire davanti.
Rovella 6,5 - E' l'emblema di questo baby Genoa che non molla mai. Davanti ai suoi futuri compagni, dimostra di avere qualità e ampi margini di miglioramento.
Dumbravanu 5 - Serata da incubo per il giovane difensore moldavo al debutto con la prima squadra, travolto nel primo tempo dalla verve e dalla classe di Kulusevski. Un po' meglio nella ripresa, ma non abbastanza per arrivare alla sufficienza.

IL TABELLINO
JUVENTUS-GENOA 3-2 DTS

Juventus (3-4-1-2): Buffon 6; Dragusin 6, Demiral 6,5 (20' st Danilo 6), Chiellini 6,5 (20' st Bonucci 6); Wesley 5,5 (43' st Ronaldo 6), Arthur 6,5, Bentancur 6 (1' st Rabiot 6), Bernardeschi 5,5; Portanova 5 (32' st Rafia 7); Kulusevski 6,5, Morata 6,5. A disp.: Szczesny, Pinsoglio, Frabotta, Capellini, Ramsey, Ranocchia, Felix Correia. All.: Pirlo 6
Genoa (3-5-2): Paleari 8; Goldaniga 6,5, Bani 5,5, Dumbravanu 5 (6' pts Males 5,5); Ghiglione 6, Rovella 6,5, Lerager 6, Melegoni 6,5 (1' sts Radovanovic 6), Czyborra 6,5 (7' sts Eboa Ebongue sv); Scamacca 5,5, Pjaca 6. A disp.: Marchetti, Zima, Masiello, Criscito, Caso, Zajc, Badelj, Destro, Shomurodov. All.: Ballardini 6
Arbitro: Chiffi
Marcatori: 2' Kulusevski (J), 23' Morata (J), 28' Czyborra (G), 29' st Melegoni (G)
Ammoniti: Bentancur (J), Dumbravanu (G), Ghiglione (G), Goldaniga (G), Bani (G), Rovella (G), Bernardeschi (J)
Espulsi: -
Note: -

LE STATISTICHE
La Juventus ha superato gli ottavi di finale di Coppa Italia in ciascuna delle ultime 15 stagioni in cui ha partecipato a questo turno. 
La Juventus ha registrato la sua striscia record di gare casalinghe a segno contro il Genoa, contando tutte le competizioni: 21 partite di fila. 
La Juventus ha realizzato almeno due gol in ciascuna delle ultime otto gare degli ottavi di finale di Coppa Italia, segnando in media 3.4 reti a partita in questo parziale. 
Per la prima volta il Genoa ha segnato più di un gol in una trasferta di Coppa Italia contro la Juventus - non ci era mai riuscito in sei precedenti. 
Era dal 1993 che la Juventus non pareggiava quattro partite di fila in Coppa Italia all'interno dei tempi regolamentari. 
Álvaro Morata ha segnato quattro gol nelle ultime quattro presenze in Coppa Italia; l'ultimo nella competizione risaliva al 21 maggio 2016, quando decise la Finale contro il Milan (1-0). 
Il gol di Dejan Kulusevski (1:24) è il più veloce della Juventus in questa stagione tra campionato e coppe. 
Dejan Kulusevski ha segnato all'Allianz tre dei suoi quattro gol in questa stagione tra campionato e coppe. 
Lennart Czyborra (03/05/1999) e Filippo Melegoni (18/02/1999) sono i due marcatori più giovani del Genoa in questa stagione. 
Primo gol per Hamza Rafia in Italia considerando tutte le competizioni, all'esordio assoluto con la Juventus. 
Quattro dei cinque gol di questa partita sono stati messi a segno da giocatori nati dopo il 1999. 
La Juventus ha schierato la sua formazione titolare con la media età più bassa in questa stagione: 26 anni e 15 giorni. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments